Cerca Hotel al miglior prezzo

Le isole intorno a Göteborg: escursioni in barca a Styrsö, Vrångö e Brännö

Quello di Goteborg è il porto più grande in Scandinavia, e il mare ha da sempre dominato lo spirito della città: si possono vedere i vari luoghi legati al mare come il Museo Marittimo, il Museo Navale Maritiman, che è anche il più grande museo galleggiante del mondo, il famoso mercato del pesce di Feskekörka, oppure compiere gite sulle barche lungo il canale e nel porto, e ovviamente godersi l’ottimo pesce e i meravigliosi crostacei, e quando arriva l’estate scoprire l'arcipelago di isole che circondano la città.

Raggiungere l’arcipelago è semplice ed economico: basta circa una mezz'ora di viaggio col tram 9 o 11 dal centro città verso Saltholmen. E poi con il battello si impiegano dai 20 minuti ad un ora per raggiungere le varie isole. Tutto con lo stesso biglietto del tram o con lo Göteborgspass. Potrete poi noleggiaree una bicicletta e portarvela sul battello , in modo da girare le isole in bici che è un modo fantastico di andare alla scoperta della natura e dei villaggi. Alcune escursioni da fare:

Styrsö è una meta molto amata, una gita da farsi in una mezza giornata o anche più. Si prende il battello a Saltholmen verso Styrsö Bratten, da dove si prosegue a piedi o in bicicletta lungo il bel sentiero Styrsö Tångenvägen, lungo il quale si susseguono tipiche casette con giardinetto, fino a raggiungere il pittoresco paesino di Styrsö Tången (20 min) con le sue caratteristiche case in legno bianco. Da Bratten parte una passeggiata lungo il mare verso Styrsö Skäret (15 min), dove se si vuole ci si può fermare a pernottare nella graziosa pensione Styrsö-Skäret, o anche solo gustarsi le ottime torte della casa sulla splendida veranda.

Se si desidera spingersi ancora più al largo basta andare a visitare l’isola più occidentale, Vrångö, una gita da un’intera giornata. Il battello da Saltholmen ci mette un’oretta. Scogli e spiaggia di sabbia, un bel sentiero in mezzo alla natura intorno alla parte meridionale e occidentale dell’isola passando accanto a pittoreschi edifici. Un consiglio è quello di portarsi la colazione al sacco e fermarsi a mangiare su uno scoglio con vista sul mare. Oppure passare all’altro capo dell’isola al paese di Vrångö per un caffé al porticciolo. Sulla via del ritorno verso la città vale la pena far scalo a Donsö, un’isola in cui la tradizione della pesca e della navigazione sono ancora vivissimi. Nel porto peschereccio dove attraccano le barche si trova il grazioso baretto ”Isbolaget”, all’interno della vecchia fabbrica del ghiaccio utilizzato per la conservazione del pesce a bordo delle imbarcazioni. Brännö è l’isola più vicina, raggiungibile in soli 20 minuti. C’è un bel sentiero che attraversa l’isola, passando per le antiche casette in legno. Si passa anche per la trattoria Brännö Värdshus: buon cibo, caffè, pasticceria di produzione propria e una simpatica pensioncina proprio accanto, Baggens, per chi volesse pernottare sul luogo. La passeggiata passa anche a sud per Brännö Husvik, con ampia zona balenabile e pista da ballo popolarissima con musica dal vivo il giovedì sera nei mesi estivi. Se si ha poco tempo a disposizione una buona idea potrebbe essere di farsi una gita a Vrångö, andata e ritorno in un paio d’ore, per godersi la vista dell’arcipelago dal ponte del battello.

Fonte: Ente svedese per i viaggi e il turismo
Per informazioni numero verde: 02-36006503
Visita Visitsweden.com
 
  •  

 Pubblicato da il 25/02/2010 - - ® Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close