Cerca Hotel al miglior prezzo

Waldsiedlung Wandlitz: visita al rifugio nel bosco della ex DDR

Pagina 1/2

Dopo la caduta del Muro di Berlino, di cui quest’anno si celebra il 20° anniversario, sono venuti alla luce molti segreti della ex DDR . Alcuni costituiscono oggi autentiche curiosità e sono indicati sulla mappa Welcome to the country without borders che l’Ente nazionale Germanico dedica ai luoghi dell’era socialista.

Ne è un buon esempio la Waldsiedlung Wandlitz nel Brandeburgo, circa 30 chilometri a nord della capitale tedesca. Immersa nel verde di un faggeto vicino al romantico laghetto Liepnitzsee, opportunamente protetta dai servizi segreti e da una squadra scelta di poliziotti, la località fungeva da "buen retiro" per la nomenklatura socialista ed era composta da 26 bungalow allineati vicino a una confortevole club house, ciascuno assegnato a un membro dell’ufficio politico della SED. Il "villaggio nel bosco" venne fatto costruire tra il 1958 e il 1960 da Walter Ulbricht, padre fondatore della Germania socialista, per creare un luogo sicuro e riservato dove elaborare le strategie del partito unico.

Esternamente le case erano tutte uguali e avevano un aspetto abbastanza semplice, mentre dai giardini, decorati con piante e statue, si poteva ricavare qualche indizio sull’importanza degli inquilini. Quasi tutte le case ne hanno avuti più d’uno, e molte fungevano periodicamente da guest-house per ospiti illustri. In quella contrassegnata dal n. 7 soggiornava lo stesso Ulbricht, nella nr. 1 abitò Otto Grotewohl e più tardi Willi Stoph che la dotò di piscina e frutteto. Al nr. 11, dove era di casa Honecker, la porta della cantina spesso restava aperta per far entrare e uscire il suo cocker dal carattere bizzoso.

Attorno ai bungalow vi erano le abitazioni di servizio per camerieri, autisti, artigiani e accompagnatori. Oltre a negozi forniti di merci occidentali e ad una stazione di servizio che dispensava benzina ai vip, nella Waldsiedlung Wandlitz si celavano due segretissimi bunker da circa 900 mq adibiti a rifugio per eventuali situazioni d’emergenza. La club house a sua volta racchiudeva stanze per ospiti, sauna, solarium, un salone di bellezza, il ristorante e un salone per feste.
... Pagina 2/2 ...
Dopo la caduta del Muro, il complesso è stato trasformato in una moderna clinica, mentre in futuro è prevista la realizzazione di un centro termale con hotel, abitazioni e strutture congressuali. Ma sin d’ora il villaggio è meta di escursioni dei berlinesi e dispone di alcuni alberghi e ristoranti nei dintorni; ci sono anche un piccolo museo dedicato all’agricoltura e un battello che porta i gitanti all’isola Grosser Werder nel Liepnitzsee.

Chi vuole sperimentare una vacanza nella storia della ex DDR, può approfittare di un pacchetto di soggiorno proposto dal Waldhotel Wandlitz, inaugurato nel 1997 (tel. 0049-33397-6690, www.waldhotelwandlitz.de). Nel prezzo di 165 euro a persona sono comprese 3 notti con prima colazione, frutta e spumante in camera e 2 cene; una di queste si basa sullo stesso menu che veniva servito ai membri dell’ufficio politico della SED e viene preparata da un ex cuoco di Erich Honecker. Sono anche previste la visita guidata del villaggio e una proiezione di diapositive sui tempi della DDR. Gli ospiti dell’hotel, situato nell’area protetta della Kehlheide, possono, inoltre, usufruire della sauna e di biciclette per esplorare i dintorni.

Fonte: Ente Nazionale Germanico per il Turismo
Per maggiori informazioni: Tel. 02-2611.1730
Visita Vacanzeingermania.com
 

 Pubblicato da il 22/04/2009 - 3.576 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close