Cerca Hotel al miglior prezzo

Cambrils (Spagna): vacanza sulla spiagga a due passi da Tarragona

Pagina 1/2

Tra i numerosi borghi marinari che agghindano la Costa Daurada come perle portate dal mare, c’è il comune spagnolo di Cambrils, che dalla costa catalana si affaccia verso il Mediterraneo a pochi chilometri da Tarragona. Un’ ideale combinazione di clima mite, gastronomia deliziosa e spiagge incantevoli ne fa una delle migliori mete balneari della Spagna meridionale.

Negli ultimi vent’anni in particolare Cambrils, e più in generale il distretto di Tarragona, hanno conosciuto un rapido sviluppo: alle originarie attività portanti della pesca e dell’agricoltura si sono aggiunte le industrie chimiche, petrolchimiche, e soprattutto i servizi e le attività dedicate al turismo. Una zona particolarmente valorizzata è il porto, che oltre ad accogliere i pescherecci carichi di pesce, quando i pescatori tornano dal lavoro quotidiano, è un lussuoso porto turistico, che si presenta come un vero e proprio moderno villaggio.

Nonostante l’evoluzione rapida degli ultimi anni la città non è stata deturpata da enormi edifici, come a volte accade nelle località di mare più gettonate, e non viene invasa da folle eccessive di visitatori: per questo gli abitanti riescono tuttora a conservare l’animo pacifico e tranquillo del posto, bilanciando la componente culturale e tradizionale con le più attuali esigenze turistiche. Il passato è anzi ancora presente e ben visibile entro i confini della città: numerosi sono i resti archeologici del periodo paleolitico che sono stati rinvenuti nel suolo circostante, così come resti dell’età romana, mosaici o opere in ceramica.

Delle antiche mura che un tempo abbracciavano l’area urbana si può oggi osservare la porta di accesso, restaurata nel 1932 da Cèsar Martinell, una delle torri, conosciuta come “torre della prigione”, che funzionò per anni come carcere. Una antica torre sorge anche nella zona del porto, vigile sulla situazione costiera sin dal 1664. Tra gli edifici religiosi di Cambrils vale la pena di vedere la Chiesa parrocchiale dedicata a Santa Maria, iniziata nel 1550, costituita da un’unica navata che ne forma l’essenziale pianta rettangolare. In diverse occasioni la costruzione è stata successivamente modificata, sino alla versione attuale che custodisce all’interno le reliquie di San Placido.

L’eremo della Mare de Dèu del Camì fu l’antica chiesa parrocchiale, secondo quanto è riportato in un documento del 1154. L’edificio odierno risale al 1778 e le pietre che lo compongono provengono dallo storico cantiere di Montjuic. Le tre grandi navate, la cripta e l’annessa torre di vedetta ne fanno un edificio da non perdere durante una visita alla città.
... Pagina 2/2 ...
Tra le principali manifestazioni che si celebrano in città si ricorda il Giorno di San Pedro, in giugno, mentre in settembre si festeggia il giorno della Mere de Dèu del Camì.

Ma l’attrattiva principale che Cambrils ha da offrire sono le numerose spiagge, dorate quando il sole le fa risplendere e argentee di sera, quando sono accarezzate dalla luna. Le spiagge più ampie si alternano alle calette dall’indole più riservata e discreta, ma ovunque si scelga di sdraiarsi o fare una nuotata la pace regna comunque incontrastata. Tutti possono godere della natura splendida del luogo, e le acque basse e limpide che lambiscono la sabbia non sono pericolose per i più piccoli.

La catena montuosa che si staglia contro il cielo costeggiando la costa protegge le spiagge dai venti freddi del nord, contribuendo a renderle la meta di vacanza ideale: in estate la temperatura media oscilla tra i 23°C e i 25°C, e anche in dicembre gennaio e febbraio, i mesi più rigidi dell’anno, non si scende al di sotto dei 7°C medi. Al contrario la lieve brezza che soffia dal mare mitiga i caldi più intensi, regalando una primavera frizzantina e un’estate piacevole e ventilata.

Per raggiungere Cambrils si può prendere l’aereo e atterrare all’aeroporto di Reus Salou, il più vicino alla meta e tra i più piccoli della Spagna. Molto frequentato nella stagione estiva, l’aeroporto è servito da compagnie low cost per voli nazionali, internazionali e intercontinentali. Coertesia foto: patronato del turismo
close