Cerca Hotel al miglior prezzo

Sedona (Arizona), visita alla cittą dei vortex e della Cathedral Rock

Sedona, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Sono in molti a ritenere Sedona una cittadina non particolarmente bella dal punto di vista architettonico, ma nessuno può mettere in dubbio la spettacolarità del contesto paesaggistico che la circonda. L’insediamento, infatti, è situato laddove la US-89A riemerge dopo aver attraversato per quasi 50 chilometri lo splendido Oak Creek Canyon, subito dopo Flagstaff. Qui, in un contesto tipicamente rurale proprio del sud-ovest americano, vivono gli oltre 10.000 abitanti che risiedono in vasti isolati coperti da bassi edifici in mattoni rossi intervallati da sporadici centri commerciali. Se alcuni restano un po’ delusi dall’aspetto trasandato di Sedona, altri potrebbero apprezzarla per il connubio di alloggi di lusso e ristoranti eleganti, oltre che per la possibilità di praticare illimitatamente attività all’aperto, oltre che per la sua relativa vicinanza al Grand Canyon.

Fondata nel 1902 da un certo Theodore Carlton Schnebly, il boom della città risale al 1981, quando la scrittrice Page Bryant diffuse la notizia che Sedona sarebbe stata il “cuore chakra” del pianeta, ovvero il suo centro energetico. Dopo aver individuato il suo primo vortice d’energia, uno dei famosi Vortex, cioè un punto in cui le energie psichiche e elettromagnetiche vengono incanalate ai fini dell’armonia planetaria, la cittadina cominciò a crescere come polo dei seguaci della new age di tutti i generi. Negli ultimi tre decenni a Sedona sono confluiti guaritori, artisti e ricchi pensionati dediti al misticismo e disposti a spendere cifre considerevoli: ecco spiegata una delle ragioni che hanno reso la cittadina un importante punto di riferimento turistico dell’Arizona centrale.

Se non avete molto tempo a disposizione potreste prendere in considerazione l’ipotesi di passare in rassegna alcuni dei maggiori siti della zona, a bordo della vostra auto direttamente dalla US-89A. Seppur da lontano, infatti, dalla strada si apprezzano buone vedute della Coconino National Forest, nei pressi della Hwy-179, anche se i vortici di energia più vicini all’insediamento sono sull’Airport Mesa. Per raggiungerli, girate a sinistra in Airport Road dalla US-89A andando verso sud, a circa 1,5 chilometri dall’incrocio centrale chiamato “Y”. Il vortice si trova al congiungimento tra il secondo e il terzo picco, subito dopo la grata per il bestiame. Più in alto, dopo l’aeroporto, a strapiombo sul canyon, c’è invece il santuario delle rocce rosse, da cui si gode di incantevoli vedute su tutta la vallata.

Poiché solo poche delle strade secondarie intorno a Sedona sono asfaltate, le escursioni in fuoristrada sono il modo migliore per esplorare rapidamente i dintorni e scoprire i vortici di energia. L’ideale è prenotare un escursione organizzata attraverso agenzie come la Pink Jeep Tours o la Earth Wisdom Tours, entrambe professionali ed esaustive nelle descrizioni delle attrattive che si vedranno. Tuttavia, alcune strade sono percorribili anche con auto normali, perciò se non vi interessa sapere quali rocce siano diapason elettromagnetici che vibrano in sintonia con Alpha Centauri o altre nozioni del genere, potreste anche muovervi autonomamente.

In questo caso, ecco i punti e luoghi migliori dove compiere delle escursioni: sempre tra le Red Rocks (rocce rosse) è da segnalare Cathedral Rock è uno dei luoghi più visitati, si trova a fianco dell'Oak Creek, nella zona sud-occidentale di Sedona, il complesso roccioso è formato da guglie gemelle ed una ampia sella che le unisce ed è un luogo magnifico dove scattare delle fotografie. Non distante si trova il Devils Bridge Trail, che conduce ad un grande arco di roccia naturale. In quanto a fama anche Bell Rock non è da meno, si trova a sud della città. Da vedere anche la Snoopy Rock, il Boyton Canyon, Courthouse Butte e Steamboat Rock situtati a nord del centro. Una menzione particolare va alla cappella della Santa Croce, Chapel of the Holy Cross, un ottimo punto panoramico, con una chiesa particolare, costruita inglobata tra le rocce rosse.

A testimonianza del notevole afflusso turistico che richiama, ogni anno Sedona ospita numerosi eventi e manifestazioni di diverso genere. Uno degli appuntamenti più importanti è il Sedona International Film Festival (SIFF), istituito nel 1994 e sempre ricco di ospiti e film in concorso. Altrettanto interessanti sono il Sedona Bluegrass Festival, il Jazz Sedona sul Festival Rocks ed il Sedona Miracle Annual Charity Fundraiser, mentre gli sportivi non vorranno certo perdersi la suggestiva Sedona Marathon.

Trovandosi in una zona semidesertica, ed a quote medio-alte (siamo intorno ai 1.300 metridialtitudine) Sedona presenta un clima caratterizzato da notevoli escursioni termiche, sia tra le ore diurne e quelle notturne, che tra mesi estivi e invernali. In dicembre e gennaio, i mesi più freddi dell’anno, la temperatura oscilla mediamente tra massime di 13-14 °C e minime tra gli 0 e -1 gradi centigradi, ma occasionalmente le minime possono scendere di parecchi gradi sotto lo zero: la minima assoluta è posizionata a -18 °C; d’estate, invece, ed in particolare tra luglio e agosto, i valori massimi sono molto alti e si attestano in media intorno ai 35/36 gradi, con le minime che oscillano tra 16/17 gradi. Le precipitazioni, generalmente comprese tra 450 e 500 mm di pioggia all’anno, sono modeste nel periodo che va da aprile a giugno, mentre cadono in maniera uniforme, ma comunque mai troppo abbondanti, nei restanti mesi dell’anno.

La città è servita da un piccolo scalo aereo: il Sedona Airport, inaugurato nel 1955 e collegato ad alcune importanti località degli Stati Uniti centro-occidentali; in alternativa si può contare sul Flagstaff Pulliam Airport, 25/30 chilometri a nord di Sedona. Una volta atterrati, il consiglio è quello di noleggiare un’automobile, possibilmente un fuoristrada, e dedicarsi alla scoperta dei dintorni, permeati comunque da un grande fascino paesaggistico
  •  

 Pubblicato da - 13 Aprile 2012 - © Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close