Cerca Hotel al miglior prezzo

La Torre Guinigi a Lucca ed il suo giardino pensile

Celebre per la sua terrazza panoramica, che accoglie sette alberi di leccio, uno dei luoghi migliori per ammirare il panorama del centro storico di Lucca.

La Torre Guinigi è una delle poche torri medioevali rimaste intatte all’interno del centro storico di Lucca e uno dei più importanti simboli della città. Fra le torri panoramiche in Italia è celebre per una sua singolare particolarità, che la rende assolutamente unica: dalla sua edificazione nel Trecento fino ad oggi, la sommità della torre è sempre stata adorna di un suggestivo ‘giardino pensile’, composto da ben sette lecci che svettano sulla sua cima rendendola inconfondibile da qualunque lato la si osservi, passeggiando fra le vie di Lucca.

Sorge appena alle spalle di Piazza dell’Anfiteatro, all’angolo fra via Sant’Andrea e via delle Chiavi d’oro, a pochi metri di distanza dal celebre corso detto Fillungo e dalla Torre delle Ore, con cui fa a gara in altezza: in effetti la Torre Guinigi, con i suoi circa 45 metri di altezza, è la seconda più alta della città proprio dopo la torre che batte le ore.

La visita della torre: interno e terrazza panoramica

Nondimeno la Torre Guinigi conserva altri record molto interessanti: è la torre più antica della città di Lucca, e l’unica di epoca medioevale a non essere stata abbattura o mozzata nel corso del XVI secolo. D’altra parte è anche fra i monumenti in assoluto più visitati della città di Lucca: pur bellissima da vedere dal basso, con la sua foggia medioevale ed i colori rosso-bruno dei laterizi impiegati per costruirla, impreziositi dal suggestivo ciuffo di alberi in cima, non sono molti i visitatori che resistono al desiderio di vedere il piccolo giardino-pensile alberato da vicino ed al fascino di gustarsi da lassù un panorama a 360 gradi sulla città di Lucca e sui monti circostanti che permette di abbracciare tutti i principali monumenti della città, i suoi poderosi bastioni ed i rilievi circostanti.

Quanti sono gli scalini?

L’attrattiva del salire in cima a Torre Guinigi è tale che persone di ogni età non si lasciano scoraggiare dai ben 230 scalini necessari per arrivare fino in cima, né dalla piccola fila che può talvolta crearsi all’ingresso soprattutto in estate, quando maggiore è il flusso di turisti, a causa del fatto che si sale in maniera controllata dalla biglietteria per evitare un sovraffollamento sulla terrazza che potrebbe danneggiare l’antica struttura e diventare pericoloso per la sicurezza.

Informazioni, orari e prezzo biglietto della torre

Per salire sulla cima della Torre Guinigi si acquista il biglietto intero al prezzo di 5€ o il ridotto a 4€ (ingresso gratuito per bambini sotto i 6 anni e accompagnatore di disabili) direttamente alla biglietteria posta all’ingresso del monumento in via sant’Andrea 45. Torre Guinigi è aperta tutto l’anno, con apertura fissa alle 9.30 e chiusura diversificata a seconda del periodo dell’anno, dalle 16.30 nei mesi di novembre e dicembre alle 19.30 nel periodo giugno-settembre. Possibile inoltre acquistare un biglietto cumulativo, valido due giorni, per visitare Orto Botanico, Torre Guinigi e Torre delle Ore al prezzo di 9€ (ridotto 6€): oltre a risparmiare, il biglietto di visita integrato permette di evitare eventuali file alle rispettive biglietterie.

Come arrivare

Il modo migliore di raggiungere la Torre Guinigi è lasciare l’auto presso uno dei molti parcheggi nei pressi delle Mura, per poi entrare a piedi dentro la cinta muraria e farsi una breve passeggiata a piedi nel centro storico. Lasciando per esempio l’auto nei pressi di Porta Santa Maria (tratto nord delle Mura), in zona Borgo Giannotti, si imbocca il Fillungo e ci vogliono cinque minuti a piedi per arrivare a via Sant’Andrea. Stesso discorso per chi arriva in treno: appena fuori dalla Stazione, si entra nel centro storico da Porta san Pietro, per proseguire a piedi fino alla Torre Guinigi, con una passeggiata di circa dieci minuti.