Cerca Hotel al miglior prezzo

La Porta Soprana e le Torri di Sant'Andrea a Genova

Detta anche Porta di S. Andrea per le due imponenti torri medievali, funge da ideale separazione tra la cittą vecchia e quella nuova. Dalla cima si gode di un panorama di 360° su tutta Genova.

Porta Soprana è considerata la porta di d’accesso più importante fra quelle che si aprono nel perimetro della cinta delle Mura del Barbarossa, originariamente costruita per difendere l’abitato di Genova dalle mire di conquista dell’imperatore Sacro Romano Impero. Costruita in pochi mesi nel 1155, è la porta che si apre verso Levante, gemella della Porta dei Vacca che si apre invece verso Ponente, e si caratterizza per le svettanti torri gemelle, collegate da un ponticello sormontato da merli, che incorniciano il varco vero e proprio, con arco a sesto acuto.

La sua importanza deriva dalla sua particolare collocazione: Porta Soprana è da sempre considerata infatti il punto di ingresso obbligato per chi arriva a Genova, e mette oggi in comunicazione la Città Vecchia, con il suo meandro di carrugi, con la parte più moderna della città e in particolare con Piazza Dante. Punto di incontro fra passato e avvenire della città, sotto il punto di vista urbanistico, Porta Soprana rappresenta uno dei più importanti simboli della città di Genova ed anche uno dei più frequentati punti di ritrovo.

Inclusa a pieno titolo fra i monumenti da non perdere visitando Genova, prende il nome di Porta Soprana dalla parola ‘superana’ (cioè ‘superiore’) in quanto si trova assisa sulla sommità del colle di Sant’Andrea (tale monumento infatti è altresì conosciuto con il nome di Torri di sant’Andrea) e permette di accedere alla zona storica della città detta ‘Piano di sant’Andrea’, cioè la spianata ricavata sbancando la sommità del colle omonimo per lasciare spazio al monumentale monastero di sant’Andrea.

Da quando a inizio Novecento il monastero è stato demolito per fare spazio alla realizzazione di via Dante e all’edificio della Banca d’Italia, Porta Soprana immette nell’enorme area di Piazza Dante, per la precisione su Vico Dritto del Ponticello, il vicolo lungo cui si trovano altri due importanti monumenti di Genova, cioè la Casa di Cristoforo Colombo ed il Chiostro di Sant’Andrea, che rappresenta tutto ciò che è stato conservato del pre-esistente Monastero. In effetti, Porta Soprana, Casa di Cristoforo Colombo e Chiostro di sant’Andrea rappresentano oggi un piccolo ma suggestivo complesso monumentale da visitare nell’ambito di uno stesso percorso, considerata la contiguità di tali monumenti ed il loro rilevante valore storico e culturale.

Dopo essere stata inglobata nel corso dei secoli all’interno della fitta trama di edifici addossati alle mura (a Genova, si sa, lo spazio scarseggia e dunque la città si espande forzatamente in verticale), oggi Porta Soprana si erge nuovamente libera dalle costruzioni che la opprimevano ed è quindi bella da osservare sia da lontano che da presso, potendone ammirare la peculiare forma delle torri (arrotondata verso Piazza Dante e piatta verso l’interno dell cinta muraria) e il sapiente impiego di pietre di riuso con cui è stata edificata.

Passando sotto l’arco della Porta si possono leggere due iscrizioni in latino che celebrano gli imponenti lavori di costruzione: una enumera i personaggi che portarono a termine l’impresa, l’altra elogia la potenza di Genova e delle sue mura, diffidando i nemici dall’accostarsi alla porta con animo ostile onde non subire una cocente sconfitta. Ovviamente però, il modo più spettacolare di visitare Porta Soprana è salire in cima alle Torri di Sant’Andrea e gustarsi dall’alto una vista a 360 gradi su Genova

Informazioni utili, orari e prezzo biglietti per salire sulle torri

Per visitare il monumento basta acquistare il biglietto integrato Porta Soprana – Casa di Colombo, presso la biglietteria sita all’interno della casa del navigatore genovese. Il prezzo del biglietto intero è di 5€, mentre il ridotto costa 3€. Di grande interesse, nel corso dell’anno, sono gli eventi nel corso dei quali viene proposto un più ampio percorso integrato della durata di circa un’ora, comprendente oltre alla Casa di Colombo ed alla Porta Soprana, la visita del camminamento lungo le Mura del Barbarossa.

L’accesso alle Torri di sant’Andrea si effettua dal martedì alla domenica (chiuse quindi il lunedì) nella fascia oraria 11.30-17.30 da aprile a ottobre e 11.30-18.30 da giugno ad agosto, mentre fra novembre e marzo si osserva un orario ridotto che va dalle 10.30 alle 16.30 nei soli giorni dal venerdì alla domenica.

Non c’è bisogno di prenotazione, per contro però vi possono accedere non più di 10 persone per volta, per ragioni di sicurezza, ciò che evidentemente può creare un po' di fila soprattutto negli orari di punta dei mesi estivi.

Come arrivare

Per raggiungere Porta Soprana il modo migliore, considerato anche il traffico di Genova e la difficoltà di trovare parcheggio, è lasciare l’auto ed utilizzare i mezzi pubblici: si può infati approfittare nelle numerose linee di bus che fanno capolinea nella vicina Piazza De Ferrari, oppure anche il metrò, sempre in direzione piazza De Ferrari, scendendo alla fermata Sarzano Sant’Agostino. Gli stessi bus e metrò collegano con Porta Soprana le stazioni ferroviarie Genova Brignole, Genova Piazza Principe e la Stazione Marittima. Una volta a Piazza De Ferrari, Porta Soprana dista soltanto una piccola passeggiata di meno di trecento metri.