Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Maienfeld

Maienfeld (Svizzera), nel paese di Heidi tra vigneti e pascoli

Pagina 1/2

C’è chi segue le orme di Heidi e arriva a Maienfeld da ammiratore di Johanna Spiry, la scrittrice che nell’Ottocento diede vita alla celebre pastorella innamorata delle montagne. C’è chi si interessa di più al pregiato vino Maienfelder, prodotto dai vigneti dei pendii svizzeri. Ma a Maienfeld, nel Canton Grigioni, troverete prima di tutto il verde intenso dei boschi e dei pascoli, l’azzurro terso del cielo d’alta quota e le sagome imponenti delle Alpi. La meta ideale per una vacanza in famiglia all’insegna del relax o dell’avventura, o ancora meglio di entrambe le cose: il borgo ha in serbo attrattive culturali e un’arte culinaria irresistibile, e il paesaggio circostante invita all’esplorazione ma anche ai picnic sul prato e alle soste all’ombra degli alberi. Infine non mancano le manifestazioni tradizionali, come il mercato storico e il festival degli artisti di strada.

Dominato dal Monte Villan, il villaggio di Maienfeld ha poco più di 4 mila abitanti ma accoglie ogni anno molti visitatori. Tra i motivi più ricorrenti c’è Heidi, la tenera protagonista del romanzo della seconda metà dell’Ottocento, che ha ispirato pellicole e cartoni animati in ogni parte del mondo e è diventata il simbolo della vita tra i monti, così genuina rispetto al mondo di città. Se anche voi cercate una fuga dallo smog, dal traffico e dalla confusione seguite le sue orme “letterarie”: l’autrice Johanna Spiry aveva una casa proprio a Oberrofels, nelle immediate vicinanze di Maienfeld, in quello che è ormai stato soprannominato “Heididorf”, ovvero il “paese di Heidi”.

I luoghi a tema, ispiratori del libro, sono numerosi. Il sentiero di Heidi parte accanto alla stazione dei treni, si snoda tra i viottoli del borgo in direzione Rofels e raggiunge Heididorf, dove la “Casa di Heidi” è diventata un vero e proprio museo a tema. Il tragitto si percorre facilmente a piedi ed è rilassante anche per i meno allenati, a prova di bimbi e passeggino, ma i veri camminatori di montagna possono spingersi oltre e dirigersi all’Alpe di Heidi, l’Ochsenberg, su un sentiero corredato di illustrazioni e racconti sulla pastorella, Peter e il nonno. Lungo la strada è d’obbligo una sosta al ristorante Heidihof (anche hotel), immerso tra i pascoli, e al cospetto del monumento a Johanna Spiry, una bella fontana realizzata negli anni ‘50. Ovviamente non mancano le botteghe dove acquistare gadget e souvenir vari, come l’ufficio postale “Heidi Shop”, ma anche formaggi deliziosi, burro e latte freschissimo. I più piccoli adoreranno il recinto delle caprette, con tanto di agnellini al pascolo.

Per una pausa davvero rigenerante, o semplicemente per trascorrere una giornata di pioggia, c’è la vicina località termale di Bad Regaz, a soli 3 km da Maienfeld, dove lasciarsi coccolare ai bagni Tamina Therme, tra massaggi, vasche a idromassaggio, saune e trattamenti termali per tutti i gusti e le esigenze.
... Pagina 2/2 ...
L’estate è un ottimo periodo per visitare Maienfeld, non solo per il clima piacevolmente fresco e la rigogliosità del paesaggio, ma anche per le manifestazioni che rallegrano le strade del centro. Molti weekend estivi sono ravvivati da Wii-kend, una rassegna enogastronomica consacrata ai vini della zona, con degustazioni, stand e dimostrazioni dei viticoltori, ma l’occasione più attesa è il mercato storico di inizio giugno. Entro le antiche mura cittadine una pittoresca distesa di bancarelle colora i viottoli e la piazza locale, tra succulente specialità gastronomiche e personaggi in costume medievale. Si aggirano ed esibiscono qua e là giocolieri e musicisti, perché in concomitanza col mercato si svolge anche il Festival della Musica di Strada, acclamato da turisti e abitanti della zona.

La cornice è idilliaca, grazie al paesaggio maestoso e al clima. Anche nei mesi più caldi, luglio e agosto, le temperature medie vanno da una minima di 13°C a una massima di 23°C, rivelandosi ideali per la vita all’aria aperta, nonostante qualche temporale estivo fugace vada sempre previsto: proprio in luglio piove mediamente un giorno su due. I valori invernali sono piuttosto rigidi, ma non fanno che aumentare il fascino del borgo e delle vicine montagne, innevate per tutta la stagione fredda, quando si va da una minima media di -5°C a una massima media di -2°C.

Come arrivare? Maienfeld è servita dall’autostrada A13 del San Bernardino (uscita Maienfeld) e ha una stazione ferroviaria con collegamenti alle vicine località di Thusis, Coira e Landquart. L’aeroporto internazionale di Zurigo è a un centinaio di chilometri.
loading...
close