Foto 1 di 17

Immagini da Kutna Hora, dalla Cattedrale di Santa Barbara a Kostnice

3 Vota   

1° immagine: L'ingresso di Kutna Hora, cittą famosa nel medioevo per le sue minere d'argento

Kutna Hora è una delle attrazioni turistiche più importanti della Boemia, e dell'intera Repubblica Ceca, questo perchè la sua storia mediovale l'aveva messo al centro di una importante attività mineraria: l'estrazione dell'argento. La scoperta di una importante vena del prezioso metallo aveva reso Kutna Hora rivaleggiare per importanza con la stessa Praga, e facendo crescere una fiorente economia che per oltre 3 secoli mantenne la città di un valore nettamente superiore alle altre città boeme.  Proprio per la sua vocazione mineraria la chiesa principale di Kutna Hora è dedicata a S. Barbara la protettrice di tutti i minatori.
E' una chiesa imponente, resa particolare da il tetto sormontato da tre cuspidi a tendoni, che rende il suo profilo, da lontano simile e quello delle vele di una grande nave. L'esterno gotico, mosso da una serie di archi rampanti rende l'edificio molto elegante, e il vicino Collegio dei Gesuiti aggiunge un tocco solenne che rende unico il complesso. Anche l'interno di Santa Barbara è suggestivo, con alcuni pregevoli pannelli lignei ed affreschi.  
 
Il centro di Kutna Hora è fatto di stradine acciottolate ed non è certo avaro di scorci interessanti da fotografare. E' anche ricco di negozietti di artigianato e ristoranti tipici, dove provare i piatti tradizionali della cucina ceca. Una visita da non perdere è quella al vicino sobborgo di Sedlec, dove si trova un importante cimetero monastico: durante il periodo aureo di Kutna Hora (e sarebbe forse meglio chiamrlo argenteo, visto la tipologia della miniera) molti dei nobili boemi venivano sepolti qui, anche perchè il camposanto conteneva un pezzettino di terreno proveniente dalla Terra Santa. 
A fine dell'800 il cimitero non aveva più posto, e un frate di cognome Rint decise di organizzare le ossa in modo del tutto creativo. Entrare nell'ossario vi lascia a bocca aperta, con una serie di composizioni particolari, dal gusto macabro ed al contempo grottesco, una delizia per i fotografi che qui possono sbizzarrirsi in scatto del tutto inusuali.