Cerca Hotel al miglior prezzo

Scanno (Abruzzo): visitare il borgo e il lago nel cuore dell'Appennino

Scanno, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Scanno, delizioso paesino di montagna annoverato tra "i borghi più belli d'Italia", è un comune abruzzese in provincia dell'Aquila, incorniciato in una location a dir poco suggestiva. Il territorio comunale è infatti adagiato su un indiscreto sperone del Monte Carapale, nell'Alta Valle del Sagittario, ubicazione che ne fa a ragione un'importante stazione di soggiorno invernale.

La bellezza di Scanno, ad ogni modo, non sta certamente solo nelle montagne. Il comune si trova al confine sud del Parco Nazionale d'Abruzzo, la cui vicinanza reca a Scanno aspetti paesaggistici e faunistici del tutto similari a quelli del parco. Proprio per i suoi paesaggi, ma non solo, Scanno è stata ed è tutt'ora una meta molto apprezzata dai fotografi di tutto il mondo, tra i quali anche il celebre Henri Cartier-Bresson.

Oltre alla splendida natura, ciò che attrae fotografi e visitatori sono senza dubbio i caratteristici vicoletti di questo borgo, i palazzi e le famose scalinate dette "cimmause". Un borgo, quello di Scanno, che trasuda storia e contatto con le vicine montagne. Durante le invasioni barbariche, la città rimase illesa proprio per la struttura difensiva dei monti circostanti e lo stesso curioso nome della città, che deriva dal latino "scamnum", ovvero "sgabello", rimanda alla sua posizione: sarebbe stata chiamata così a causa del suo essere posizionata su uno sperone roccioso a forma di sgabello.

Le vicine montagne sono la principale fonte di attrazione del territorio dal punto di vista paesaggistico e naturalistico, insieme chiaramente al parco naturale e il Lago di Scanno. Natura a parte, Scanno è anche un interessantissimo luogo di visita dal punto di vista urbanistico.

Come non citare, a questo proposito, le numerose chiese del borgo, tra cui spiccano la chiesa di Santa Maria della Valle, la chiesa patronale di Sant'Eustachio e la chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, al cui interno si trova un famoso affresco di una Madonna con il Bambino, una delle più belle opere d'arti di Scanno.

Il centro storico è inoltre ricco di palazzi nobiliari architettonicamente e storicamente molto interessanti. Tra questi si annoverano Palazzo Mosca, Palazzo di Rienzo, Casa Roncone e Casa Colarossi, di cui le ultime due sfoggiano un'altra caratteristica peculiare dell'architettura scannese, ovvero le logge trifore e bifore, posizionate all'ultimo piano dei palazzi.

Un ulteriore elemento di interesse architettonico è rappresentato dai frequenti archi che caratterizzano il centro storico, tra cui il più famoso è senza dubbio l'Arco di Sant'Eustachio, antica porta d'accesso al nucleo medievale del paese, detto "Terra Vecchia". Il centro storico è interessato da un caratteristico itinerario detto "la ciambella", famoso per ospitare numerose botteghe orafe, la cui numerosa presenza si deve all'antica usanza delle donne locali di adornare con numerosi monili le loro tipiche vesti.

Tradizione e folclore sono tutt'ora elementi imprescindibili nella vita scannese, la quale durante l'anno prevede diverse manifestazioni e feste che vanno a celebrare antiche usanze e tradizioni locali. Le più famose sono, per esempio, la festa di Sant'Antonio Abate in cui, davanti alla chiesa dell'omonimo santo, viene acceso un falò e cotte le tipiche sagne alla ricotta; oppure la festa del "Catenaccio", coinvolgente rievocazione di un antico corteo nuziale in cui viene celebrata la bellezza degli abiti tradizionali femminili.

E ancora: la festa delle "Chezette", una grande serenata che si celebra la notte prima dell'epifania; "Le Glorie di S.Martino", un falò nelle tre contrade del paese e molto altro. Scanno si rivela dunque una piacevole meta per gli amanti non solo della natura e della montagna, ma anche delle tradizioni e della buona cucina abruzzese.

Scanno è una meta facilmente raggiungibile con diversi mezzi. In auto, si consiglia di percorrere la A25 per Pescara fino all'uscita di Cocullo, poi prendere la strada statale SS479 per Anversa e Scanno. Per quanto riguarda autobus e treni, invece, i collegamenti più comodi sono quelli da Roma, Pescara e L'Aquila.
  •  

 Pubblicato da - 19 Novembre 2015 - © Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close