Cerca Hotel al miglior prezzo

Mexico. La Mostra Sospesa a Bologna, Palazzo Fava

Aggiungi l'evento al calendario 2017-10-19T00:00:00+0200 2018-02-18T00:00:00+0200 Europe/Rome México – La Mostra Sospesa – Orozco, Rivera, Siqueiros Mexico. La Mostra Sospesa a Bologna, Palazzo Fava | Date 2017 / 2018 ATTENZIONE: date non continuative. Maggiori informazioni su date e programma a https://www.ilturista.info/blog/13294-Mexico._La_Mostra_Sospesa_a_Bologna_Palazzo_Fava/?utm_source=sharing&utm_medium=calendario&utm_campaign=blog Palazzo Fava Bologna, Emilia-Romagna
Dal 19 Ottobre 2017 al 18 Febbraio 2018
Attenzione: date non continuative
Cosa c’è di più democratico e popolare di un murale? È alla portata di tutti, gratuito e spesso latore di messaggi politici che attecchiscono immediatamente grazie all’uso delle immagini. Forse per questi motivi, questo tipo di arte è spesso invisa all’establishment. La mostra “México – La Mostra Sospesa – Orozco, Rivera, Siqueiros”, al Palazzo Fava di Bologna dal 19 ottobre 2017 al 18 febbraio 2018 non è destinata solo a chi ama l’arte, ma è una mostra che racconta di storia e di politica, di lotte al fianco degli ultimi e di battaglie perdute.

Una mostra sospesa tra arte e storia

Questa stessa mostra, conosciuta come “La Mostra Sospesa” può considerarsi una rivincita postuma del popolo contro la dittatura. Era il settembre del 1973 e i tre artisti Diego Rivera, José Clemente Orozco e David Alfaro Siqueiros, esponenti di spicco del muralismo messicano, dovevano esporre le loro opere il 13 settembre di quell’anno a Santiago del Cile. Non si trattava “solo” di arte. La mostra era un modo con cui i tre artisti messicani testimoniavano la loro solidarietà e vicinanza al presidente cileno Salvador Allende, politico marxista che in Cile stava perseguendo una politica di stampo socialista, invisa alle elite militari e alle forze conservatrici.

La mostra dei tre artisti messicani non si tenne mai. L’11 settembre del 1973 un colpo di stato guidato dal generale Pinochet rovesciò il governo aprendo la strada ad una feroce dittatura. Quello stesso giorno Salvador Allende perse la vita. In tutta fretta, le opere degli artisti, già a Santiago del Cile, vennero imballate e rispedite a Città del Messico. Il socialismo in Cile era diventato solo un ricordo.

A distanza di anni però la Mostra Sospesa vive ancora e, dal 19 ottobre farà tappa a Bologna. Una dimostrazione che le armi e la violenza non possono vincere contro arte e ideali. Un bel segnale, che dà a questa mostra un valore in più.

Storia a parte, la mostra di Palazzo Fava è un evento imperdibile per chi ama l’arte. Sono 68 le opere in mostra, tra le più significative della pittura muralista messicana, giunte in prestito dal Museo Carrillo Gil, dal Museo Nacional de Arte e dal Museo de Veracruz.

A fare da contorno alla mostra moltissimi eventi correlati, destinati soprattutto ai più piccoli, per fa conoscere loro l’arte del murale e il suo potere comunicativo.

Rivera, Orozco, Siqueros: gli artisti del popolo

Sono i tre principali esponenti del muralismo messicano, movimento che si proponeva di educare il popolo meno colto per aiutarlo a prendere coscienza di sé stesso, della propria storia e dei propri diritti. Pare superfluo aggiungere che Rivera, Orozco e Siqueros erano tre artisti molto attivi politicamente nel promuovere le loro idee di stampo socialista attraverso le loro opere.

José Clemente Orozco (1883-1949) è il più grande (anagraficamente) dei tre. Le sue opere, di immediato impatto visivo. sono caratterizzate da colori intensi nei toni del rosso sangue, del blu e del giallo acido. Esse rappresentato essenzialmente la tormentata storia del popolo messicano, per cui l’artista dimostra una profonda empatia. Una delle sue opere più spettacolari è L’epopea della civilizzazione americana (1932-1934), un murale di 24 pannelli che copre un’area di 297 metri quadri. Si trova alla Bakery Library ad Hanover, negli Stati Uniti.

Diego Rivera (1886-1957) è sicuramente il più famoso dei tre, almeno per due motivi. Il primo è che è considerato uno dei più importanti artisti messicani, grazie ad opere come Uomo, controllore dell’Universo, ispirata al realismo sociale. Il secondo è che è stato il marito della pittrice Frida Kahlo. Entrambi attivi politicamente, i due ebbero una relazione turbolenta, soprattutto a causa delle continue infedeltà di lui. Secondo la leggenda, un giorno nel corso di un litigio Frida perse a tal punto le staffe che provò a ferire Diego con un colpo di pistola. Frida a parte, Diego Rivera è stato uno dei più importanti artisti del XIX secolo, nonché un sincero idealista. Nel 1932 i Rockefeller gli commissionarono alcuni murales per l’atrio della RCA nel Rockefeller Center di New York. Rivera realizzò così l’opera L’uomo, controllore dell’Universo, in cui, al fianco del protagonista appare il volto di Lenin. Il ricco petroliere chiese all’artista di cancellare quel volto, ritenendolo una chiara provocazione nei suoi riguardi ma Rivera gli rispose che, se voleva, poteva cancellare l’intera opera. Lui non avrebbe censurato quel volto. Rockefeller alla fine decise di rimuovere l’intero murale. Per fortuna l’opera esiste ancora oggi perché Rivera la riprodusse al secondo piano del Palazzo delle Belle Arti di Città del Messico.

David Alfonso Siqueros (1896-1974) è sicuramente il più radicale dei tre artisti. Per dipingere non usava il cavalletto perché lo considerava “troppo borghese” e usava strumenti industriali come pistole a spruzzo e pitture a smalto. Le sue idee politiche gli costarono due volte l’esilio, e lui ne approfittò per viaggiare in cerca di fonti di ispirazione. Nel 1960 fu condannato a tre anni di carcere per incitamento alla rivolta. I suoi riferimenti sono molti e variegati: dall’arte pecolombiana, al cubismo fino all’arte rinascimentale, le sue opere parlano di lotta, coerentemente con il suo animo guerrigliero.

Informazioni utili, date, orari, prezzo dei biglietti

Mostra: “México – La Mostra Sospesa – Orozco, Rivera, Siqueiros”
Dove: Palazzo Fava di Bologna, via Manzoni 2
Date: dal 19 ottobre 2017 al 18 febbraio 2018
Orari: da martedì a domenica: 10 – 20, lunedì chiuso
Biglietti: €13 intero, € 10 ridotto
Maggiori informazioni: sito ufficiale

Calendario delle aperture

Ottobre 2017
D L M M G V S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
Novembre 2017
D L M M G V S
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
Dicembre 2017
D L M M G V S
         
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
Gennaio 2018
D L M M G V S
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
Febbraio 2018
D L M M G V S
       
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
     
Diniego di responsabilità: la Redazione cerca di mantenere sempre aggiornate le date di apertura, ma consigliamo di visionare i siti ufficiali prima di organizzare una visita.
  •  

 Pubblicato da il 13/10/2017 - - ® Riproduzione vietata

11 Dicembre 2017 I mercatini di Natale a Toro

Anche Toro, in Molise, ha i suoi mercatini di Natale: giunti ormai alla ...

NOVITA' close