Cerca Hotel al miglior prezzo

Dove fare rafting in Veneto

Il Veneto presenta un paesaggio molto variegato, che spazia dalle alte vette alpine – tra cui quelle splendide delle Dolomiti, dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO – alle belle spiagge sabbiose del litorale adriatico.
In mezzo c’è la Pianura Padana, sulla quale svettano i Colli Euganei e tante interessanti città d’arte e di storia come Verona, Treviso, Padova e Venezia.

In un territorio così eterogeneo c’è spazio per praticare numerosi sport all’aria aperta.
Tra i tanti, una delle attività outdoor più amate è il rafting, che consiste nella discesa di fiumi (o torrenti) sul raft, ovvero un gommone particolarmente resistente e inaffondabile, che viene governato dall’equipaggio mediante l’utilizzo di pagaie.
Nonostante sia da molti considerato uno sport estremo, in realtà il rafting può essere praticato a molti livelli di difficoltà e in totale sicurezza, permettendo a tutti di divertirsi: esistono infatti percorsi pensati per le famiglie con bambini e per principianti assoluti, ma è anche un’attività sempre più richiesta per le aziende interessate al team building e per chi vuole fare un addio al celibato (o al nubilato) memorabile.

In Veneto sono principalmente due i fiumi che, per caratteristiche, si prestano più di altri alla pratica del rafting: il Brenta e l’Adige.

Rafting sul Brenta: Valstagna e gli altri luoghi a nord di Vicenza


Il tratto più indicato è quello nella zona di Valstagna, località che dal 2019 si è fusa con i vicini comuni di Campolongo sul Brenta, Cismon del Grappa e San Nazario dando vita al Comune di Valbrenta, che prende il nome dalla valle in cui si trova. Siamo dunque in provincia di Vicenza, dove il Brenta accompagna da sempre l’attività umana. Proprio sul fiume, nel suo passaggio a Valstagna, si svolge ogni estate un pittoresco e agguerrito Palio delle Zattere.

Gli appassionati di rafting possono divertirsi e mettersi alla prova accompagnati da guide esperte tra le acque del Brenta percorrendo un tratto della sua stretta valle tra terrazzamenti, piccoli borghi e splendidi scorci naturali.
Diverse società propongono uscite in acqua – kayak, canoa, rafting e altre attività – ma anche visite ed escursioni nella natura.
Di seguito proponiamo alcuni degli operatori che accompagnano turisti e appassionati a vivere l’entusiasmante esperienza del rafting sul Brenta.

Rafting Tovi

Un team di professionisti offre diversi pacchetti di esperienze di rafting (Classic, Long, Estremo, Easy, River Trekking, Rescue) pensati per ogni tipo di utenza, ma anche uscite in kayak e attività di team building.
Le attività sono calibrate su ogni tipo di utenza, incluso il rafting per bambini, con difficoltà e caratteristiche pensate apposta per fare divertire anche i più piccoli in tutta sicurezza.
Contatti: Centro Sport Fluviali fiume Brenta, via Bonatoni 7, 36020 Campolongo sul Brenta (Vicenza), tel. 328 9231648.
Sito ufficiale: www.raftingtovi.it

Ivan Team

È un gruppo che si definisce orgogliosamente “gente di fiume”, formato da guide riconosciute dalla Federazione Italiana Rafting, maestri abilitati dalla Federazione Italiana Canoa Kayak e guide naturalistiche e ambientali della Valbrenta.
Ivan Team propone escursioni di canoa, kayak, hydrospeed, river trekking, hot dog e Stand Up Paddle, oltre a visite naturalistiche, mountain bike, speleologia, sci di fondo, ciaspole e altre attività “a terra”.
Le uscite di rafting prevedono diversi pacchetti di differenti difficoltà e lunghezza, tra cui anche quello “Family” realizzato su misura per le famiglie con bambini.
Contatti: Ivan Team, via Fontanazzi 1, Solagna (Vicenza), tel. 0424 558250.
Sito ufficiale: www.ivanteam.com

Onda Selvaggia

Nata dalla passione per gli sport fluviali, Onda Selvaggia ha la sua sede in riva al Brenta, dove propone canoa & kayak, hydrospeed, rafting (con pacchetto speciale per addii al celibato & nubilato), canyoning, o anche settimane multisport, in cui ogni giorno si pratica un’attività diversa. A terra invece si può fare arrampicata, mountain bike o trekking.
Contatti: Onda Selvaggia Centro Sport Fluviali e Outdoor, via Merlo 63, San Nazario (Vicenza), tel. (+39) 042499581, cell. (+39) 3473767729.
Sito ufficiale: www.ondaselvaggia.com

Rafting sull’Adige: Verona e la Val Lagarina con i bambini


L’ultimo tratto tra le montagne percorso dal fiume Adige, prima di entrare nella Pianura Padana, prende il nome di Val Lagarina. Questa zona è perfetta da scoprire a bordo di gommoni da rafting, attraversando una rigogliosa natura e avvistando da lontano i numerosi forti austriaci che dominano la vallata.
L’Adige entra poi a Verona, dove si può visitare la città da un punto di vista d’eccezione, direttamente dall’acqua.
Alcuni operatori si occupano delle uscite di rafting sull’Adige a Verona e in Val Lagarina.
Di seguito riportiamo contatti e caratteristiche.

Verona Rafting

Questa associazione sportiva propone attività ricreative, culturali e ovviamente sportive lungo l’Adige.
Tra le sue offerte c’è la discesa sull’Adige attraverso il centro storico di Verona, con partenza dalla diga del Chievo e arrivo al Boschetto del Pestrino: un percorso ideale per i principianti (turisti, famiglie, centri estivi e gruppi con bambini) e al tempo stesso emozionante.
In alternativa, il tour della Val d’Adige, anch’esso disponibile per adulti e bambini, si snoda in un suiggestivo scenario naturale.
Contatti: Verona Rafting a.s.d. Base Nautica: Lungadige Galtarossa 28/A, Verona. Tel. (+39) 393 300 3030.
Sito ufficiale: www.veronarafting.it

Adige Rafting

Un centro specializzato nel rafting con sede a Verona che propone uscite in raft o con canoe gonfiabili nel tratto cittadino del corso dell’Adige.
In Val d’Adige, invece, si occupa di uscite di rafting abbinate all’arrampicata sulle pareti calcaree della valle.
Contatti: Adige Rafting, Centro Sportivo Bottagisio, via Perloso 14/A, zona Chievo, Verona.
Tel. +39 347 8892498
Sito ufficiale: www.adigerafting.it

Rafting sul Piave, sul Sile e nel Bellunese


Oltre al Brenta e all’Adige, che sono i due fiumi più frequentati da chi pratica rafting, altri corsi d’acqua in Veneto possono essere teatro di uscite di trekking fluviali, rafting, kayak e canoa.
Tra questi ci sono il Piave, e nello specifico in località Falzè di Piave (frazione del comune di Sernaglia della Battaglia, in provincia di Treviso), e il fiume Sile, nella zona di Quinto di Treviso.
Il rafting si può praticare inoltre sui torrenti Boite, Caorame e Cordevole, nel Bellunese.

Free Waters

Questa associazione ha sede a Mirano, ma opera in tutto il Veneto e fuori dai confini regionali proponendo sport acquatici, tra cui ovviamente il rafting.
Contatti: sede a Mirano (Venezia), tel. 329 9796208.
Sito ufficiale: www.freewaters.it

Cerchi un'idea per una gita di un giorno?
Leggi il nostro articolo dedicato alle gite domenicali fuori porta in Veneto.
  •  
15 Gennaio 2021 Il Festival della Loira a Orleans

L’appuntamento con il Festival della Loira a Orleans ha cadenza ...

NOVITA' close