Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Tombstone

Tombstone (Arizona): nel selvaggio West, la cittÓ della sparatoria all'O.K. Corral

Fin dalla sua fondazione nel 1877, il villaggio di Tombstone ha rappresentato l'icona più classica del selvaggio West, una località sperduta nel deserto capace però di attirare a sé migliaia di avventurieri disposti a tutto pur di arricchirsi; se il nucleo originario contava appena un centinaio di abitanti, in pochi anni la popolazione crebbe a dismisura fino a superare le 15000 unità. Secondo la tradizione, Ed Schieffelin – il cercatore di pietre preziose che per primo scoprì i giacimenti d'argento di questa zona – si trovava a Camp Huachuca, un avamposto militare creato come campo base di una spedizione contro gli indiani Chiricahua dell'etnia Apache, quando decise di andare in spedizione verso le montagne circostanti alla ricerca di pietre; avvertito dai soldati circa l'inutilità del suo viaggio e dell'alta probabilità di trovare su quelle montagne soltanto la propria “pietra tombale”, Schieffelin si mise comunque in marcia e scoprì una grossa riserva di argento. Memore dell'avvertimento ricevuto, con una certa dose di ironia decise di nominare il villaggio che fondò proprio “Tombstone” (letteralmente: pietra tombale).

La vera fonte della ricchezza di Tombstone erano dunque le miniere d'argento nelle quali lavoravano gli uomini durante il giorno prima di riversarsi nei numerosi saloon e nei bordelli del paese alla sera; qui giunsero affaristi, speculatori, cowboy, avvocati, prostitute, pistoleri e criminali assortiti, ma anche gente rispettabile con la famiglia al seguito nonché lavoratori stranieri (prevalentemente messicani e cinesi) in cerca di fortuna. Il villaggio si sviluppò dunque molto rapidamente, e in meno di un decennio assunse i connotati di una vera e propri cittadina con tanto di teatri, oltre cento saloon, un quartiere a luci rosse, scuole, chiese, giornali e perfino una piscina pubblica (una delle prime in assoluto dell'intera Arizona) tutt'ora in funzione.

Oggi Tombstone continua ad essere abitata da meno di millecinquecento abitanti, la maggior parte dei quali vive dell'intensa attività turistica; le polverose strade di allora sono ancora sapientemente conservate e sono meta ogni anno di migliaia di visitatori: Main Street – nonostante i grandi incendi del 1881 e del 1882 che la danneggiarono completamente, malgrado l'abbandono delle miniere e incurante delle risse e dei regolamenti di conti a suon di rivoltelle che hanno segnato una delle principali località del West di tutti i tempi – presenta ancora un fascino irresistibile.

Molti conoscono Tombstone soprattutto per un fatto di cronaca avvenuto il 26 ottobre 1881, ovvero l'indimenticabile conflitto a fuoco noto come “the Gunfight at O.K. Corral”, probabilmente la sparatoria più famosa di sempre; sulle strade polverose si fronteggiarono da un lato i fratelli Earp – solo sulla carta “uomini di legge” – assieme a Doc Holliday – un alcolizzato dal grilletto facile – e dall'altro la banda di fuorilegge formata dai McLaury e dai Clanton. Lo scontro durò appena ventiquattro secondi, durante i quali vennero sparati almeno trenta colpi che uccisero Billy Clanton ed i due fratelli McLaury, ma che ferirono solamente due fratelli Earp e Doc Holliday; certamente questo scontro non fu il più sanguinario né il più spettacolare di sempre, tanto che per cinquant'anni rimase pressoché sconosciuto ai più – fino a quando cioè la biografia scritta dopo la morte di Wyatt Earp riscoprì l'episodio – ma fu portato definitivamente alla ribalta dal cinema grazie alla pellicola “La sfida all'O.K. Corral” interpretata da Burt Lancaster negli anni Cinquanta, prima pellicola di altre anche più recenti dedicate alla città e alla sparatoria tra cui ricordiamo quella del 1993 con Kurt Russell e Val Kilmer intitolata Tombstone.

Questa fu senza dubbio negli anni del boom economico una delle città più pericolose del West, ma fu anche una cittadina vivace e culturalmente attiva; a fianco dei cabaret per soli uomini ed alle case di appuntamenti, sorgevano infatti anche diversi teatri, alcuni dei quali frequentati da gente cosiddetta “perbene”. Il più famoso di questi era la Schieffelin Hall, inaugurata nel 1881: qui venivano messe in scena recite e spettacoli musicali ed è anche il luogo in cui Morgan Earp fu ucciso da un proiettile durante una serata; attualmente l'edificio è utilizzato come municipio e luogo deputato alle riunioni di alcuni gruppi civici. L'altro grande teatro del paese era invece il Bird Cage Theatre (1) (il nome era dato dalle gabbie per uccellini appese al soffitto dentro alle quali le donne intrattenevano gli avventori con spettacoli provocanti) ed aveva tutt'altra fama rispetto alla Schiffelin Hall: oltre alle funzioni più meramente teatrali serviva anche da saloon, bisca e bordello, ed era aperto 24 ore su 24 per 365 giorni all'anno. Aperto anch'esso nel 1881, rimase in attività per otto anni e la sua fama era tale che perfino il New York Times lo definì come il locale notturno più selvaggio e perverso dell'intera nazione. A rimarcare la dubbia reputazione del locale sono visibili ancora oggi almeno 140 fori di proiettile sparsi nelle pareti e nel soffitto della struttura.

Una visita di Tombstone non può definirsi tale senza essere passati dall'ufficio postale, aperto nel 1878 e ancora perfettamente funzionante, così come non si può assolutamente perdere il vecchio cimitero – restaurato e ancora in uso – dove riposano, tra gli altri, anche i protagonisti dell'epico duello dell'O.K. Corral; imperdibile è anche la Tombstone Courthouse (2), uno splendido edificio in stile vittoriano usato un tempo come “casa della legge” dove trovavano sede l'ufficio dello sceriffo, il tribunale e la prigione. Per completare la visita ci si può recare in uno dei vecchi saloon conservati e dare un'occhiata all'antica miniera Good Enough Mine, aperta da Schiffelin nel 1878; date le ridotte dimensioni della cittadina, basterà comunque una breve passeggiata nel centro per scoprire tutti i punti d'interesse turistico che la località può offrire.

La Cochise County – la contea di Tombstone – si trova nel sud dell'Arizona: dalla cittadina al confine con il Messico ci sono appena 50 km di distanza; nelle vicinanze si segnalano diversi altri luoghi interessanti meritevoli di una visita come le cittadine di Bisbee e Benson o aree naturali affascinanti come il Colossal Cave Mountain Park ed il Cochise Stronghold nelle Dragon Mountains, il luogo dove trovò rifugio il leggendario capo Apache a cui si deve il nome della contea.

Per raggiungere Tombstone ci si può avvicinare in aereo fino a Phoenix, la capitale dell'Arizona, o ancor meglio fino a Tucson: da qui in auto si percorre la I-10 in direzione est fino all'uscita 303, dopodiché si possono seguire le indicazioni per la Route 80 per Douglas e Bisbee; ogni stagione dell'anno è buona per visitare il vecchio West, ma occorre tenere presente che in estate le temperature raggiungono picchi elevati.

Per maggiori informazioni si può visitare il sito ufficiale del comune di Tombstone:
www.cityoftombstone.com/

(1) Bird Cage Theatre
6th & Allen Streets - P.O. Box 248
Tombstone, AZ 85638
(520) 457-3421
Aperto tutti i giorni dalle 8 alle 18, chiuso il 25 dicembre.
www.tombstonebirdcage.com

(2) Tombstone Courthouse State Historic Park
3rd & Toughnut - P.O. Box 216
Tombstone, AZ 85638
(520) 457-3311
Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 17, chiuso il 25 dicembre.
azstateparks.com
  •  
close