Cerca Hotel al miglior prezzo

Vacanza a Unguja, la regina di Zanzibar, Tanzania

Pagina 1/2

Spesso Zanzibar viene sintetizzata con Unguja, dimenticandosi del resto dell'arcipelago che, tra l'altro, comprende anche la grande isola di Pemba. Ma questo peccato veniale è ben giustificato dalle bellezze staordinarie di Unguja, l'isola delle spiagge che lasciano il turisto senza fiato, in un tripudio di colori e luci che non hanno pari sulle coste africane. Uniamo il fatto di un isola vitale, ricca di storia e intrecci etnici che si perdono nella notte dei tempi, del fascino notturno del cielo australe, e allora una vacanza a Zanzibar acquista il sapore prelibato di un viaggio appassionante ai confini del tempo e dello spazio

Per arrivare a Zanzibar il volo diretto impiega dalle 8 alle 10 ore a seconda della località di partenza. L'unico aeroporto dell'isola si trova a Kisauni, nel sud dell'isola, a circa 6 km da Stone Town. L'altro areoporto dell'arcipelago si trova a Pemba, la seconda isola dell'arcipelago di Zanzibar, che dista una cinquantina di km a nord di Unguja.

Quando venire a Zanzibar? L'isola di Unguja, come tutto l'arcipelago, si trova a sud dell'equatore, quindi in linea di massima si può considerare che la nostra stagione estiva corrisponda al periodo più 'fresco' dell'isola, anche se qui siamo ai tropici ed il concetto di fresco è davvero relativo! Però nei mesi che vanno da giugno e settembre il clima è più secco e soleggiato. La stagione più piovosa è quella che va da fine marzo a fime maggio, con un picco secondario di piogge, ma meno intense nei mesi di novembre e dicembre. Un altro perido secco si ha a gennaio e febbraio, anche se si possonio avere episodi di caldo torrido.

Le spiagge di Unguja sono la principale attrazione dell'isola. qui le barriere coralline corteggiano le spiagge bianche ed assolate, con le onde basse che fanno fremire il turchese delle lagune, orlate dal bianco della spuma dell'oceano che s'infrange sul reef.
Ma prima di vedere il dettaglio delle spiagge Unguja ha da offrire una delle città più affascinanti della costa orientale africana: Stone Town, la città dalle case di corallo.
... Pagina 2/2 ...Passeggiare per Stone Town è un esperienza emozionante, tra le vie strette, i balconi in legno, le porte incise e decorate in stile coloniale che si fonde alla magia africana, densa di suoni e profumi. La storia di Zanzibar è piena di invasioni e dominatori dalla persia, fenici, arabi, europei, e questa storia trasformo l'isola di Unguja nel crocevia mondiale del mercato degli schiavi. Questo nodo di pasaggio tra Africa e modo arabo vide passare tribù intere, dolori e speranze e a tutt'oggi mantiene quel fascino estremo del crocevia, del luogo dove si incontrano culture e popoli che vengono ancora ad interagire sull'onda dello sviluppo turistico.

Le spiagge dell'isola di Unguja attira ogni anno migliaia di turisti, e nonostante l'affollamento nei albergi, hotel e resorts le spiagge molto vaste reggono benissimo al gran numero di turisti e in alcuni casi potete vivere l'emozione del naufrago, in un isolamento perfetto.
Le spiagge della costa orientale sono bordate da una barriera corallina pressochè continua, e sono perfette per ammirare le albe più spettacolari dell'isola. A partire dalla punta settentrionale, dove si trova la spiaggia di Nungwi, poi la magnifica isola di Mnemba, a soli 2 km dalla costa, un vero lembo di paradiso, Matemwa beach, e le bellissime spiagge di Kiwengwa, dove si trovano l'Ocean Paradise Hotel e il Blue Bay.
La costa orientale poi forma una grande rientranza che prende il nome di Chwaka Bay. Sulla penisola che segna il bordo orientale della baia si aprono le magnifiche spiagge di Michamwi, moon beach e Karafuu beach.


close