Cerca Hotel al miglior prezzo

Coffee Shop Olanda: il 2012 sarÓ la fine del turismo per droga

Come già si aveva sentore da qualche tempo, è ora pressoché ufficiale: ci sarà un cambiamento epocale in Olanda, con il 2012 che rappresenterà una svolta per i cosiddetti coffee shops: non saranno più disponibili per i turisti. La nuova legislazione sembra che verrà varata con il nuovo anno, ma non avrà effetto immediato. Secondo il ministero della giustizia olandese la legge attuale verrà modificata il 1° gennaio, ma ci sarà una sorta di periodo di transizione fino al 1° maggio.

Attualmente i Coffee Shop hanno già subito delle restrizioni, ma quello che vuole fare il governo olandese è trasformarli in dei club privati che possono avere fino ad un massimo di 2.000 iscritti, residenti nei Paesi bassi e maggiorenni. Verrà creata una “Cannabis Card” per i soli residenti, che potranno frequentare uno dei 670 coffee shop sul territorio olandese. In pratica i turisti o prendono residenza in Olanda, vicino allo shop preferito, oppure dal 1° maggio dovranno rinunciare ai coffee shop.

Se i proprietari dei Coffee shop lamentano un danneggiamento economico enorme per il settore, che si sa viene finanziato da un vero e proprio turismo della droga, i residenti delle zone intorno ai caffè dove si vende marijuana sono d'accordo con la decisione del governo, stanchi come sembra degli impatti negativi del turismo legato alla cannabis, che porta disagi per la vita notturna dei coffe shop, molto intensa e rumorosa, per il proliferare di spacciatori per le strade e l'aumento dei crimini comuni. Certo è che ad Amsterdam vedrà ridisegnato il flusso turistico, spostandolo crediamo verso un più sano turismo culturale, e questo sarà l'ultimo capodanno all'insegna della "fumatina" in piena libertà.
  •  
close