Cerca Hotel al miglior prezzo

Il Ponte delle Catene a Fornoli di Bagni di Lucca

Quasi contemporaneo al suo omonimo ponte di Budapest, questa struttura la prima del genere ad essere stata realizzata in Italia..

Più si conosce l'Italia e i suoi capolavori, più si resta meravigliati dalle mille espressioni di cui è capace lo Stivale culla della storia e della cultura europee. Fra le tante opere architettonico-ingegneristiche che costellano l'intero territorio nazionale, il Ponte delle Catene a Fornoli - frazione di Bagni di Lucca in Toscana - si situa certamente nel gota delle più interessanti in relazione al suo valore.

Cenni di storia

Monumentale accesso sovrafluviale a Chifenti (Borgo a Mozzano) superando il Lima e le sue fragorose cascate, rappresenta il primo ponte realizzato in ferro e legno nel Belpaese. Un progetto alquanto audace dell'architetto Lorenzo Nottolini, commissionato dal duca di Lucca Carlo Ludovico di Borbone a seguito della distruzione di una vecchia struttura in conseguenza della piena verificatasi nel 1836. Al fine di garantire una costruzione all'avanguardia non solo bella esteticamente ma soprattutto solida, sicura e scenografica, ovvero all'altezza di una località termale di gran moda all'epoca (abituale punto di incontro di nobili intenti a rilassarsi o a curare fastidiosi reumatismi), il Nottolini si recò in Inghilterra ad analizzare i ponti sospesi, in special modo quelli sul Tamigi a Londra.

I lavori iniziarono ufficialmente nel 1840 ma l'annessione del Ducato di Lucca al Granducato di Toscana ne causò l'interruzione nel 1847. La riapertura dei cantieri portò al completamento della struttura nel 1860 - a ridosso della proclamazione dell'Unità d'Italia - per volontà di Bettino Ricasoli. Minato e gravemente danneggiato dai contingenti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, fu necessario ricostruire il ponte rispettando comunque il disegno originario. L'inaugurazione reca la data del 1953.

Cosa aspettarsi dalla visita

È indubbio il fatto che non si tratta di un semplice passaggio. Il Ponte delle Catene è molto di più, un vanto del territorio circostante, una passerella sontuosa – lunga ca. 50 metri e in tavolato di legno - dotata di larghe terrazze panoramiche per ammirare il paesaggio in cui s'erge protagonista l'acqua, benefica, primordiale, potente ed elegante, sorgiva e torrenziale. La postura conta due estremità coincidenti con archi trionfali d'ispirazione romana e napoleonica, perfettamente uguali (decorati in stile neoclassico) a 16 nicchie, affidandosi all'azione sospensiva delle imponenti catene in ferro e a grandi maglie (da qui il nome) tenute in tensione da un meccanismo sotterraneo tanto complesso quanto affascinante che esclude il tipico ausilio dei piloni intermedi piantati a terra.

Ristrutturato nel 2003 su intervento della Provincia di Lucca e contributo del World Monument Found American Express (che lo aveva già inserito nel 1999 tra i 100 monumenti al mondo da salvare), il ponte è provvisto oggi di un corrimano in legno e ferro. Transitarvi significa godere di una vista abbacinante dei monti della Val di Lima oppure, guardando in basso, assecondare lo scorrere del fiume imbattendosi con un po' di fortuna e pazienza in aironi e magnifici animali acquatici.

Informazioni utili, date e orari per visitare il ponte

Nome: Ponte delle Catene
Dove: Bagni di Lucca fraz. Fornoli (Lucca)
Date e orari di apertura: sempre accessibile gratuitamente
Tipologia: monumento
Informazioni: chiamare l'Ufficio Informazioni Turistiche al tel. 0583/805745 o inviare una e-mail all'indirizzo infopoint.bagnidilucca@gmail.com.

Come arrivare
Il Ponte delle Catene è raggiungibile in auto percorrendo la strada in direzione di Bagni di Lucca, 200 metri a nord della stazione ferroviaria in località Fornoli.

 Pubblicato da il 03/11/2022 - 940 letture - ® Riproduzione vietata

08 Dicembre 2022 La Grecia nel bicchiere: itinerari e idee ...

Nell’antica mitologia ellenica, il vino è il dono degli dei ...

NOVITA' close