Cerca Hotel al miglior prezzo

Il Festival di Bregenz e il teatro sull'acqua del lago di Costanza

Evento concluso!
Attenzione, evento concluso!
Se verrà riproposto aggiorneremo le date!
Lo ricorderete in Quantum of Solace, episodio della saga di James Bond mentre il mitico 007 affronta gli immancabili “cattivi” sulle note della Tosca al Festival di Bregenz: un palcoscenico galleggiante sul lago di Costanza allestito con quinte sceniche impressionanti e ogni anno animato da una ricca stagione operistica.

Grazie al Bregenzer Festspiele la città austriaca capitale del Vorarlberg, famosa per il suo lungolago e il Casinò, attira ogni anno in estate – per quest’edizione dal 18 luglio al 20 agosto – un pubblico eterogeneo di appassionati dell’opera, di musica classica e turisti curiosi di sperimentare un’esperienza unica. Del resto lo spettacolo inizia molto prima della messa in scena, quando i battelli si muovono silenti sul pelo dell’acqua per portare gli spettatori ai palchi galleggianti; il direttore d’orchestra alza la bacchetta e la magia ha inizio riflettendo le proprie luci nelle acque del Bodensee fino al tramonto.

La storia del Bregenzer Festspiele


Ogni anno diverso ma sempre spettacolare nella varietà degli allestimenti, il Festival di Bregenz nasce nel 1946 con un’esibizione inaugurale allestita su due chiatte, una per l’orchestra – da sempre la Vienna Symphony Orchestra – e l’altra per le quinte sceniche. Nel 1950 si inaugura il palcoscenico off-shore costruito su pali di legno e l'auditorium all'aperto con una capienza di circa 6.500 spettatori, mentre nel 1955 è il primo teatro di Bregenz, il Kornmarkttheater, ad aprire i battenti.
La fine degli anni Settanta vedono l'apertura della Congress Hall del Festspielhaus (1980) e di un nuovo teatro sull’acqua (la Seebühne del 1979) con annessa buca d'orchestra; collegato con il teatro galleggiante, il Festspielhaus può garantire spettacoli al coperto in caso di maltempo.

La rappresentazione del Flauto magico del 1985 apre una nuova era per il festival di Bregenz che mira alla rappresentazione visiva dei temi e a un teatro popolare fruibile da tutti ma sempre caratterizzato da raffinate scelte artistiche.
Nel 1988 si aggiunge il Workshop Theatre (Werkstattbühne), concepito come teatro sperimentale, che insieme alle due sedi esistenti, il Seebühne e la Great Hall del Festspielhaus, offre una capacità totale di 12.000 posti.
Gli anni che seguono segnano un successo dopo l’altro, Il trovatore di Verdi nel 2005 e nel 2006, l’occhio blu della Tosca di Puccini che nel 2008 fa da coprotagonista a James Bond nella sequenza di sette minuti e mezzo di Quantum of Solace; nel 2010 l'Aida di Giuseppe Verdi – messa in scena con enormi piedi blu, gru gigantesche e un elefante di rame – attira il maggior numero di spettatori nella storia del festival. Nel 2013 il Flauto magico totalizza più di 200 mila spettatori nelle sue 28 esibizioni mentre nel 2014 il Festival di Bregenz segna una stagione da record con oltre 264.000 spettatori, di questi circa 204.000 spettatori del Flauto magico di Mozart che di conseguenza diventa la produzione d'opera più famosa dalla nascita del festival nel 1946.

Festival di Bregenz: il programma 2018


Protagonista assoluta dell’edizione 2018 niente meno che la Carmen di Bizet (prima in programma il 19 luglio alle 21.15, poi dal 20 al 22, 24 e dal 26 al 27 luglio sempre alle 21.15), opera in quattro atti del 1875 tratta dalla novella di Prosper Mérimée su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy; a ispirare lo scenografo Es Devlin – che ha lavorato con artisti pop del calibro di Adele e U2, Take That – proprio il lancio delle carte in aria da parte di Carmen, le stesse che si ritrovano nell’allestimento scenico del palcoscenico galleggiante (il Seebühne).

Di scena invece negli spazi del Festspielhaus l’opera in tre atti Beatrice Cenci sulle musiche del compositore Berthold Goldschmidt (prima 18 luglio alle 19.30) e basata su una novella di Stendhal; il direttore musicale è Johannes Debus già presente al Festival di Bregenz con The Tales of Hoffmann di Jacques Offenbach.

Al suo debutto al Werkstattbühne (15 agosto alle 20) The Hunting Gun di Thomas Larcher, opera in tre atti su libretto di Friederike Gösweiner (1949), ispirata al libro di Yasushi Inoue; al leggendario tenore Mark Padmore il ruolo del poeta.

Oltre alle opere liriche, il ricco cartellone del Bregenzer Festspiele propone importanti produzioni artistiche, spettacoli di teatro contemporaneo e concerti per orchestra di scena nella Festspielhaus e un programma speciale "crossculture" rivolto a un pubblico più giovane nella Kunsthaus Bregenz.

Informazioni sulla manifestazione (programma, orari e prezzi):

Nome: Bregenzer Festspiele
Dove: Bregenz, Lago di Costanza, Austria
Date: dal 18 luglio al 20 agosto 2018
Tipologia: festival musicale
Biglietti, orari e programma dettagliato: sito ufficiale

Per informazioni turistiche:
www.lagodicostanza.eu

Calendario delle aperture
Attenzione: evento terminato!

Luglio 2018
D L M M G V S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
Agosto 2018
D L M M G V S
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
Diniego di responsabilità: la Redazione cerca di mantenere sempre aggiornate le date di apertura, ma consigliamo di visionare i siti ufficiali prima di organizzare una visita.
  •  

 Pubblicato da il 01/07/2018 - - ® Riproduzione vietata