Cerca Hotel al miglior prezzo

Visitare il quartiere Stratford a Londra

Il Quartiere Stratford a Londra divenne famoso per i giochi Olimpici del 2012. Qui si trova il Queen Elisabeth Park, uno dei polmoni verdi di Londra.

Un tempo, secoli fa, questo quartiere non era altro che un territorio agricolo da dove provenivano frutta e ortaggi (patate soprattutto) per i mercati di Londra. Poi, l’avvento dell’industria, come in tutta l’Inghilterra, trasformò Stratford in un’area industriale con officine e una linea ferroviaria.

Fra le zone più bombardate della capitale britannica durante la Seconda Guerra Mondiale, Westfield Stratford City è divenuta nel corso dei decenni malfamata e pericolosa per l’alto tasso di criminalità fino a quando il governo londinese, nel 2004, non ha deciso di inserire l’area in uno specifico piano di riqualifica che ha permesso al quartiere di acquisire un nuovo volto.

Grazie alle Olimpiadi del 2012, Stratford, importante nodo per il traffico cittadino, è oggi uno dei luoghi più dinamici di Londra con grattacieli, centri commerciali, ritrovi destinati allo svago e alla cultura. Frequentato sia di giorno che di sera, questo quartiere situato nel borough di Newham, può essere facilmente raggiunto con la metropolitana (linee Central Line e Jubilee) scendendo all’omonima fermata oppure con i treni DLR a alta velocità e gli autobus.

Vi state chiedendo cosa si può fare di interessante qui nell’east di Londra? Shopping, visite turistiche e culturali, passeggiate, pause gastronomiche e cinema, tanto per iniziare. Stratford ha infatti molto da offrire e i progetti in programma per il futuro (si parla addirittura della costruzione della sede distaccata di un importante museo londinese) sono decisamente ambiziosi.

Ad affacciarsi sulla strada principale del quartiere, Broadway Street, è la chiesa di San Giovanni Evangelista edificata fra il 1832 e il 1834 dall’architetto scozzese Edward Blore. In mattoni grigi, è in stile gotico ed è sormontata da una guglia con un arco rampante. Nel sagrato della chiesa sono ospitate le spoglie del naturalista Antonio Brady. Nelle immediate vicinanze dell’edificio religioso sorge invece un obelisco di granito che svetta per quasi 13 metri di altezza (12,80 per l’esattezza). Fu costruito nel 1861 in ricordo di Samuel Gurney, appartenente al movimento cristiano dei quaccheri.

Sul lato opposto della strada, al civico 47, si trova il King Edward VII Public House, un pub di inizio XVIII° secolo. Chiamato in origine The King of Prussia (per Federico il Grande), acquisì il nuovo nome durante la Prima Guerra Mondiale. Aperto tutti i giorni dalle 11 alle 24, è uno dei locali più celebri di Londra in cui sorseggiare una buona selezione di birre con patate fritte, hamburger e altri stuzzichini.

Il tour procede alla scoperta di un capolavoro ingegneristico dell’epoca vittoriana, Abbey Mills Pumping Station, edificio costruito nell’ambito del sistema di fognature cittadine fra il 1865 e il 1868 su progetto di Joseph Bazalgette. Esempio di architettura neogotica, è stata anche la location di alcune scene del film Batman Begins, diretto nel 2005 dal regista Christopher Nolan.

A chi piace lo sport, il Queen Elisabeth II Olympic Park, intitolato alla regina d’Inghilterra in occasione del suo giubileo di diamante, è uno dei must da visitare in questo quartiere. Base per le Olimpiadi del 2012, vi fanno parte il villaggio olimpico, sede degli atleti provenienti da tutto il mondo, e alcuni impianti sportivi fra cui l’Olympic Stadium (80 mila posti) che dalla stagione 2016-2017 ospita le partite del club calcistico West Ham; il London Velopark, polo sportivo dedicato al ciclismo; il Riverbank Arena, destinato a partite di hockey su prato e di calcio a 5; il London Aquatics Centre, con 2 vasche di 50 metri per il nuoto e 2500 posti a sedere.

Se non soffrite di vertigini e volete un panorama mozzafiato su questo bel parco londinese, potete salire in cima all’ArcelorMittal Orbit, la singolare torre d’osservazione la cui forma s’ispira a quella del dna. Progettata dagli architetti Anish Kapoor e Cecil Balmond, svetta per 115 metri ed è la più alta scultura di Londra. La terrazza può essere raggiunta in ascensore o percorrendone i circa 450 scalini; se poi siete di quelli che cercano l’adrenalina ovunque potete anche decidere di scendere dalla torre facendovi calare con una corda. Non vi basta ancora? Avete presente quegli scivoli a tubo che in pochi minuti vi fanno compiere un emozionante tour con tanto di vista panoramica? Anche qui ne trovate uno: 178 metri da percorrere in meno di 60 secondi (costi da 10 a 15£).

All’Olympic Park potete andarci anche solo per una passeggiata fra la natura o per fare un giro in bicicletta; se quello che cercate è invece un po’ di relax, scegliete l’area attrezzata con sdraio, fontane e wi-fi. Il parco è aperto 24 ore su 24 tutto l’anno con ingresso gratuito. Sito ufficiale

Se alle attività sportive preferite di gran lunga lo shopping, Westfield Stratford City è il quartiere che fa per voi con due grandi centri commerciali: quello omonimo (Westfield Stratford City) con tre piani dedicati a marche internazionali prestigiose e a brand nazionali altrettanto di tendenza e lo Stratford Shopping Centre, situato proprio di fronte. Nel primo, considerato uno delle più grandi aree d’Europa dedicate al commercio, oltre a più di 250 fra boutique e negozi, si trovano anche una sala cinematografica con 17 schermi e l’Aspers Casino, uno dei più celebri del Regno Unito. Per accedere a questo casinò bisogna aver compiuto, come ovunque, i 18 anni. Nei suoi 6.083 metri quadrati vi sono slot machines, tavoli da gioco e una sala da poker per ospitare sino a 150 giocatori. Aperto 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

Gli amanti del teatro possono invece recarsi al Royal Theatre Stratford East per assistere a rappresentazioni e eventi culturali. Disegnato dall’architetto James Buckle su commissione del manager Charles Dillon nel 1884, questo bel teatro sorge in Gerry Raffles Square ed è uno dei più importanti della città britannica. Può essere raggiunto con i mezzi di trasporto pubblico – bus 25, 69, 86, 97, 104, 108, 158, 339, D8, N8 e N86; metro Central Line e Jubilee Line – o in automobile (il teatro non è però dotato di un proprio parcheggio) percorrendo Bow Flyover (provenendo da ovest), Blackwall Tunnel o Rotherhithe Tunnel (sud), North Circular (nord) e A12 (est). Riduzioni per studenti, under 16, over 65, disoccupati e portatori di disabilità. Info sul sito istituzionale

Vi sono inoltre lo Stratford Circus Arts Centre, in Theatre Square, luogo dedicato alle arti contemporanee dello spettacolo, progettato da Levitt Bernstein e inaugurato nel 2001 - e il campus dell’University of East London.

Dopo aver visitato questa zona “chic” di Londra si può scegliere di fermarsi in uno dei suoi numerosi ristoranti presenti all’interno del centro commerciale Westfield Stratford City o lungo le vie del quartiere: un po’ ovunque ve ne sono di greci, italiani e thailandesi dove assaporare specialità tipiche; per chi preferisce invece pub e locali alla moda dove bere un cocktail e ascoltare musica non c’è che l’imbarazzo della scelta.

 Pubblicato da il 25/12/2017 - 1.459 letture - ® Riproduzione vietata

10 Dicembre 2017 I mercatini di Natale al castello di Limatola ...

Dal 10 novembre al 10 dicembre 2017, Limatola (in Campania) ...

NOVITA' close