Cerca Hotel al miglior prezzo

Getty Center, la visita al museo e al centro culturale simbolo di Los Angeles

Nella sua lussuosissima posizione collinare immersa fra le nuvole, distante dal cemento e dallo smog di Los Angeles, il Getty Center offre tre straordinarie attrattive per i turisti: una magnifica collezione d’arte (dal Rinascimento a David Hockney), l’architettura d’avanguardia di Richard Meier (di cui si apprezzano soprattutto i caratteristici mattoni sporgenti in pietra calcarea) e l’incanto dei suoi giardini, diversi a seconda delle stagioni.

Situato in cima ad una delle colline della Santa Monica Mountains, da cui si gode un panorama incredibile su Los Angeles, e considerato uno dei centri culturali più famosi al mondo, il Getty Center lega il proprio nome al petroliere americano John Paul Getty che negli anni ’50 creò un museo privato nel ranch in California. Dopo aver fatto costruire una villa in stile pompeiano a Malibù sulla Pacific Coast Hwy, che ne ospitò le collezioni fra il 1974 e il 1997, nel ’76 Getty morì lasciando alla fondazione la consistente cifra di 1,3 miliardi di dollari per proseguire il proprio lavoro. Grazie al lascito del petroliere venne costruito l’attuale Getty Center, inaugurato ufficialmente nel 2005, e acquistate preziose opere d’arte da tutto il mondo.

La superficie complessiva è di quasi 90 mila metri quadrati (87 per l’esattezza) che si presenta con un edificio principale costituito da 4 padiglioni, posizionati in base ai punti cardinali, e da un quinto che ospita eventi e mostre temporanee. Ad accompagnare i visitatori nel passaggio da uno spazio all’altro sono giardini, corridoi vetrati e vere e proprie passerelle a cielo aperto che offrono scorci panoramici su architetture davvero sorprendenti. Al primo piano di ogni padiglione sono ospitate opere artistiche diverse da quelle pittoriche che vedono invece i loro capolavori esposti al secondo piano degli stessi edifici.

Non sono pochi i visitatori che trascorrono più tempo all’esterno – piuttosto che all’interno - del famoso museo ospitato al 1200 Getty Center Drive nei pressi della I-405 Fwy. Il motivo? Tutto merito del magnifico giardino centrale progettato da Robert Irwin che si estende su una superficie di 1,2 ettari ed è attraversato da un ruscello sinuoso che lambisce oltre 500 varietà di piante. Il momento migliore per passeggiare alla scoperta del parco è il tardo pomeriggio quando la folla si dirada e le luci del calar del sole lo abbracciano di una magica atmosfera.

Nonostante non tutti subiscano in ugual misura il fascino della collezione d’arte europea del Getty Center, che spazia dal XVII° al XX° secolo, bisogna riconoscere che questa include alcuni autentici gioielli artistici. Le opere del periodo barocco si trovano nel padiglione est mentre quello ovest ospita sculture e testimonianze d’arte decorativa neoclassica e romantica. Lo spazio espositivo nord espone invece opere medievali e rinascimentali. Fra i capolavori da non perdere assolutamente ci sono Iris di Van Gogh, Covoni di Monet, il Rapimento di Europa di Rembrandt e Venere e Adone di Tiziano. Ma anche la Passeggiata di Renoir, la Maddalena Penitente sempre di Tiziano e l’Incoronazione della Vergine di Gentile da Fabriano.

Se l’arte europea dei secoli passati vi annoia niente paura: è molto probabile che nel museo troviate qualcosa di contemporaneo e molto all’avanguardia grazie alle mostre allestite a rotazione. Il centro ospita inoltre installazioni sensazionali e mostre fotografiche o multimediali davvero uniche ed interessanti.

Tante anche le proposte per i più piccoli che possono partecipare al Family Tour, visitare l’interattiva Family Room, prendere un’audioguida pensata appositamente per loro oppure curiosare nella boutique a loro dedicata.

Pausa gourmet? Il Getty Center dista solo 15 minuti da Beverly Hills dove si può trovare il migliore deli ebraico di Los Angeles, Nate’n Al, locale newyorkese aperto dal 1945 che offre fra le varie specialità cucinate anche manzo sotto sale e salmone affumicato. Per chi preferisce invece la cucina mediorientale si consiglia il Momed dove gustare hummus con avocado, kebab di petto d’anatra, pomodori secchi e una grande varietà di pane tipo pita guarnito con straccetti di pollo. Il primo si trova al 414 N Beverly Drive ed è aperto tutti i giorni dalle 7 alle 21 mentre il secondo si trova al 233 S, sempre di Beverly Drive, e ci si può andare dal lunedì al giovedì dalle 11 alle 21.30, il venerdì sino alle 22 e dalle 10 alle 22 il sabato e la domenica.

L’orario di apertura al pubblico del Getty Center è dalle 10 alle 17.30 dal martedì al venerdì e la domenica mentre sabato la chiusura è posticipata alle 21. L’ingresso è gratuito.

Per raggiungere il Getty Center si può percorrere la I-405 per poi uscire in Getty Center Drive (il parcheggio costa all’incirca 15 dollari). Oppure si può scegliere di prendere la linea 761 degli autobus Metro che ferma direttamente all’entrata principale del centro culturale.

Sito di riferimento http://www.getty.edu

 Pubblicato da il 22/10/2015 - 2.183 letture - ® Riproduzione vietata

close