Cerca Hotel al miglior prezzo

Los Sanfermines: vacanza in Navara nelle feste di Pamplona a Tudela

Pagina 1/2

Tudela, ma soprattutto emozioni, curiosità e ritmi sfrenati per un mese che, in un clima tra il religioso e il profano, culmina con le feste taurine, svelando più di un volto della regione. La corsa dei tori non è che un aspetto della vera festa, anche se i cultori della tauromachia accordano alla corsa dell’encierro il ruolo preponderante nelle Sanfermines. La Fiesta raccontata da Hemingway nel suo omonimo romanzo del 1926, ha per protagonista soprattutto la strada; quel luogo dove in un attimo vibrante, convivono cerimonie religiose e profane, il culto arcaico della sfida e tanto buon cibo. Da Pamplona a Tudela, le differenti rappresentazioni dell’encierro variano nello stile e nei rituali collettivi, ma sono accomunate dalla forte emozione che sanno suscitare. Pochi minuti di pura adrenalina: se per alcuni è il momento di mettere alla prova il proprio coraggio, per molti è un’occasione formidabile per conoscere la cultura e il folklore delle città e della regione Navarra.

San Firmino di Amiens è il copatrono del Reyno de Navarra ed è proprio a lui che sono dedicate le festività che, dal 6 al 14 luglio si susseguono a ritmo incalzante a Pamplona. Processioni, sfilate, canti e danze: tutto il folklore e la tradizione sacra di una terra che in questo periodo si anima di un’energia contagiosa.

Sotto l’egida di bandiere, gonfaloni e gran sventolare di fazzoletti rigorosamente bianchi e rossi, il prossimo sei luglio a mezzogiorno lo scoppio del chupinazo dal balcone del palazzo municipale di Pamplona segnerà, come d’abitudine, l’inizio dei festeggiamenti. La tradizione vuole che ogni mattina, per nove giorni consecutivi fino al 14 luglio, dal cortile di Santo Domingo vengano sguinzagliati sei tori lungo l’encierro, il percorso di 800 metri che si snoda lungo le calli del centro. A ‘scortarli’ correndo fino alla ‘Plaza de Toros’ per la corrida del pomeriggio, centinaia di intrepidi cittadini e turisti catturati nell’euforia di questa folle e quanto mai festosa prova di coraggio.

A contorno di questo attesissimo evento, spettacoli per tutti i gusti e ogni tipo di pubblico animano la città a qualunque ora del giorno e della sera: dall’euforia della corsa, ai ritmi solenni della processione sacra, dalle sfilate dei Gigantes e dei Cabezudos per i più piccoli al singolare corteo di cavalieri di Las mulillas.
... Pagina 2/2 ...
Dal 24 al 30 luglio è la volta di Tudela, secondo capoluogo della Navarra che, in un analogo clima di euforia, celebra le Fiestas Patronales de Santa Ana in onore di Santa Ana. Oltre alle corridas che portano in arena i toreros più illustri del momento, Tudela si distingue per La Revoltosa, una curiosa danza dei primi del Novecento, in cui si contrappongono due gruppi di ballerini che, al suono della banda, girano freneticamente intorno ad un chiosco centrale. Lo spettacolo, per tradizione, è seguito tutta la notte da una folla appassionata. Clima di festa a suon di canti, musica e fanfare che culmina, a fine mese, con la Festa taurina, la processione della Gigantera e la corsa di un finto toro con le corna scoppiettanti di petardi, El toro de fuego.

Come ogni anno, l’estate in Navarra si preannuncia davvero esplosiva!

Fonte: Turismo de Navarra
Ufficio stampa: Adam Integrated Communications - Clara Iannarelli
Visita Visitnavarra.es
 

 Pubblicato da il 27/05/2010 - - ® Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close