Cerca Hotel al miglior prezzo

Friburgo in Brisgovia (Freiburg): visita alla cittą, cosa vedere e sapere

Friburgo, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Friburgo, conosciuta anche come Friborgo, è una mini metropoli di 36.500 abitanti situata nella parte occidentale della Svizzera, all’interno dell’omonimo cantone. Come si evince anche dalla doppia nomenclatura con la quale si è soliti riferirsi al centro (Fribourg in francese, Freiburg in tedesco), la città è una delle poche bilingui di tutta la Svizzera, con all’incirca 21.000 abitanti di ceppo francese e 8.300 dall’accento tedesco. Dal punto di vista geografico, Friburgo è situata sulle sponde del lago Lemano, tra la capitale Berna e Losanna, nel bel mezzo di un territorio dominato da grandi distese di verde che si estende tra l’Altopiano svizzero e le Prealpi Friburghesi. Numerosi sono i laghi, grandi e piccoli, come quello di Neuchatel o quello di Morat, molto amati dagli appassionati di windsurf.

Le maggiori attrattive di Friburgo sono di carattere storico, o comunque strettamente connesse al glorioso passato medievale del centro. La fondazione dell’abitato risale infatti al 1157, anno in cui i duchi di Zähringen decisero di stabilirsi lungo il corso del fiume Saane. Nel corso dei secoli l’insediamento andò progressivamente aumentando le proprie dimensioni, consolidandosi con la costruzione dell’imponente cinta muraria, ancor oggi perfettamente conservata, lungo la quale si notano ben 14 imponenti bastioni.

La visita alla città non può che partire dall’incantevole centro storico, recentemente dichiarato patrimonio storico. Essendo questo sviluppato lungo il corso del Saane, l’accesso principale al quartiere è il Ponte di Zahringen, che consente di raggiungere rapidamente le zone di Bourg e di Les Placet. Qui, tra stretti vicoli e pittoresche piazze, si stagliano numerosi palazzi dalle splendide facciate gotiche, antiche chiese tardo medievali e diversi monumenti interessanti. La maggior parte dei turisti si concentra nelle aree limitrofe alle famose piazze di Notre-Dame e Gorge Python, sulle quali si affacciano alcuni tra gli edifici più preziosi di Friburgo. Se poi si è stanchi di girare per chiese e musei ci si potrà concedere una sosta ristoratrice in uno dei molti locali caratteristici della zona, particolarmente apprezzata anche dagli amanti dello shopping.

L’elemento più caratteristico e facilmente distinguibile è la torre della Cattedrale di Saint-Nicolas, incompiuta, ma comunque alta più di 75 metri. La fabbrica ecclesiale è una specie di riassunto di 600 anni di storia, dal Quattrocento ad oggi, con stratificazioni di epoche diverse che si sono andate ad aggiungere all’edificio originario. Al suo interno spiccano alcuni celebri capolavori artistici, come le magnifiche vetrate decorate da Jozef Mehoffer e Alfred Manessier o l’organo di Aloys Mooser. Per completare la visita si potrà salire sulla cima della torre, punto di osservazione ideale per godere della bellezza delle Prealpi Friburghesi o semplicemente per farsi un’idea più chiara dell’urbanistica di Friburgo.

Un altro punto panoramico particolarmente suggestivo è l’altura sulla quale si staglia la cappella di Lorette, un edificio dallo sfarzoso fascino tipico del primo barocco italiano. Molto bella è anche l’abbazia cistercense di Hauterive, un monastero antichissimo consacrato nel 1137 con la funzione di tappa intermedia sul lungo cammino che dall’Europa centrale conduceva i pellegrini fino a Santiago de Compostela.

L’offerta museale è di primissimo livello. Gli appassionati di arte figurativa non potranno che rimanere estasiati dinanzi alla bellezza delle opere esposte all’interno dell’Espace Jean Tinguely & Niki de Saint Phalle, una galleria d’arte ricavata in un vecchio deposito di tram. Chi predilige l’arte contemporanea dovrà invece recarsi al Centro di arte contemporanea Fri-Art, dove si tengono numerose mostre temporanee. Per i più piccoli consigliamo il Museo di storia naturale ed il Museo della marionetta, mentre un giro per la Via delle Sculture è l’ideale per tutta la famiglia. Questo atipico museo a cielo aperto consiste infatti nell’esposizione di oltre 40 importanti opere di rinomati artisti svizzeri ed internazionali, tra cui Jean Tinguely, Niki de Saint Phalle e Richard Serra, collocate lungo una delle più trafficate vie del centro.

Una volta terminata la visita alle attrattive del centro ci si potrà dedicare ai dintorni di Friburgo. A breve distanza dalla città si trovano infatti i piccoli villaggi di Gruyeres e Murten, molto diversi tra loro, ma entrambi meritevoli di una visita. Il primo è celebre per la bontà dell’omonimo formaggio, con il quale si produce anche la panna della Gruyeres. Il secondo è invece un incantevole borgo medievale sorto sulla riva sud-orientale del Lago Murten. Se a quanto detto fin’ora aggiungiamo che Friburgo è una città particolarmente vitale, grazie alla presenza di molti giovani, e che la cucina locale è ricca di pietanze prelibate, comprendiamo come mai ogni anno siano sempre di più i turisti che scelgono la città dello Uechtland come meta delle proprie vacanze.

Per quanto riguarda gli eventi e le ricorrenze annuali segnaliamo la Festa di Saint Nicolas, che in dicembre coinvolge cittadini e visitatori con una processione per le vie del centro, ed il Belluard Bollwerk International, una manifestazione culturale imperniata sull’arte moderna che si tiene tra giugno e luglio all’interno di un bastione delle mura.

Il clima è continentale prealpino, freddo in inverno, estremamente gradevole in estate, quando le montagne circostanti mitigano le alte temperature. La piovosità è mediamente elevata e spesso in inverno le precipitazioni si manifestano sotto forma di neve. Il periodo migliore per visitare Friburgo è quello compreso tra aprile e ottobre, quando il cielo terso e le montagne verdeggianti disegnano scenari di incomparabile bellezza.

Raggiungere Friburgo è facile e comodo. Oltre ad essere relativamente vicina al confine italiano, la città è poco distante dall’Aeroporto Berna-Belp, uno scalo di discreta importanza servito da voli nazionali ed internazionali. Se si ha intenzione di raggiungere Friburgo in auto, l’autostrada di riferimento è la E27. Una volta in centro, considerate le piccole dimensioni dell’abitato e l’efficienza dei trasporti pubblici svizzeri, muoversi non sarà certo un problema.
  •  

 Pubblicato da - 25 Settembre 2009 - © Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close