Cerca Hotel al miglior prezzo

Settembre tra le montagne del Friuli: percorsi ed attivitą in Carnia e Dolomiti

Anche a settembre, montagna per tutti i gusti in Friuli Venezia Giulia. In mountain bike o pullman, a cavallo, lungo sentieri naturalistici o sulle tracce della storia: le vette della regione accolgono escursionisti grandi e piccoli con tante attività. Tutte rigorosamente accompagnate da guide naturalistiche o alpinistiche o istruttori sportivi. Mete degli escursionisti settembrini, Tarvisiano e Carnia. Le montagne del Tarvisiano – Catena Carnica Orientale e Alpi Giulie, al confine con Austria e Slovenia – sono un paradiso selvaggio e intatto interessante per i naturalisti, che possono trovarvi per esempio l’unica presenza italiana della rara wulfenia carinthiaca. Per conoscere queste zone, l’Agenzia TurismoFVG ripropone anche per il 2010 numerose attività, organizzate per pubblico e tema.

A settembre i più piccoli, dai 6 ai 14 anni, potranno avvicinarsi giocando all’arrampicata sportiva o approfittare delle uscite nel bosco per scoprire i segreti della natura con due itinerari, “Caccia alla traccia” e “Il mio primo erbario”. Il Tarvisiano si apre anche agli appassionati di storia, condotti da guide alpine ed esperti storici sui luoghi della Grande Guerra, sul fronte bellico fra Italia e Austria. E poi natura, natura, natura: passeggiate per tutti o escursioni per esperti sui sentieri più spettacolari della Valcanale e Canal del Ferro o “Sulle orme di J. Kugy”, alla scoperta delle Alpi Giulie care all’alpinista poeta Julius Kugy.

A settembre, proposte dinamiche anche sulle montagne della Carnia, che comprende parte delle Alpi Carniche e delle Dolomiti Friulane al confine con l’Austria, fra cime svettanti, pareti di roccia, prati, alpeggi, boschi rigogliosi e secolari. Le attività guidate proposte per settembre in Carnia si rivolgono a escursionisti di ogni genere. I ragazzi potranno partecipare a passeggiate didattiche nella natura o a un’avventurosa caccia al tesoro. E per conquistare in maniera alternativa la montagna, è possibile optare per la passeggiata a cavallo, l’escursione naturalistica in mountain bike o il canyoning lungo i torrenti. O, ancora, per più comodi itinerari in pullman, fra arte, storia, tradizioni, sapori della Carnia, con visite a musei, luoghi di interesse storico-artistico o di produzione dei prodotti più tipici, come il celebre prosciutto di Sauris. E alla cultura e al floklore carnici è dedicata anche CuriosArta, rassegna di incontri di approfondimento sulla Carnia previsti ogni settimana nella località termale di Arta Terme.

Fonte: Agenzia Turismofvg
Visita Turismofvg.it
 
  •  

 Pubblicato da il 29/07/2010 - - ® Riproduzione vietata

close