Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Marina di Chieuti

Marina di Chieuti (Puglia): la grande spiaggia al confine con il Molise

Pagina 1/2

Il nostro “Bel Paese”, si sa, cela tra i suoi confini un numero impressionante di località da sogno, un ventaglio di scelte che copre pressoché qualunque esigenza di vacanza. Per chi è alla ricerca di un soggiorno a base di sole, mare, relax e natura, lo splendido territorio del Gargano non può che essere tra le mete prescelte. Da Peschici a Vieste, lo “Sperone d’Italia” regala scenari e panorami veramente unici, fatti di dolci colline, pinete, agrumeti e spiagge da sogno. Location imperdibile nel vostro itinerario alla scoperta del Gargano, è, ad esempio, la bella Marina di Chieuti.

Situata al confine tra Puglia e Molise, questa nota località balneare, parte integrante della più vasta Chieuti, è particolarmente apprezzata da residenti e turisti per la tranquillità e la calma che vi regnano, per la natura ancora impervia che circonda le spiagge e che permette di godere di un’atmosfera più soft rispetto alla caotica Peschici.

La storia di Chieuti

La storia di Chieuti affonda le sue radici sulle rovine dell’antichissima città di Cliternia, distrutta dai goti nel V secolo d.C. L’attuale centro abitato fu fondato dieci secoli più tardi da una comunità di albanesi al seguito di Giorgio Castriota Skanderberg, giunto sulle coste pugliesi in soccorso di Ferdinando I d’Aragona durante una rivolta degli angioini presso Barletta.

Dopo aver conseguito la vittoria contro i feudatari ribelli, a Skanderberg e alla sua comunità arbëreshë venne affidato il territorio che conosciamo come Chieuti e che tutt’oggi risente fortemente nella lingua e nelle usanze di questa massiccia presenza albanese, tanto che l’arbëreshë viene ancora parlato come secondo idioma accanto all’italiano. Per quanto riguarda invece tempi più moderni, sappiamo che il feudo di Chieuti passò di proprietà in proprietà, attraverso la mano di famiglie nobili e molto conosciute, quali i Guevara, i Maresca, i d'Avalos e i Gonzaga. Una commistione di culture, quella di Chieuti, che ne ha fatto, nel tempo, un territorio incredibilmente affascinante e ricco di tracce ed impronte diverse, tanto nella lingua quanto nell’architettura, nella tradizione letteraria e in molti altri ambiti.

Cosa vedere, monumenti e spiaggia

Dal punto di vista architettonico, le bellezze di Chieuti consistono essenzialmente nelle case e nelle pittoresche vie e piazze del centro storico, caratterizzato da abitazioni tipicamente basse arricchite da pittoreschi balconcini e vie piuttosto strette, dalle quali si intravedono panorami mozzafiato sulla costa.

Di grande pregio e interesse sono poi i due edifici religiosi di Chieuti, ovvero la Chiesa di San Giorgio Martire e la Parrocchia Stella Maris e se la prima è il cuore della città vecchia attorno al quale venne costituito il nucleo abitato, nonché fulcro della festa patronale, la seconda è situata in località Marina di Chieuti, a poca distanza dal lungo litorale che, d’estate, si anima di turisti e allegria.

... Pagina 2/2 ... E la ricchezza di questa splendida località è proprio questa: il litorale, le splendide spiagge di sabbia dorata, emblema di un territorio, quello del Gargano, che non cessa mai di stupire. Qui siamo nel nord-ovest dello “Sperone d’Italia”, a pochissima distanza dal Molise, cuore della costa Adriatica, in una località che pur offrendo i paesaggi e le meraviglie di località più famose quali Peschici e Rodi Garganico, non ne condivide il caos turistico, adattandosi dunque maggiormente a chi è in cerca di una vacanza all’insegna della pura e semplice tranquillità.

Eventi e manifestazioni

Qui, l’amore e il rispetto per il territorio vengono prima di qualsiasi cosa e proprio per questo, uno dei principali eventi che si svolgono da queste parti durante l’anno, è di natura ambientalista. Si tratta di “Il Mare d’Inverno”, un’importante iniziativa invernale volta a sensibilizzare le autorità e i cittadini sulla delicata tematica della pulizia delle spiagge, che necessitano di una cura costante e non solo di una temporanea attenzione estiva. Un’azione oltremodo importante, quella de “Il Mare d’Inverno”, che raccoglie ogni anno sempre più sostegno e adesioni.

Se invece il vostro soggiorno Chieuti capiterà nel mese di aprile, non potrete perdervi la pittoresca Festa patronale di San Giorgio, per la quale sono previste una serie di tradizioni basate sugli elementi dell’alloro e del tarallo (una treccia realizzata con pasta di caciocavallo), per terminare con la spettacolare Corsa dei Buoi, a cui partecipano quattro carri appartenenti ciascuno ad una contrada di Chieuti.

Tradizione, natura, amore per l’ambiente e, soprattutto, un meraviglioso e limpidissimo mare: sono questi gli ingredienti di Chieuti, una località da sogno in bilico tra Puglia e Molise.

Come arrivare a Marina di Chieuti

Per raggiungere Chieuti dalla A14, è necessario uscire al casello di Poggio Imperiale (situato nel tratto Bologna-Bari). Per chi arriva invece dalla A16 l’uscita consigliata è quella di Candela. Una volta usciti dall’autostrada, la spiaggia di Marina di Chieuti si raggiunge dalla SS16.


close