Cerca Hotel al miglior prezzo

Aspen, vacanza sulla neve nella localitą sciistica del Colorado

Pagina 1/2

Rinomata località turistica del Colorado, Aspen viene descritta in modi diversi: alcuni la vedono come una “palestra dello spirito”, altri, più semplicemente, la ritengono la dimensione autentica dello ski town statunitense, ma è difficile sfuggire alla sensazione che Aspen altro non sia che il volto concreto di quello che la gente immagina come la destinazione invernale dei ricchi e famosi made in Usa. L’intreccio un po’ pacchiano tra denaro e pretese culturali, tra club esclusivi e potenza economica, tra pellicce e smanie ecologiste snob è parte integrante del tessuto sociale della città, che vuole apparire vigorosamente yankee soprattutto agli occhi dell’Europa, nella quale vanta tanti estimatori.

Fondata nel 1879 come centro minerario ad oltre 2400 metri di quota, Aspen deve il proprio nome all’abbondanza di alberi di pioppo tremulo, chiamato per l’appunto “aspen” in inglese. L’iniziale crescita dell’insediamento fu repentina, tanto che nel 1893 Aspen contava già più di 12.000.000 abitanti, sufficienti a collocarla al terzo posto tra la città più popolose del Colorado. Al termine della seconda guerra mondiale la città si aprì definitivamente al turismo, sviluppandosi come importante stazione sciistica anche grazie all’opera di Walter Paepcke, un imprenditore di Chicago che decise di creare una comunità fondata sulla conciliazione tra corpo e mente. Oltre ai Mondiali di sci alpino del 1950, Aspen ha ospitato ed ospita tutt’ora alcune gare di Coppa del mondo, sia maschili che femminili.

La ragione che ogni anno spinge migliaia di statunitensi, ma anche europei, a trascorrere le vacanze ad Aspen è essenzialmente lo sci, da praticare in un comprensorio molto esteso comprensivo di ben 4 stazioni sciistiche immerso in uno scenario estremamente suggestivo dal punto di vista paesaggistico. Snowmass, Aspen Highlands, Aspen Mountain e Buttermilk: queste sono le 4 stazione da ricordare per chi vuole sciare ad Aspen, tenendo presente che, nel prezzo dello skipass, sono compresi i collegamenti in skibus tra ognuna di queste montagne. Aspen Highlands è forse la più apprezzabile per quanto riguarda l’aspetto prettamente sciistico, dato che scendendo dai quasi 3800 metri della vetta ci si potrà cimentare su tracciati piuttosto complessi e spettacolari fuoripista, ma anche la vicina Aspen Mountain è in grado di regalare grandi emozioni, oltre ad essere praticamente affacciata sul centro cittadino. Snowmass è invece un villaggio a sé stante sviluppatosi alla base degli impianti di risalita presso cui è comodo noleggiare tutto il materiale, mentre Buttermilk è un comprensorio pensato per gli sciatori meno esperti ed in generale per le famiglie.

Con la chiusura degli impianti di risalita Aspen rinnova drasticamente la propria offerta turistica, inaugurando la stagione del trekking e delle attività sportive all’aria aperta. Per gli amanti delle escursioni in montagna la scelta è amplissima, da percorsi facili di poche ore, fino a tracciati lunghi e complessi, che per essere portati a termine possono richiedere anche di trascorrere una o più notti in tenda tra i boschi. In alternativa ci sono sentieri particolarmente indicati per la mountain-bike e soprattutto diversi corsi d’acqua che rappresentano la vera miniera d’oro per appassionati di rafting e canoa in generale, ma anche per chiunque si voglia semplicemente rilassare pescando.
... Pagina 2/2 ...
A coloro che non si accontentano delle piste da sci e delle passeggiate in montagna, Aspen offre un paio di alternative interessanti dal punto di vista culturale. La prima è l’Aspen Art Museum, un’istituzione presso la quale vengono allestite mostre di artisti contemporanei generalmente americani, mentre la seconda è l’Aspen Historical Society Museum, un museo ospitato all’interno dell’antica dimora di Jerome Wheeler, storico magnate dell’argento verso la fine del XIX secolo, presso cui ci si farà un’idea più completa dello sviluppo della città, dagli Ute agli skilift. Col calare della sera prende inizio la frizzante vita notturna del centro, dove si concentrano bar, ristoranti, pub e locali notturni adatti ad un pubblico più e meno giovane.

Anche a causa dell’altitudine, il clima di Aspen è molto rigido d’inverno, quanto le temperature sono quasi sempre sotto zero, e mite d’estate. Il mese più freddo dell’anno è gennaio, durante il quale i valori oscillano in media tra 1 e -14 gradi, mentre quello più caldo è luglio, contraddistinto da temperature che variano tra 25 e 8 gradi. Le precipitazioni, che verificano sotto forma di neve per tutto l’inverno, sono distribuite piuttosto uniformemente su tutti i dodici mesi dell’anno, entro il quale raggiungono mediamente i 550 mm di pioggia.

Aspen è servita da un piccolo aeroporto: l’Aspen Pitkin County Airport, uno scalo collegato a diverse destinazioni nazionali e facilmente raggiungibile dal centro cittadino; ben più importante è il Denver International Airport, il terzo aeroporto al mondo per dimensioni ed uno dei più trafficati degli Stati Uniti, situato poco meno di 4 ore a nord-est di Aspen. Una volta giunti a destinazione ci si potrà muovere a piedi o in bicicletta, date le ridotte dimensioni dell’insediamento, ma in alternativa, per spostamenti più lunghi, si potrà optare per noleggiare un’automobile, comoda anche per raggiungere gli impianti di risalita autonomamente.
loading...
close