Cerca Hotel al miglior prezzo

Jiufen (Chiufen). A Taiwan sull'antica strada dell'oro

Chiufen, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Annidata tra le montagne ma a pochi passi dal mare, Jiufen (o Chiufen) è una delle località più bizzarre e pittoresche dell’estremità settentrionale dell’isola di Taiwan. La cittadina, distante poche decine di chilometri dalla capitale Taipei, ha conosciuto un vero e proprio boom del turismo negli ultimi vent’anni, con un numero progressivamente crescente di visitatori provenienti anche dall’estero che ha scelto di visitarla. Per questo il centro è diventato accogliente, ospitale, a misura di turista; non mancano caffè retro giapponesi, sale da thè, ristoranti e negozi di souvenir, incastonati qua e là all’interno del denso tessuto urbano.

La storia di Jiufen è relativamente recente, sebbene la zona sia abitata fin dal XVII secolo. All’epoca qui risiedevano una manciata di famiglie che diedero vita ad un microscopico villaggio privo addirittura del nome, rimasto sostanzialmente inalterato fino al 1893. Tal anno ha rappresentato una vera e propria svolta della storia di Jiufen, nei pressi della quale furono scoperti ricchi giacimenti aurei. La corsa all’oro che ne derivò fu senza precedenti, determinando un sensibile incremento demografico culminato all’epoca dell’occupazione giapponese dell’isola di Taiwan. Tuttavia, il brusco contraccolpo della sconfitta nipponica al termine della seconda guerra mondiale determinò un sostanziale declino delle attività minerarie della zona, preludio alla chiusura definitiva della miniera avvenuta nel 1971.

Avendo conosciuto il periodo di massimo splendore in concomitanza con il periodo di dominazione giapponese, Jiufen riflette diversi aspetti della cultura del paese del “Sol Levante”. Il centro, raccolto, di piccole dimensioni, da visitare comodamente a piedi, è ricco di edifici costruiti secondo i canoni tipici dell’architettura nipponica della prima metà del XX secolo. La maggior parte di essi si concentra nel quartiere individuato dallo stretto vicolo coperto di Jishan St e da Shuchi Rd.

Sebbene a prima vista possa dare un’impressione sbagliata, la prima è una via tra le più accoglienti e piene di attrattive della città; qui si affacciano gallerie d’arte, caffè e sale da thè dove al thè vengono abbinati celebri “snack” salati e dolci quali yuwan (polpette di pesce), caozi gao (tortini alle erbe) ed heitang gao (tortini a base di melassa). Tra i locali migliori del centro ricordiamo la Jiufen Teahouse, ospitata da un edificio costruito all’inizio del Novecento preceduto da una distesa di tavolini all’aperto, la Bafan Gold Site Teahouse, ammobiliata con pregevoli arredi di antiquariato, e la City of Sadness, il cui unico difetto è la posizione a breve distanza da una strada carrabile alquanto trafficata.

La prima attrattiva a pararsi lungo la strada di coloro che giungono a Jiufen in autobus è il Taiyang Co. Ruifang mining Operation Office, un edificio situato al di fuori del tessuto urbano consolidato appartenuto ad uno dei più grandi mercanti d’oro della storia locale. Al di fuori del centro vero e proprio si estende anche il Songde Park, un parco di dimensioni ridotte ma di grande valore storico in quanto poco distante da dove furono scavate le prime miniere sul finire del XIX secolo.

Il clima della zona è subtropicale umido e dipende strettamente dallo spirare o meno dei monsoni. Il periodo peggiore per visitare Jiufen è senza dubbio quello compreso tra maggio e settembre, quando piogge, temporali e addirittura tifoni flagellano l’intera parte settentrionale di Taiwan. Questi mesi fanno registrare anche il picco massimo delle temperature, con valori che a luglio oscillano in media tra 34 e 27 gradi, generando un’afa insopportabile acuita dall’alto tasso di umidità dell’aria. Per questo sarebbe meglio partire durante l’inverno, ed in particolare nel periodo compreso tra novembre e gennaio, caratterizzato da precipitazioni nettamente inferiori e da temperature comprese mediamente tra 18 e 13 gradi.

Nonostante il continuo incremento dei flussi turistici, accessibilità e carenze infrastrutturali sono tutt’ora tra le note dolenti di Jiufen. Essendo circondata dalle montagne le uniche strade che la raggiungono sotto strette, tortuose e a tratti potenzialmente pericolose. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Rueifang, situata sette chilometri a ovest di Jiufen e raggiungibile in circa un quarto d’ora di auto; qui fermano ogni giorno i treni della linea Yilan, servita dai convogli della Taiwan Railway Administration. A collegare le due città sono gli autobus Keelung Transit, ma i bus rappresentano valide alternative anche per coloro che partono da Keelung (20 km) e Taipei (35 km).
  •  

 Pubblicato da - 21 Novembre 2013 - Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close