Cerca Hotel al miglior prezzo

Sepomaia Viva, ad Umago in Istria il festival internazionale dell'antichitÓ

Pagina 1/2

L’1 e il 2 agosto, la città di Umago apre le sue porte agli amanti della storia, che, al Festival Sepomaia Viva, potranno indossare indumenti antichi, gustare sapori dimenticati all’osteria museale, rivivere le antiche danze, incontrare gladiatori e legionari e, presso il forum, visitare le antiche botteghe di ceramiche, mosaici, scalpellini e orafi. L’evo antico sarà presentato alle mostre tematiche negli spazi espositivi del museo, mentre l’emporio museale (MERCATURI) offrirà repliche di opere antiche, souvenir e pubblicazioni varie.

Una due giorni dedicata a rivivere completamente il passato: verranno offerti piatti dell'epoca romana, preparati secondo le ricette del famoso libro di cucina di Marcus Gaius Apicius "De re coquinario" mentre l'osteria Kod Radovana i Vjeke offrirà cibi tipici dell'antica Roma.

Nella piazza centrale, si esibiranno le danzatrici antiche e i gladiatori, ma il quadro dei tempi passati sarà completato dai laboratori degli antichi mestieri ai quali potranno partecipare adulti e bambini, invitati alle arti manuali della ceramica, del mosaico, ma anche della danza.

Scopo dell’evento è quello di promuovere l’interesse per la storia e le attività ispirate alle arti antiche, coinvolgendo il pubblico a partecipare a tutti gli eventi presentati, e facendo vivere loro esperienze nuove legate all’apprendimento della storia. Lo scopo primario è però quello di sottolineare l’importanza del patrimonio culturale e archeologico, come ulteriore potenziale per l’arricchimento dell’offerta turistica del territorio istriano.

Sepomaia è un breve tratto della costa nord-occidentale dell’Istria, ubicato tra Umago e Salvore. La località viene menzionata per la prima volta nella TABULA PEUTINGERIANA (I-IV secolo), il più antico itinerarium pictum, del quale ci è pervenuta copia del XII-XIII secolo. I reperti rinvenuti confermano che l’intera zona era abitata nel periodo antico, ovvero dal I° a.C. al V° secolo d.C. Il territorio di Sepomaia comprende vari siti archeologici con resti di antiche ville rustiche in riva al mare. I siti si trovano nella valle di Zambrattia, sulle penisole di Sipar, Tiola e Catoro, fino a Montarol, per uno spazio complessivo di 12 ettari.

Le ricerche archeologiche condotte dal Museo civico di Umago sono alla base del PROGETTO SEPOMAIA che promuove l’educazione di nuovi utenti del Museo e l’arricchimento dell’offerta culturale turistica di Umago e dell’Istria.

Presentando al pubblico i reperti rinvenuti si accentua la necessità di un’adeguata presentazione museologica contemporanea in situ, creando i presupposti per la creazione del PARCO ARCHEOLOGICO – CATORO-SEPOMAIA, mentre i reperti più importanti devono diventare parte della collezione permanente del museo.

Il progetto Sepomaia è suddiviso in vari segmenti:

1. RICERCHE ARCHEOLOGICHE – terra e mare (scienza, didattica, cultura)
2. SEPOMAIA VIVA – festival internazionale dell’antichità (scienza, cultura, gastronomia, didattica, turismo culturale) multimediale e interattivo
3. CONVEGNO SCIENTIFICO MUSEO VIVO – ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE (manifestazione biennale nell’ambito del festival Sepomaia viva)
4. PROGRAMMI DIDATTICI – scuola estiva di archeologia, laboratori museali didattici (tecniche di scavi, documentazione, laboratori di arti antiche – mosaico, ceramica, culinaria, abbigliamento)
... Pagina 2/2 ...5. PARCO ARCHEOLOGICO CATORO-SEPOMAIA (salvaguardia del patrimonio culturale, scienza, cultura, turismo, economia).

SEPOMAIA VIVA – festival internazionale dell’antichità
Fin dall’anno della sua fondazione, nel 2000, il Museo civico di Umago, con il motto “Museo vivo” determina il proprio modus operandi – stimolare tutti i sensi dei visitatori (vista, udito, olfatto, gusto, tatto) ravvivando fatti storici, avvenimenti e conoscenze dimenticati. Il festival SEPOMAIA VIVA si organizza continuamente dal 2002. Scopo del progetto: divulgazione della conoscenza storica, salvaguardia del patrimonio storico culturale e presa di coscienza sulla sua importanza, nonché ravvivamento di un pezzo della storia antica.

Il Museo della conoscenza archeologica dell’evo antico ha preso vita attraverso:

- Programmi didattici
- Mostre Tematiche
- Emporio Museale
- Rappresentazioni sceniche
- Laboratori di arti antiche
- Gastronomia recuperata: nella la cantina da Radovan e Vjeko (CAUPINA APUD HILAREM ET CLOVEM) e IL CUCCHIAIO DI APICIO, gara culinaria professionale nella preparazione di piatti antichi.

Informazioni al pubblico: www.coloursofistria.com; +385 52 741 363 (Uff. Turismo Umago)

Info hotel: www.istraturist.com; +385 52 700 700


 Pubblicato da il 22/07/2011 - 3.334 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close