Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa sapere del Perý: storia, clima e siti da visitare

Perý, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il Perù si trova nella parte centro occidentale dell’America del Sud, e fu la culla di una grande civiltà che estendeva i suoi confini dalla Colombia all’Argentina, e da sempre ha affascinato il viaggiatore, sin dai tempi della colonizzazione spagnola, con il suo Camino Real, con la meraviglia di Machu Picchu, con gli incastri dei suoi edifici e la profusione di gemme e pietre dure che ornavano i templi e monumenti, con le statue d’oro massiccio e le tombe colme di oggetti e monili d’oro. Fu qui che per 5000 anni la civiltà andina sviluppò un equilibrio socio-culturale, centrato sul concetto di comunità e sul rispetto della natura e della società, trasmettendo la saggezza “scritta” nel simbolismo dei suoi oggetti culturali. Il popolo Inca fu il più grande del continente americano, ebbe qui la culla della propria cultura e del proprio sviluppo. Alla fine del 14° secolo l’impero iniziò la sua espansione dal territorio nella regione di Cuzco, nel sud della catena andina. Gli Inca chiamarono il loro territorio “Tawantinsuyu” che nella loro lingua Quechua significa “le quattro parti”, e svilupparono uno stile di architettura pubblica molto pratico e funzionale, con un livello di conoscenza ingegneristica molto avanzato: basti pensare alla tecnica di costruzione in pietra dei loro palazzi.

Nelle regioni montuose la spettacolare città di Machu Picchu riflette l’ingegnosa adattabilità ai rilievi naturali dell’architettura Inca. La religione Inca era basata sul culto del Sole e gli imperatori erano considerati i discendenti del dio, venerati come le divinità medesime. La religione dominava tutta la struttura politica dell’Impero Inca. Acausa di questo e di altri aspetti, la cultura Inca assomiglia molto alle principali culture della Meso-America, quali quella Maya e quella Azteca. La loro espansione fu bruscamente interrotta con l’invasione spagnola ad opera di Francisco Pizarro nel 1532, che terminò nel 1821 quando il Paese fu liberato dal venezuelano Simón Bolívar e dall’argentino José de San Martín. Seguirono anni di alternata stabilità politica, con guerriglie interne e ai confini con il Cile (1883) e l’Ecuador (1942).

Oggi il Perù è una delle mète più ricche di fascino del Sud America, con una natura generosa, siti spettacolari, tanta archeologia: le linee di Nazca, Macchu Picchu, il lago Titicaca, le Ande. Una nazione in bilico tra passato e futuro, cultura e natura, in un confluire tra intatto e contaminato (nel senso caro ad Arguedas di “umanizzato”), che vive e si proietta nei giorni e si fa vita in un insieme talvolta sottile sensuale, e altre volte macabro e violento, a volte ancora impenetrabile e onirico come il domani. Siti dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità Cusco; Machu Picchu; Chavin (a est di Huaraz); Zona archeologica di Chan Chan (nel nord, presso Trujillo); Centro storico di Lima; le Linee di Nazca; il Centro storico di Arequipa.

Il Perù ha una diversità di clima notevole, a causa della sua posizione e morfologia. Lungo la costa sussistono due tipi di clima: il clima arido-subtropicale, nella fascia centro-sud, con una temperatura media di circa 26°C durante l’estate e 13°C durante l’inverno; il clima semitropicale, nella fascia costiera nord, verso il confine con l’Ecuador, più umido con piovosità che favorisce una vegetazione più rigogliosa. Il periodo delle piogge va da Dicembre ad Aprile, mentre negli altri mesi generalmente c’è un clima secco. Durante l’estate le correnti dell’Oceano Pacifico sono molto calde, rispetto alla normalità, e possono provocare fenomeni alluvionali. Nella zona andina (Arequipa, Puno, Cuzco) l’escursione termica notte-giorno è piuttosto accentuata. La stagione secca va da Maggio a Settembre, mentre il resto dell’anno è umido. In Amazzonia (nord-est del Paese) c’è caldo umido tutto l’anno, con temperature fra i 30°C e i 35°C. A seconda delle zone che si visiteranno, è sempre necessario dotarsi di leggeri impermeabili, scarpe comode, stivali.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close