Cerca Hotel al miglior prezzo

Volubilis, quando in Marocco dominava l'Impero di Roma

Volubilis, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Uno dei luoghi storici più affascinanti del Marocco si trova a poca distanza da Meknes,ed appena fuori la periferia di Moulay Idriss: si tratta delle rovine di Volubilis, città dell'impero romano che testimonia della presenza di Roma nel nordafrica, e dell'importanza che aveva il Marocco come granaio prezioso per tutto l'impero.
Il sito di Volubilis riporta testimonianze antiche segno che la regione aveva una sua importanza giùà in epoche preistoriche. Alcuni ritrovamenti archeologici fanno risalire i primi insediamenti della zona al lontano neolitico, ma poi furono le popolazioni berbere a conquistare il dominio della regione fino all'arrivo dei romani.
Quest'ultimi utilizzarono molto Volubilis come caposaldo della lotta contro le tribù ribelli berbere e la elezione della città a Provincia Romana fu la svolta della sua rapida crescita e dell'eredità di splendidi monumenti che ora possiamo ammirare nel sito archeologico patrimonio UNESCO dell'umanità.

Per arrivare a Volubilis si può percorrere la A2, l'autostrada che unisce Rabat a Fes, uscendo a Meknes, oppure utilizzando direttamente la stra N6 che era l'arteria principale prima della costruzione dell'autostrada. Da Meknes si segue in direzione di Moulay Idriss lungo la N13 e Volubilis si raggiunge appena anord di Moulay Idriss.

Non c'è un periodo migliore per visitare Volubilis, certo in inverno le temperature sono più basse, e le giornate di pioggia sono più frequenti. In estate il sole e il cielo azzurro è accompagnato da temperature elevate (32-33 °C di media) che possono rendere faticosa la visita. Forse la primavera e l'autunno possono rappresentare il giusto compresso tra temperature e piogge. Le piogge possono rendere disagevole la visita, ma per esperienza diretta della redazione de Il Turista, giungere a Volubilis dopo un bel rovescio temporalesco può rappresentare un grande colpo di fortuna, con i mosaici belli lucidi e perfettamente lavati che regalano il massimo della loro brillantezza e spettacolarità.

Cosa vedere e cosa fare a Volubilis?
Il sito è famoso per i suoi splendidi mosaici, circa una trentina che abbelliscono i pavimenti di molte delle costruzioni. Uno dei più celebri rappresenta una figura di bacco e si trova all'interno della Casa dell'Efebo. Presso la Casa di Dioniso si trova un altro notevole mosaico che raffigura un'allegoria delle quattro stagioni.
Altri mosaici pavimentali abbelliscono la casa delle Nereidi e la Casa del bagno delle Ninfe, ma i più spettacolari sono forse quelli della Casa di Orfeo. La si raggiunge partendo da un antico mulino per l'olio e seguendo una bella strada lastricata. La Casa di Orfeo prende il nome dalla presenza di un bel mosaico pavimentale che racconta la storia di Orfeo. Un altro mosaico raffigura un carro trainato da un ippocampo (cavalluccio marino).

Ci sonono altre rovine interessanti a Volubilis, a partire dal ben conservato Arco di Trionfo posto al termine del Decumano massimo. Anche se di simensioni contenute, colpisce per l'ottimo stato di conservazione. Colpisce anche la zona del foro, l'antica èiazza del mercato, dove alcune colonne ancora in posizione eretta rendono particolarmente suggestiva la vista.
Anche la basilica è piuttosto ben conservata, con mura alte oltre 10 m e un lungo colonnato completo di archi che si presta a suggestive foto.

  •  

News più lette

12 Dicembre 2017 La mostra di Frida Kahlo a Milano, Museo ...

La passione, l’arte, la femminilità, il profondo amore per ...

NOVITA' close