Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Jurong Bird Park

Jurong Bird Park, la più grande riserva naturale di Singapore

Pagina 1/2

A lungo considerato un semplice scalo senza interesse durante i voli a lunga distanza, Singapore ha saputo reinventarsi e diventare uno dei luoghi più visitati al mondo. Vera e propria sorpresa per chi ama la natura, questa città-stato situata all’estrema punta meridionale della penisola malese è un’oasi urbana.

In pieno centro si può scegliere di rifugiarsi nei Botanic Gardens , farsi ammaliare dai sofisticati Gardens by the Bay, oppure prendere un autobus e ritrovarsi letteralmente immersi in una foresta pluviale fra scimmie e dronghi, in zone palustri piene di aragoste e varani o in fattorie rigogliose di banane, papaia e jackfruit. O ancora lasciarsi cullare dalle acque del Singapore River rilassandosi in un giro in bumboat, una piccola imbarcazione a motore, alla scoperta delle coste di un paradiso del sud est asiatico ancora incontaminato.

Aspirante “city in a garden”, Singapore è un paese con una lunga storia raccontata in ogni sua sfumatura dove la passione per l’avanguardia ha trovato il suo terreno più fertile sulle tracce della tradizione.

Nella zona ovest della città, piuttosto estesa e con numerose attrazioni turistiche che richiederebbero più giorni per una visita esauriente, fra i top five da non perdere c’è lo Jurong Bird Park (gli altri sono Southern Ridges, Tamarind Hill, Sungei Buloh Wetland Reserve e Haw Par Villa), uno splendido parco di 20 ettari che offre rifugio a 5 mila uccelli di oltre 400 specie fra cui una cinquantina a rischio di estinzione. a pieno diritto una tra le migliori attrazioni di Singapore.

Seppur soffra il confronto con altre strutture affini anche se più spettacolari fra cui lo zoo di Singapore, il Night e il River Safari, il parco rappresenta comunque un’attrazione fra le più suggestive per i turisti (e fra le più consigliate per i giovani) che qui troveranno pennuti di ogni genere, ad iniziare da splendidi pappagalli ara dal piumaggio variopinto, da poter ammirare.

Inaugurato nel Gennaio 1971, Jurong Bird Park è la prima riserva naturale di Singapore oltre che il più grande parco d’Asia dedicato agli uccelli: l’obiettivo principale della struttura è migliorare la conoscenza e l’apprezzamento della fauna fra le migliaia di persone che ogni anno vi si recano in visita grazie all’organizzazione di mostre naturalistiche e a interessanti sessioni interattive per imparare ad avvicinarsi agli ospiti del parco nutrendoli.

Nella riserva si possono ammirare quattro enormi voliere che ricreano alla perfezione gli habitat naturali delle specie volatili ospitate provenienti da tutto il mondo. Da non perdere è sicuramente un’interessante passeggiata nella Waterfull Aviary, la più ampia uccelliera del parco in cui i turisti possono interagire con più di 600 uccelli in libertà appartenenti a 50 specie. Qui si possono osservare da vicino esemplari di Sun Conures, graziosi pappagalli originari del Sud America con piumaggio dal giallo brillante all’arancione e iridescenze blu, purtroppo in via di estinzione, gure o “colombe coronate” con i ciuffi grigio-azzurro in testa e buceri Von der Decken provenienti da Etiopia e Tanzania. A rendere ancora più suggestivo lo scenario di quest’area è un’imponente cascata di 30 metri immersa in una natura fitta e rigogliosa.

Ai turisti più giovani piacerà soprattutto un tratto di foresta recintato chiamato Lory Loft dove è possibile nutrire parrocchetti e lorichetti dai colori vivaci: passeggiando attraverso ponti sospesi si può sperimentare l’interessante esperienza di nutrire dalle proprie mani questi simpatici pennuti ammirando al tempo stesso un panorama unico a 360° sul parco. Camminando infatti all’interno di questa enorme voliera di 3 mila metri quadrati, dislocata su nove piani, si potrà tenere in mano un recipiente pieno di semi con cui cibare questi pappagalli.

Procedendo la visita nello Jurong Bird Park si raggiunge Wings of Asia dove sono accolti 500 uccelli in rappresentanza di 35 specie: quest’area ospita la più grande varietà di avifauna del parco fra cui 24 fra le più minacciate al mondo come lo storno di Bali, noto anche come Jalak Bali, il Luzon bleeding-heart, una colomba che prende il nome da una sfumatura rosso vivido sul petto e lo storno dalle ali nere. Tutte queste specie sono state allevate con successo e cresciute nel parco nell’ambito di programmi di conservazione permanente in quanto a serio rischio di estinzione.

Nella Penguin Coast, dedicata ai simpatici pinguini ospitati in circa 100 esemplari di 5 specie differenti, si visita l’area interna, climatizzata, dove vi sono quelli di Humboldt originari della costa peruviana e cilena dell’Oceano Pacifico, macaroni o “dalla fronte dorata” e maestosi pinguini re: i visitatori possono osservarli mentre nuotano a siluro e si muovono fra acqua e ghiaccio. Il recinto all’aperto accoglie invece quelli africani, altrimenti noti come pinguini jackass, una delle poche specie che si è perfettamente adattata ai tropici.

C’è poi Pelican Cove che accoglie uno dei più grandi gruppi in cattività di pellicani con ben 7 delle 8 specie esistenti inclusi i “Dalmatian Pelican”, la più grande fra tutte le varietà (può raggiungere anche i 15 kg di peso).

... Pagina 2/2 ... Proseguendo il tour nel parco si incontrano uccelli del paradiso, ibis rossi, spatole rosate, fenicotteri (nel grande Flamingo Lake), tucani, gufi e civette nel padiglione World of Darkness, struzzi, emu e avvoltoi.

Il Breeding & Research Centre fornisce tutte le informazioni sul processo di crescita degli uccelli ospitati nel parco, dall’incubazione allo svezzamento. Il centro, nato nel 1988, è stato ufficialmente aperto al pubblico solo nel 2012.

Fra le attrazioni più interessanti a cui si può assistere ci sono spettacoli interattivi come “High Flyers Show”, alle 11 e alle 15, e “Kings of the Skies Show”, alle 10 e alle 16, rispettivamente nel Pools Amphitheatre o nella Hawk Arena. Oppure si può scegliere ancora di partecipare al “Lunch with Parrots”, in programma alle 13, nella Songbird Terrace.

Per i bambini è stata invece ideata e costruita una divertente area giochi, “Birdz of Play”, aperta dalle 11 alle 17.30 nei giorni feriali e dalle 9 alle 17.30 nei weekend, dove poter sguazzare fra terra e acqua.

Il parco ospita inoltre una bella boutique in cui acquistare souvenir e due ristoranti – Bongo Burgers e Hawk Café –in cui assaporare pranzi e deliziosi spuntini a base di tipiche specialità locali.

E se le energie cominciano a scarseggiare? Nessun problema: si può infatti salire sul simpatico trenino che accompagna alla scoperta della riserva naturale, con tanto di spiegazioni su ciò che si vede, e che permette di raggiungere alcuni dei punti più suggestivi del parco o anche di visitarlo tutto comodamente seduti a bordo. Tre le fermate previste lungo il percorso - Main Station, Lory Station e Waterfull Station – con ultima partenza da Main Station alle 17.30.

Aperto al pubblico tutti i giorni dalle 8.30 alle 18, Jurong Bird Park può essere raggiunto in auto ma anche con i mezzi pubblici utilizzando la linea metropolitana (fermata Boon Lay) e poi i pullman 194 o 251.

Il biglietto d’ingresso costa 28 S$ (circa 17,50 Euro) per l’intero e 18 S$ (circa 11,20 Euro) per i bambini dai 3 ai 12 anni.

Indirizzo: 2 Jurong Hill Singapore 628925 – tel (+65) 62650022 fax (+65) 62611869.

Sito di riferimento http://www.birdpark.com.sg

 Pubblicato da il 08/08/2015 - 1.264 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close