Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Cercola

Cercola (Campania): la visita alla cittą, gli eventi e le sue sagre

Pagina 1/2

Benvenuti in Campania e precisamente a Cercola, comune del territorio metropolitano di Napoli, considerato "porta" del Parco Nazionale del Vesuvio. Non è difficile immaginare che si tratti di un territorio ameno e paesaggisticamente eccezionale data la grande e significativa importanza che il vulcano ha dal punto di vista biologico, storico e culturale per tutto il territorio circostante.

Cercola tra storia e cultura

Per quanto, molto probabilmente, la fondazione di questo centro è ben più antica, le prime notizie certe e documentate dell'esistenza di Cercola, risalgono al Dizionario geografico ragionato del Regno di Napoli del 1797 dove per l'appunto di parla di Cercola e del territorio circostante che dava buoni frutti e il cui paesaggio era costellato di belle residenze scelte dai signori napoletani per svernare in primavera. Proprio le abitazioni lussuose sono uno degli elementi architettonici tipici della zona di Cerca: infatti, durante il periodo dei Borboni furono qui realizzare residenze rurali dove le famiglie nobili di Napoli trascorrevano le loro vacanze.

Riguardo al toponimo, si attesta la provenienza etimologica di Cercola dalla frazione Cercula, ovvero quercia secolare, dove dopo un'eruzione del Vesuvio del 1872 iniziò la vera e propria urbanizzazione moderna dato il trasferimento in loco dall'originaria zona (e denominazione) di Massa di Somma.

Cosa vedere a Cercola

Da visitare qui a Cercola, diversi monumenti di notevole interesse architettonico, tra cui la Chiesa della Vergine Immacolata risalente al XIX secolo e la Chiesa di Santa Maria del Carmine ai Catini del XVII secolo. Poche sono le notizie storiche ritrovate su questa chiesa che sembra sia stata realizzata intorno al 1641 da un signorotto del luogo dopo un voto fatto per ritrovare i suoi due figli che si erano dispersi sul Vesuvio in eruzione. Ancora da visitare la Chiesa di Santa Maria Immacolata e di Sant'Antonio da Padova del XVIII secolo che conserva importanti opere tra cui l'altare maggiore in marmo pregiato fatto costruire intorno al 1844 e l'Immacolata Concezione che troneggia su di esso.

Una caratteristica del centro storico di Cercola, come dicevamo, sono gli antichi e lussuosi palazzi nobiliari come Palazzo Pironti (antica famiglia nobile napoletana), ma anche Palazzo Cangioni, e palazzo Campora progettato dal famoso architetto Vanvitelli. Rispetto a tutte le altre ville del Miglio d'Oro, ovvero quel tratto tra costa e campagna, nei territori da S. Giovanni a Teduccio a Torre Annunziata, le ville cercolane presentano un aspetto caratteristico rurale che riflette la fertilità e l'amenità agricola del territorio.

Eventi, sagre, gastronomia e tradizione

Appuntamento da non perdere qui a Cercola, gli spettacolari mercatini di Natale che si tengono nella prestigiosa cornice del Relais Villa Buonanno, antica dimora settecentesca e oggi hotel di lusso che si caratterizza per l'ospitalità raffinata e di qualità e che proprio a Natale, si veste di atmosfere magiche e incantevoli.
... Pagina 2/2 ...
Il santo Patrono è San Gennaro e qui si celebra la processione della salute, che tra fede e folklore, è un appuntamento molto atteso dalla popolazione locale. Si tiene la prima domenica di maggio in occasione di un'antica tradizione.

Un altro evento importante qui, legato all'enogastronomia locale, è la Sagra del Piennolo, il tipico pomodorino DOP del Vesuvio. La sagra celebra, tra degustazioni e spettacoli, nel mese di luglio, il prodotto più importante che regala questo territorio a vocazione agricola e che dal 2009 ha anche ricevuto la denominazione di prodotto a denominazione protetta. Un altro prodotto della gastronomia locale viene qui festeggiato con la Sagra del Miele, avvenimento che da più di venticinque anni, celebra una delle prelibatezze locali più conosciute. Una festa veramente gustosa! Ma qui la fa da padrone il vino: due sono i vini pregiati locali e sono il Pompeiano, un IGT bianco, rosso e rosato e il Lacryma Christi del Vesuvio, un DOC conosciuto e di fama internazionale.

Come arrivare a Cercola

Per chi arriva in auto, dall'autostrada A1 Milano - Napoli, uscire a Napoli Centro e proseguire sulla statale n.162 fino a Cercola; per chi arriva in treno, dalla stazione centrale di Napoli (Piazza Garibaldi) prendere i treni della linea provinciale Circumvesuviana e scendere alla stazione di Cercola.

loading...
close