Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa fare in Costa Azzurra tra autunno ed inverno

Pochi luoghi al mondo sanno evocare un immaginario così potente come la Costa Azzurra, lingua di terra costiera che si allunga splendidamente da Mentone fino a Cannes in un susseguirsi di località frequentate dal jet set internazionale ieri come oggi – la scultura dell’inimitabile Brigitte Bardot troneggia come una venere di Milo nel centro di Saint Tropez –, e panorami da cartolina che hanno una vita propria anche in celluloide, uno fra tutti le curve costiere su cui sfreccia un’indomita Grace Kelly in compagnia di Cary Grant in Caccia al ladro del 1955.

Seducente come poche altre, oltre che magica, con le spiagge che protendono in un mare cristallino, incorniciata da creste ruvide dove si ritrovano come incastonati piccoli villaggi pittoreschi. Affollatissima d’estate o durante gli eventi clou come il festival del cinema, è una meta interessante anche nelle stagioni più fredde, quando è più facile viverla in modo meno frenetico, con un approccio slow e del bien vivre.

Non perdetela in autunno, la troverete irresistibile grazie a un clima definito da Hector St-John de Crevecoeur “l’estate indiana” già nel lontano 1778.

Natura e biodiversità in Costa Azzurra


Per chi ama passeggiare in assoluto relax le randonnées si ramificano ovunque, lungo la costa, nel Parco nazionale del Mercantour – imperdibile il Sentiero planetario di Valberg e il Polo Sport Montagna di Saint Martin Vésubie –, e nella Riserva Naturale dei Monts d’Azur a Thorenc.
Anche le città accolgono spesso veri e propri polmoni verdi a cominciare da Mentone che ospita un patrimonio botanico con ben 7 giardini d’eccellenza; poi c’è Antibes Juan le Pins con il Bois de la Garoupe, i Giardini Thuret, un arboretum d’acclimatazione sperimentale unico in Francia, e il Tire-Poil, sentiero che porta dritti verso paesaggi e punti panoramici sul mare. Siamo già a Cap d’Antibes, un incredibile contenitore di biodiversità marina e terrestre classificato come area «Natura 2000».
Al largo di Cannes le isole Lérins sono oggetto di un progetto di candidatura al Patrimonio Mondiale dell’Umanità; la più grande l’isola Sainte Marguerite è ricoperta da una foresta demaniale di 170 ettari di pini ed eucalipti e ospita la riserva ornitologica dello stagno del Batéguier; Saint-Honorat, la seconda, è un’oasi di pace e spiritualità con l’abbazia e il monastero fortificato (la Torre) immersi in un panorama fatto di vigneti.
Sono 60 i chilometri dei 14 sentieri per escursioni e corse a piedi sparsi in tutto il territorio di Cannes, 4 le aree all’aperto dedicate al fitness, create in forma di piattaforme collegate tra loro e più di 5 km di costa lungo i viali Midi-Louise Moreau e Jean Hibert ridisegnati con percorso ciclabile, parcheggio ottimizzato, aree verdi, aree relax grazie al progetto BoccaCabana.

Attività all’aria aperta, in barca o lungo il green


Per chi ama gli sport eleganti, la e-Navigation propone il noleggio di barche e battelli fino a 8 persone; a Sophia Antipolis ci sono i nuovi campi della Tennis Mouratoglou Academy. Senza dimenticare poi i tornei di golf della Ryder Cup; con l’iniziativa Rendez-Vous Spa/Golf Côte d'Azur, i più prestigiosi hotel della Costa Azzurra propongono a novembre 2017 e marzo 2018 due settimane di promozioni per abbinare pernottamento, spa e golf. Inoltre a partire dal 25 ottobre nel Pays de Grasse, in partenariato con il Comitato Regionale per il Turismo Costa Azzurra, il nuovo Pass Cote d’Azur Golfs Pays de Grasse include circa 18 golf da Nizza alla grande zona di Toulon.
Se poi gli oltre 50 eventi sportivi all’aperto che si svolgono tutto l’anno sono conosciuti con il marchio «Cannes, capitale dello sport all’aria aperta», un motivo ci sarà di sicuro; la città organizza circa 270 eventi sportivi come il Jumping Internazionale nel mese di giugno, le Regate Reali a settembre, la Maratona Nizza-Cannes il 5 novembre, la mezza-maratona di Cannes a febbraio o il Festival Internazionale della Pétanque. Cannes ha anche due basi nautiche, quella di Batéguier e quella del Moure Rouge.
Infine Roquebrune sur Argens, alle spalle di Saint Tropez, con il famoso rilievo di roccia Rocher de Roquebrune, è l’ideale per sperimentarle il paracadute ascensionale.

Tra storia e cultura


Chi è in cerca di una vacanza più culturale, da passare con il naso all’insù in cerca di gioielli di architettura e tradizioni, non resterà certo deluso. Mentone ospita il museo Jean Cocteau - collezione Séverin Wunderman, allestito nella location fronte mare ideata dall’architetto Rudy Ricciotti, e la Sala dei Matrimoni che compirà 60 anni nel 2018.
Ad Antibes Juan le Pins da non perdere la visita del museo Picasso, mentre a Nizza si può passeggiare lungo la Promenade des Anglais, per le stradine del centro antico, si può scoprire l’architettura barocca e visitare il famoso mercato dei fiori di Cours Saleya. Unico nel suo genere l’Osservatorio astronomico costruito dal famoso architetto Charles Garnier (lo stesso dell’Opéra di Parigi) che comprende la più grande cupola mobile d’Europa, progettata da Gustave Eiffel.
A Cannes l’Ufficio del Turismo organizza visite guidate per la città secondo le tematiche: Storia di Cannes, Cannes e il cinema, Cannes Croisette e il Palais des Festivals.
Il villaggio medievale e provenzale di Roquebrune sur Argens ospita la Maison du Chocolat et Cacao, la Maison du Patrimoine e numerose gallerie d’arte.

Piaceri da grand gourmand


Per chi ai piaceri del palato proprio non sa rinunciare, ecco qualche suggerimento ricercato. A Antibes Juan Les Pins c’è la Cucina dei Fiori d’autunno con Yves Terrillon, che condivide i segreti della sua marca, Pétales & Saveurs, nei suoi corsi di cucina dei fiori; mentre Solène Ronnaux-Baron propone invece la birra d’eccellenza B06 e organizza visite e laboratori in francese e inglese.
E poi c’è la “Cuisine Nissarde”, la cucina nizzarda, vero e proprio marchio della gastronomia francese, assegnato ai ristoratori che puntano alla valorizzazione della cucina tipica di Nizza e ne rispettano le ricette, la qualità dei prodotti e delle materie prime utilizzate. Per degustazioni di vini ideali con la cucina nizzarda, che trovano posto sulle tavole dei ristoranti stellati, consigliamo Domaine de Toasc, sulle alture di Nizza con 12 ettari di vigneti, mentre per scoprire la produzione dell’olio d’oliva, il frantoio di Alziari.
A Roquebrune sur Argens la Maison du Terroir riunisce tutti i prodotti locali e artigianali del territorio.

Eventi da non perdere ed informazioni utili


Dal 2 dicembre 2017 al 1° gennaio 2018, Nizza, il villaggio di Natale;
Dal 17 febbraio al 3 marzo 2018, Nizza, Carnevale;
Dal 17 febbraio al 4 marzo 2018, Mentone, Fête du Citron®, la Festa del Limone;
Dal 21 al 28 aprile 2018, Cannes, Red Bull Air Race, campionato mondiale di corsa aerea;

Informazioni utili per scoprire la Costa Azzurra
Il French Riviera Pass è la city card che permette di scoprire i più importanti siti turistici e le attività di Nizza e della Costa Azzurra. Per saperne di più: www.frenchrivierapass.com
Per l’agenda completa e informazioni per organizzare il viaggio: www.cotedazurfrance.fr

  •  

 Pubblicato da il 18/10/2017 - - ® Riproduzione vietata