Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Albertina

Albertina: visita alla collezione di disegni e stampe del museo di Vienna

Circondata dal fascino magnetico della Hofburg, l’Albertina unisce il fascino imperiale asburgico a collezioni artistiche di importanza internazionale. Il palazzo, un tempo il più grande edificio residenziale degli Asburgo della capitale austriaca, si trova nel cuore del centro storico della città, in un’area ricca di attrattive permeata da un’atmosfera unica.

Provenendo da MuseumsQuartier si attraversa Maria-Theresien Platz per accedere a Heldenplatz, la piazza dominata dall’imponente complesso della Hofburg, a sua volta preceduta da Michaelerplatz, l’ingresso un tempo riservato esclusivamente ai membri della famiglia reale. Da qui, per arrivare all’Albertina, è sufficiente incamminarsi verso sud, superare Josefsplatz, la Nationalbibliothek Prunksaal e raggiungere l’estremità meridionale di Helmunt-Zilk-Platz, meglio nota come Albertinaplatz. A salutarvi il monumento equestre dedicato all'Arciduca di Albrecht, installati qui nel 19° secolo.

In passato utilizzata come residenza per gli ospiti più importanti dell’imperatore, oggi l’Albertina ospita la più grande collezione di arte grafica del mondo. Il museo espone al pubblico solo una minima parte del suo enorme patrimonio artistico, ma a calamitare l’attenzione dei tantissimi visitatori che affollano il palazzo durante tutto l’anno sono soprattutto la collezione permanente Batliner, nella quale trovano posto opere di carattere pittorico da Monet a Picasso, e le frequenti mostre temporanee di altissimo livello.

L’Albertina, inoltre, possiede un’eterogenea raccolta di testimonianze architettoniche e fotografiche, tra cui lavori di Helmut Newton (1920-2004) e Lisette Model (1901-1983), esposte in occasione di eventi, ricorrenze e mostre speciali presso l’Osterreichisches Filmmuseum.

Nata da una raccolta di quadri impressionisti e postimpressionisti francesi e di sculture del maestro svizzero Alberto Giacometti (1901-1966), la collezione di Herbert e Rita Batliner si è progressivamente arricchita nel corso degli anni con un ragguardevole numero di opere di varia matrice, dall’avanguardia russa ai capolavori dei maggiori artisti europei del XX secolo quali Claude Monet, Pablo Picasso, Edgar Degas, Paul Cézanne, Marc Chagal, Henri Matisse, Amedeo Modigliani, Alexej von Jawlensky, Emil Nolde e altri ancora. Attualmente la mostra, estesa su circa 3.000 mq si superficie, espone circa 280 opere realizzate in 130 anni a cavallo tra XIX e XX secolo offrendo un eccellente spaccato storico e artistico di tale periodo.

Alla collezione Batliner si aggiungono le migliori mostre temporanee del panorama internazionale, un vanto per il museo e tutta la città, che negli ultimi anni hanno attirato decine di migliaia di visitarori da ogni parte del mondo grazie a personali su artisti del calibro di Van Gogh, Munch e Dürer. Quest’ultimo è presente anche nella vasta collezione di grafica fondata nel lontano 1776 dal Duca Alberto di Sassonia Teschen (1738-1822), genero dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria (1717-1780). L’opera più conosciuta del maestro rinascimentale tedesco è senza dubbio la “La giovane lepre”, ma oltre ad essa sono ben 60.000 i disegni e gli acquerelli e più di un milione le stampe che compongono la collezione, le cui opere spaziano dal tardo gotico ai giorni nostri.

L’Albertina è aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 tranne il mercoledì, quando la chiusura è posticipata alle 21.00. Il biglietto di ingresso costa 11.90 € agli adulti, mentre è gratuito per i bambini. Le audioguide, disponibili in più lingue con un supplemento del prezzo del biglietto pari a 4 €, coprono tutte le sezioni espositive, narrando anche la storia degli appartamenti che ospitano le collezioni. Date le dimensioni e la ricchezza delle opere contenute nel palazzo, è utile sapere che il biglietto ha validità giornaliera e consente quindi di entrare in mattinata, uscire a pranzo e tornare il pomeriggio dopo qualche ora di riposo. Per raggiungere l’Albertina in metropolitana si può scendere indifferentemente alla fermata di Karlsplatz, servita dalle linee U1 e U4, o Stephansplatz, all’intersezione tra U1 e U3. Ulteriori informazioni relative alle mostre temporanee sono disponibili consultando il sito anche in italiano www.albertina.at.

 Pubblicato da il 03/10/2015 - 4.803 letture - ® Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close