Cerca Hotel al miglior prezzo

Il parco avventura di Heidi in Austria a Bad Kleinkircheim

Devo ammetterlo. Il parco di Heidi rappresenta qualcosa più per me che per mia figlia, avendo passato l’intera infanzia a sognare di vivere tra i monti, bere latte di capra appena munto e rotolarmi giù dai prati fioriti dalla cima fino a valle.
Così, scoprire che in Austria, e per la precisione in Carinzia, a 1875 metri di altitudine, nel cuore delle montagne Nockberge, esiste il primo parco alpino dedicato alle avventure della piccola montanara, è stata senz’altro una bella scoperta. Di quelle che ti fanno dire: devo andarci anche io!

Con le sue 26 tappe, è stato pensato per raccontare la storia di Heidi e far rivivere a tutti, grandi e bambini, la magia e le atmosfere del cartone animato. Ci sono, quindi, le ricostruzioni dei personaggi con ben 120 statue dislocate lungo il percorso, una baita simile in tutto e per tutto a quella del Nonno di Heidi (è visitabile vi si trova un piccolo museo), il recinto con le caprette Schnucki e Schwänli a cui dare da mangiare (fate molta attenzione alla colazione al sacco negli zainetti), l’asinello Fifi e un piccolo pony da accarezzare, un laghetto di acqua trasparente per rinfrescarsi mani e piedi o per cimentarsi nella pesca (le canne da pesca, se siete interessati, si affittano a pagamento in loco), un recinto delle marmotte per vedere da vicino questi piccoli e simpatici animaletti, uno scivolo gigante (12 metri) che per i bambini rappresenta la vera attrattiva del parco, uno scivolo a corde...

In realtà, però, ciò che rende davvero unico questo parco, un posto magico sia per noi adulti che per i più piccoli, è proprio il contesto all’interno del quale è stato inserito (e, bisogna dirlo, senza il minimo impatto sulla natura circostante): all’interno, infatti, del Parco Nazionale Nockberge, immerso in un bosco di pini cembri di 3 ettari, il parco di Heidi può davvero essere la scusa per partire alla scoperta di tutto il resto, circondati da una natura incontaminata fatta di sentieri che si perdono tra le colline, fiori e piante anche rare (la valeriana celtica, per esempio, o la pianta speik dall’aroma pungente e le riconosciute proprietà medicinali), panorami mozzafiato, ruscelli e corsi d’acqua, minuscoli laghetti di montagna…
In questo mondo incantato, non è difficile incontrare mucche che pascolano libere e animali selvatici per niente impauriti dalla presenza umana (marmotte, cervi, caprioli…).

I sentieri a disposizione per dedicarsi a escursioni e passeggiate quotidiane sono innumerevoli, con difficoltà e durata diverse a seconda dei casi e la possibilità di effettuare anche escursioni a cavallo.
Da non perdere, a questo proposito, sia una gita alla Turracher Höhe, un’area a 2000 metri caratterizzata dalla presenza di sette stazioni che coinvolgono i bambini in attività di vario tipo, unendo gioco, divertimento e scoperta; sia una gita alla Silva Magica, un luogo davvero magico in cui gli alberi e il fiume sono stati agghindati per ricreare un’atmosfera veramente fiabesca, con tanto di pietre con occhi azzurri incastonati all’interno e spiritelli del fiume appesi un po’ ovunque lungo il percorso.
Molte strutture, infine, e questo piacerà tantissimo alle mamme, offrono pacchetti wellness che sfruttano le caratteristiche tipiche dell’ambiente montano per restituire benessere e salute all’organismo: per esempio, bagni con erbe benefiche del parco alpino, letti imbottiti di fieno montano, immersioni nell’acqua fresca sorgiva, pediluvi nei ruscelli e massaggio dei piedi con olio estratto dalla pianta speik…

Insomma, ce n’é davvero per tutti i gusti e per tutte le età (cosa fondamentale, no?, quando si viaggia con un bambino).

Il consiglio, quindi, è quello di dedicare alla visita di questa zona almeno una settimana, scegliendo in loco una struttura per dormire (l’Heidi Hotel a Falkertsee, per esempio, offre tantissimi servizi per le famiglie ed è stra-consigliato se l’obiettivo primario della vacanza è la visita al Parco di Heidi, dal momento che l’accesso è gratuito per gli ospiti dell’hotel e davvero a portata di mano. Qui, inoltre, i bambini mangeranno con forchette e coltelli effigiati con le immagini di Heidi, Peter e il Nonno e dormiranno con gli occhi dei loro beniamini puntati addosso).

Il Parco di Heidi Alm (Heidi Alm Kindererlebnispark) è aperto dal 19 maggio al 27 ottobre tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00. La visita ha una durata media di 45/60 minuti (poi chiaro, dipende da quanto tempo il vostro bambino deciderà di passare sullo scivolo o a dare da mangiare alle caprette!).
Biglietto di ingresso: 8 euro gli adulti, 4 euro dai 3 ai 14 anni
Come arrivare: il parco si trova a 12 km a nord di Bad Kleinkircheim, in Carinzia
Maggiori informazioni: sito ufficiale

 Pubblicato da il 05/10/2016 - 70.573 letture - ® Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittà World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close