Cerca Hotel al miglior prezzo

Chemnitz (Germania): viaggio nella Manchester Sassone

Chemnitz, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Chemnitz veniva chiamata un tempo come la “Manchester Sassone”. Combinando un misto tra ammirazione e repulsione questo soprannome suggeriva il fatto che nel 19° secolo Chemnitz era diventata la città industriale di punta in Germania. Chemnitz fu ampiamente distrutta verso la fine della Seconda Guerra Mondiale e dopo la divisione della Germania molte imprese si trasferirono in Germania occidentale.
La città venne ribattezzata Karl-Marx-Stadt e fu ricostruita come modello di città socialista. Oggi, nuovamente con il nome Chemnitz, è una città moderna e dinamica che ha molto da offrire ai suoi visitatori.

Il Museo Industriale Sassone (Sächsisches Industriemuseum) si trova in un'antica fonderia e possiede una macchina a vapore funzionante. Dovunque in città potete trovare esempi di architettura industriale, molti dei quali sono oggi riutilizzati in maniera nuova.
I proprietari delle fabbriche costruirono inoltre splendide case per se stessi, una delle più belle è la villa Esche in stile Art Nouveau, costruita da Henry van der Velde e ora museo e sito per eventi speciali.
Un altro straordinario esempio di questa cultura è l'area residenziale Kassberg, uno dei quartieri più grandi d'Europa completamente in architettura del 19° secolo e Art Nouveau.

Potete ancora trovare la vecchia Chemnitz nelle piazze dei mercati con i suoi due municipi e sulla Piazza del Teatro. Il teatro venne ricostruito dopo la guerra come primo teatro lirico, contribuendo alla consolidata fama di Chemnitz come città culturale.
L'attenzione principale della vicina Collezione Civica d'Arte è sull'arte moderna, e la Nuova Galleria Sassone si concentra sull'arte dell'epoca della DDR.

I primi edifici di Chemnitz si possono trovare al lago del Castello, dove nell'antico monastero benedettino di Santa Maria, che più tardi venne convertito in castello, è stato allestito un museo (Schlossberg Museum). Tra le decorazioni artistiche del sito bisogna in particolare nominare i lavori dello scultore Hans Witten, che ha lasciato il suo segno anche nei vicini Monti Metalliferi. Quindi Chemnitz ha esportato parte del suo fascino anche nei dintorni.
Sempre nel centro storico sono da segnalare il vecchio e nuovo municipio (Altes und neues Rathaus) che contrastano nei loro stili di epoche diverse, e la Chiesa di S. Giacomo (St. Jakobkirche), in origine monumento gotico, ristrutturato con una facciata moderna

Fonte: Ente Nazionale Germanico per il Turismo
Per maggiori informazioni: Tel. 02-2611.1730
Visita Vacanzeingermania.com
 


  •  

 Pubblicato da - 07 Aprile 2009 - Riproduzione vietata

close