Cerca Hotel al miglior prezzo

Badajoz: la provincia, la cittą e la sua Cittadella

Badajoz, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Insediata sulle rive del fiume Guadiana, Badajoz è la città più popolosa di tutta la regione. Deve alla vicinanza con il Portogallo lo sviluppo di un commercio fiorente; è depositaria di un ricco passato, che si può scoprire contemplando i suoi edifici e monumenti.

La primitiva cittadella di Civitas Pacis era già nota ai tempi dei romani, ma furono i mussulmani a darle il suo nome attuale chiamandola Batalyoz (sec.VIII). Acquisì grande importanza politica e militare quando divenne uno dei regni Taifa sorti nella penisola nell’XI secolo, dopo la caduta del Califfato di Cordova (potere mussulmano che governava i territori occupati). Riconquistata dai re cristiani nel XIII secolo, il suo carattere guerriero fu accentuato dalla sua posizione sulla raya, sulla linea di confine tra Spagna e Portogallo Il passato arabo La necessità storica di difendersi traspare dalla sua posizione strategica, sulle rive del Guadiana e sulla collina della Muela, e dal sistema di recinzione formato da mura, porte e baluardi. Domina questa trama difensiva la Alcazaba, dichiarata Monumento Storico-Artistico. Le mura almohadi circondano bei giardini e il palazzo dei Duchi della Roca, che ospita il Museo Archeologico Provinciale. Qui si custodiscono oltre 15.000 reperti rinvenuti nei numerosi giacimenti archeologici della provincia.

Le strade e i portici più pittoreschi e tradizionali si snodano ai piedi dell’Alcazaba, intorno alla piazza di San José e alla Piazza Alta. Quest’ultima è formata da portici della metà del XV secolo. Piazza España accoglie il Palazzo del Comune e la Cattedrale di Badajoz. La chiesa,di costruzione romanica-gotica, conserva al di là del suo aspetto esterno di fortezza interessanti pezzi di decorazione rinascimentale. Vale la pena di soffermarsi sui bassorilievi degli stalli del coro e gli arazzi fiamminghi che decorano la sacrestia. All’interno della Cattedrale si trovano anche tele di Zurbarán, Ribera y Bocanegra.

Nei dintorni della piazza España si trovano alcuni dei migliori stabilimenti in cui assolvere agli obblighi della gastronomia dell’Estremadura. La tavola di Badajoz si nutre di ricette antiche elaborate con i prodotti della terra e con quelli provenienti dall’America, come la paprika e la patata. Zuppa di pomodoro, agnello arrosto o trote fritte, sono alcuni dei piatti da abbinare agli eccellenti insaccati iberici della Denominazione d’Origine Dehesa de Extremadura. Da preferire i vini della Denominazione d'Origine Ribera del Guadiana.

Il nostro percorso può proseguire con due importanti musei della città: il Museo Provinciale di Belle Arti e il Museo Extremeño e Iberoamericano di Arte Contemporanea (MEIAC). La collezione del primo, allestita all’interno di una casa palazzo della fine del XIX secolo, presta particolare attenzione alla produzione pittorica e scultorea di artisti della regione Il MEIAC invece occupa uno dei baluardi delle mura di cinta ed è specializzato in arte spagnola, dell’Estremadura, portoghese e iberoamericana successiva al 1980, quale simbolo delle tre aree geopolitiche che si incrociano in questa regione.

Una delle porte più emblematiche della città, quella di Palmas, dà accesso all’omonimo ponte che attraversa il Guadiana. Due torri merlate presidiano l’ingresso a questo ponte con circa trenta archi a tutto sesto. La sua struttura risponde al progetto di Juan de Herrera, uno degli architetti più rappresentativi del Rinascimento spagnolo.

Vi suggeriamo ora un percorso alla scoperta della città iniziando dalla Cittadella (Alcazaba), ubicata nella parte più alta ed esempio eccellente d’architettura araba. Restano l’entrata, le torri della Traición e del Apéndiz, conosciuta popolarmente con il nome d Espantaperros. Prossimo a quest’ultima si trova il Museo Archeologico, residenza dei Duchi di Roca nel XVI secolo, è un edificio ristrutturato che riunisce oltre 15.000 pezzi provenienti da numerosi scavi archeologici realizzati in provincia. Vale senz’altro la pena di visitare il Museo Estremegno e Iberoamericano d’Arte Contemporanea (MEIAC) ubicato sul baluardo della muraglia.

In pieno centro storico incontriamo la Cattedrale (risale al XIII secolo però è stata sottoposta a molteplici riforme); all’interno risaltano gli stalli del coro, opera di Jerónimo de Valencia, e i magnifici arazzi fiamminghi (XVI secolo) che adornano la sagrestia. Alle sue pareti sono appesi quadri di Zurbarán, Ribera e Boccanegra. II Museo Provinciale delle Belle Arti, sistemato in un palazzo del XIX secolo, custodisce in quattro piani più di un migliaio di creazioni pittoriche e scultoree. Attraverso la Porta delle Palme, in stile herreriano, si raggiunge il Ponte delle Palme che unisce le due sponde del fiume Guadiana con una trentina di archi. Detta Porta riflette un miscuglio di stili arabo e cristiano, possiede due torri merlate e mostra lo scudo reale degli Austria. Meritano un cenno a parte le piazze e i giardini di Badajoz. Tra le prime ricordiamo: la Plaza Alta, quella di San Juan e della Soledad, che è la più commerciale. Notevoli i giardini di Castelar e di San Francesco.

Una provincia da scoprire Una visita completa di Badajoz ci condurrà per le sue piazzette e i giardini, tra cui spiccano quelli di Castelar e San Francisco. Le piazze della Soledad, la Libertad e San Juan consentono di farsi un’idea della città. Anche se per questo vale la pena di visitarla nel periodo di Carnevale o Pasqua.

Percorrendo le zone della Raya, la Vega del Guadiana o la Tierra de Barros, scopriremo dolmen preistorici, castelli e bianchi paesini tra boschi di querce e di sugheri. Tra le località nelle quali ci imbatteremo spicca il capoluogo dell’Estremadura, Mérida, l’antica Emérita Augusta romana. Il suo splendore di capoluogo della provincia della Lusitania ci ha lasciato numerosi monumenti, non invano è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Il Museo Nazionale di Arte Romana, opera dell’architetto Rafael Moneo, rappresenta l’ultima tappa di questa visita alle costruzioni di epoca romana distribuite per la città. Un antico convento del XVIII secolo ospita il Parador de Turismo. La migliore opzione di alloggio per il nostro viaggio o per assistere alle rappresentazioni del Festival del Teatro Classico di Mérida.

Dobbiamo ai romani anche la creazione della Via dell’Argento (che attualmente va da Cadice a Oviedo). Questa via romana, che nel medioevo era percorsa dai pellegrini che si dirigevano a Santiago di Compostela, oggi ci conduce a interessanti località come Zafra, Mérida Cáceres (il suo centro storico e Patrimonio dell’Umanità) o Plasencia. Non molto lontano da questa via si trovano i parchi nazionali di Monfragüe e Cornalvo, nei cui centri di studio ci consiglieranno gli itinerari migliori per conoscerli.

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close