Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Maison Kammerzell

Maison Kammerzell: l'antica casa a graticcio Patrimonio UNESCO nel centro di Strasburgo

Pagina 1/2

Patricia Schultz, autrice americana di pubblicazioni su viaggi e turismo, l’ha inserita nel suo celebre “1000 places to see before you die”, un interessante libro sui mille luoghi da vedere nella vita in una sorta di giro del mondo alla ricerca di antiche rovine, alberghi, riserve naturali, villaggi, scogliere, teatri e musei.

Maison Kammerzell, o Kammerzellhaus in tedesco, è un’antica casa a graticcio situata a Strasburgo al civico numero 16 di Place de la Cathédrale. Considerata la più bella dimora della città alsaziana, fu costruita nel 1427 su fondazioni gotiche che nei decenni e secoli successivi videro l’innalzarsi di tre piani in legno che la resero una testimonianza architettonica fra le più interessanti di tutta la Francia.

A volerne l’edificazione fu Martin Braun, un commerciante di formaggio, che la fece progettare seguendo uno stile rinascimentale decisamente particolare: sopra il piano terra, realizzato in pietra, si elevano i piani superiori in legno scolpito e le finestre – ben 75 – fatte con tipici vetri a fondo di bottiglia. Osservando il timpano dell’abbaino principale si può inoltre vedere, ancora oggi, la puleggia montacarichi che si usava un tempo per issare le merci e i prodotti alloggiati nel magazzino ospitato nel sottotetto dell’edificio.

Sculture in legno, pitture murali e scale a chiocciola ne rappresentano i dettagli artistici più interessanti tanto da farla sembrare un luogo uscito da una fiaba. La sua originale architettura permette inoltre di apprendere le varie sfaccettature dell’arte regionale sviluppatasi nel territorio alsaziano durante i secoli. Di grande rilevanza sono soprattutto le figure scolpite sulla facciata della casa che esaltano alla perfezione le virtù tipiche raccomandate dall’uomo umanista del Rinascimento mescolando fra di loro nobiltà medievale e cultura antica.

Ad essere rappresentate sulle travi lignee vi sono scene sia a carattere religioso che profano: le virtù teologali, i cinque sensi e i segni dello zodiaco, immagini all’interno delle quali appaiono grandi nomi del passato fra cui Carlomagno, Cesare, Ettore e Goffredo di Buglione.

Dopo essere stata di proprietà di Martin Braun, casa Kammerzell ha avuto altri proprietari ad iniziare da tale Cristoph I Staedel, di professione orefice, che la passò poi al figlio Antoine e successivamente al nipote Florian, quest’ultimo commerciante in tessuti. Jean Philippe Kammerzell le diede il nome con cui è conosciuta dal 1846.
... Pagina 2/2 ...
Acquistato dalla comunità urbana di Strasburgo, dal 1929 l’edificio è monumento storico divenuto poi patrimonio Unesco.

Oltre alla suggestiva intelaiatura esterna con travi in legno collegate fra di loro, a rendere questa dimora così particolare sono i superbi affreschi a firma di Leo Schnug che decorano le mura di sale e saloni al piano terra e al primo piano, realizzati fra il 1904 e 1905 da questo giovane artista all’epoca poco più che 27enne.

Dal XIX° secolo, questa splendida casa a graticcio ospita un famoso albergo e ristorante dove i migliori chef deliziano il palato di fortunati turisti e alsaziani che si siedono ad un tavolo per assaporarne una delle tante specialità. Come il croccante di merluzzo con insalata e salsa, lo stufato di daino con castagne, la vellutata di ostriche allo zafferano e il foie gras di anatra al Gewurztraminer. E per i vegetariani? Anche per loro la cucina di Maison Kammerzell sforna piatti sfiziosi come il risotto agli champignons e tofu e il tortino di carciofi e spinaci. Prima di uscire dal ristorante non perdetevi però uno dei tanti squisiti dolci preparati con ingredienti genuini e accostamenti interessanti: assaggiate il sorbetto esotico o la torta al rabarbaro e banana con nocciole. Ne rimarrete deliziati.

Sito di riferimento http://www.maison-kammerzell.com

 Pubblicato da il 09/05/2015 - 1.984 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close