Cerca Hotel al miglior prezzo

Puerta del Sol a Madrid: visita alla piazza dell'Orso

La piazza di Puerta del Sol il cuore di Madrid: qui si festeggia il Capodanno e ci si d appuntamento con gli amici per uscire. Nel locale palazzo della Real Casa de Correos ha sede la Presidencia de la Comunidad de Madrid..

La sera del 31 dicembre madrileni e turisti si danno appuntamento proprio qui per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo: per l’occasione Puerta del Sol, vivace piazza del centro cittadino nel cosiddetto Barrio del Sol, si addobba a festa e ospita il tradizionale evento del Capodanno, accompagnato dai rintocchi dell’orologio della Casa de Correos, ripreso anche in diretta dalla televisione spagnola.

Considerata la piazza principale della capitale, Porta del Sole – il nome lo deve all’immagine del sole dipinta sul lato est di questo antico ingresso cittadino - è circondata da edifici e monumenti turistici importanti che la rendono un imperdibile luogo di ritrovo per tutti. Su quest’area pubblica costruita a partire dalla metà del XVIII secolo e completata negli anni fra il 1857 e il 1862 su progetto di tre architetti – Juan Rivera, José Morer e Lucio del Valle – sorgono tre fra i più celebri punti d’interesse di tutta la Spagna.

La statua dell’Orso e del Corbezzolo

La statua dell’Orso e del Corbezzolo è il primo. Inaugurata nel 1967, quest’opera scultorea firmata da Antonio Navarro Santafé è uno dei simboli di Madrid. S’innalza per circa 4 metri con il suo peso di 20 tonnellate su calle Alcalà ed è fra i luoghi più fotografati dai turisti. Un grande orso in pietra e bronzo poggia le zampe sul tronco di una pianta di corbezzolo per mangiarne le bacche: la scelta dei soggetti raffigurati non è casuale. Il grande mammifero dalla pelliccia bruna viveva infatti in questi territori prima che venissero urbanizzati; l’arbusto sempreverde tipico della macchia mediterranea ricorda invece un’antica “querelle” che contrappose cittadini e amministrazione.

Oggi, lo stemma araldico di Madrid riprende Oso y el Madroño, ovvero l’orso e il corbezzolo, per rappresentare l’accordo raggiunto fra la popolazione e il Consiglio Comunale. Collocata sin dall’origine in Puerta del Sol, la statua è stata però spostata più volte raggiungendo solo nel 2009 l’attuale collocazione dopo essere stata posizionata prima di fronte allo storico palazzo con l’insegna luminosa di Tio Pepe e in seguito all’ingresso di calle del Carmen.

Il Km 0

Nel fulcro della vita commerciale e culturale di Madrid si trova anche il chilometro zero, il celebre punto da cui partono tutte le strade del paese. Passeggiando per Puerta del Sol e guardandone la bella pavimentazione v’imbatterete in una sorta di mappa dipinta a terra con la scritta “Origen de las carreteras radiales”: qui, dove calle Mayor corre lungo l’edificio che un tempo accoglieva le Poste, si trova il Km 0, punto di partenza per la rete stradale di Spagna da cui si misurano le distanze di ogni altra via nazionale.

Terzo punto d’interesse turistico nella piazza dalla forma semicircolare è l’orologio della Real Casa de Correos, il palazzo più antico di Puerta del Sol, oggi sede della Presidenza della Comunità di Madrid. La bella costruzione madrilena è caratterizzata da una torretta con l’orologio che la notte dell’ultimo dell’anno suona 12 rintocchi augurando a tutti l’arrivo di un sereno anno nuovo. La tradizione vuole che i presenti mangino un acino d’uva a ogni suono delle campane.

Le altre attrazioni di Puerta del Sol

Ma non sono solo questi i monumenti più visitati e fotografati dai milioni di turisti provenienti da tutto il mondo in tour a Madrid. All’imbocco di calle Arenal ad esempio si trova la statua (copia dell’originale) nota come Mariblanca, acquistata in Italia dal mercante fiorentino Ludovico Turchi assieme ad altre sculture mitologiche per la cifra di 15 mila real (le antiche monete spagnole) con l’intento di abbellire la capitale. Pare che la Mariblanca arrivò a Madrid senza testa, motivo per cui Turchi si dice che diede 100 real in meno a tale Domingo Nunez, il carrettiere che aveva ricevuto il compito di trasportarla sino a Madrid da Alicante. Custodita altrove per molti anni, nel 1625 venne finalmente collocata al centro della fontana monumentale che si trova nella piazza. Vestita con abiti tradizionali e con un putto ai piedi, la statua è stata ribattezzata Mariblanca per il candore del marmo con cui è stata scolpita: non si sa con esattezza se si tratti di Diana, Venere o di un’allegoria della fede. L’originale si trova invece custodita nella Casa de la Villa.

Poco distante s’innalza infine la statua equestre di Carlo III: realizzata in bronzo e inaugurata nel 1994, la scultura ricorda questo sovrano che dedicò grande attenzione alla città di Madrid occupandosi della costruzione del giardino botanico, del Prado e di servizi come l’illuminazione e le fognature.

Puerta del Sol è anche un luogo di importanza storica in cui nei secoli si verificarono avvenimenti fondamentali per la storia della città e del paese: nel 1766 l’ammutinamento del marchese di Esquilache, primo ministro del re Carlo III°, a cui la rivolta popolare incolpò l’alto costo del pane e il divieto di indossare alcuni abiti tradizionali; la resistenza del 1808 contro le truppe di Napoleone; la nomina a re nel 1812 di Ferdinando VII°; la proclamazione della Seconda repubblica nel 1931.

Gli amanti dello shopping troveranno invece boutique e negozi di souvenir nei pressi di calle Arenal, Carretas e altre strade limitrofe.

Come arrivare a Puerta del Sol

Chi si trova nel centro di Madrid può scegliere di raggiungere la piazza di Puerta del Sol a piedi oppure uscando la metropolitana e scendendo alla fermata "Sol" delle linee 1, 2 e 3.

 Pubblicato da il 16/11/2017 - 2.104 letture - ® Riproduzione vietata

close