Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ortona

Ortona (Abruzzo), vacanza nel suo mare e sulla sua spiaggia

Pagina 1/2

Un promontorio sul Mare Adriatico, come un piedistallo investito di un ruolo importante, sostiene il centro storico affascinante di Ortona, città abruzzese in provincia di Chieti. Abitata da quasi 24 mila abitanti, 25 km a sud di Pescara, se ne sta come una dama impettita alla sommità di questo rilievo roccioso, protesa verso il mare e dominante sul territorio circostante.

Storia

Guardando le pietre del borgo vecchio o la superficie del mare, pare di poter vedere le mani affaticate che secoli fa crearono gli edifici di Ortona, o di poter riconoscere le scie bianche delle navi che in un tempo lontano, alla conquista del Mediterraneo, solcarono questi mari.

Figlia di una storia appassionante, Ortona nacque come porto ad opera dei Frentani, e nel III secolo divenne una colonia romana. Distrutta dai Normanni in epoca medievale e ricostruita dagli Svevi, in seguito fu degli aragonesi e venne devastata più volte, nel Settecento cadde in mano ai Borboni e nell’ultima guerra mondiale fu parzialmente distrutta.

Cosa vedere a Ortona

Nonostante le prove difficili e i periodi oscuri, la Ortona di oggi è una località ricca di testimonianze interessanti e con un appeal turistico invidiabile, che spazia dal divertimento al relax, forte soprattutto di bellissime spiagge e di un mare limpido e irresistibile, quello della cosiddetta Costa dei Trabocchi.
Insignita della "Bandiera Blu" per le acque pulite e la qualità dell'offerta turistica, la città è una delle più famose località balneari dell'Abruzzo, nonché il suo porto più importante e vanta spiagge accoglienti come Lido Riccio e Lido dei Saraceni.

Le bellezze naturali non mancano: rilassante la passeggiata orientale, costituita da una lunga balconata sospesa tra il mare e il cielo, una strada panoramica immersa nel blu e affacciata sopra i colori vivaci del porto.

Benché il mare sia il fiore all’occhiello di questa località, vera attrattiva per i visitatori di tutta Italia, il simbolo del centro storico è senza dubbio l’imponente Castello Aragonese, una magnifica costruzione eretta nel 1450 per volere di Ferdinando d’Aragona a difesa del porto. La posizione basterebbe da sola a circondare di fascino il maniero: abbarbicato in cima a una rupe, è costantemente sferzato dai venti che soffiano impetuosi dal mare, e la sua sagoma imponente si staglia contro il cielo cambiando colore a ogni ora del giorno.
La forma è circa trapezoidale, con quattro torri di forma cilindrica e le cortine su una scarpata. Oggi ha sede nel castello una famosa azienda produttrice di vini locali.
... Pagina 2/2 ...
Tra gli edifici di culto spicca invece la cattedrale di San Tommaso Apostolo, innalzata sulle rovine di un preesistente tempio dedicato a Giano, ristrutturata nel 1127 dopo uno scontro rovinoso con le truppe di Goffredo il Normanno. L’interno, in stile cinquecentesco, venne realizzato in seguito a un incendio appiccato dai saraceni. Bella la cupola, il portale gotico del 1300, gli archi e le colonnine finemente decorate e il campanile dorato, in cui risuonano i rintocchi di una delle campane più grandi d’Italia.

Da vedere anche la chiesa di Santa Caterina, con l’immagine miracolosa del Cristo, e la chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, eretta nel Seicento su un tempio pagano. Non mancano poi i musei interessanti, come quello dedicato alla Battaglia di Ortona, allestito nell’ex convento di Sant’Anna, e il Museo Musicale d’Abruzzo che ha sede nel Palazzo Corvo.

Eventi e manifestazioni

Un ultimo buon motivo per lasciarsi catturare dal fascino antico e moderno di Ortona sono le sue manifestazioni, che si rincorrono nell’arco dell’anno regalando ogni volta occasioni uniche per svagarsi, soddisfare la propria curiosità e avvicinare i turisti alle tradizioni del luogo. Il 20 gennaio c’è la festa di San Sebastiano, con l’accensione davanti alla Cattedrale del caratteristico ‘vaporetto’, una struttura metallica carica di fuochi d’artificio.
La penultima domenica di carnevale c’è la golosissima sagra del dolce, la prima domenica di maggio c’è la festa del Perdono in onore di San Tommaso Apostolo, con la suggestiva processione di barche sul mare, e la prima domenica di settembre si svolge la sagra delle triglie.

Clima

Godere della vita all’aria aperta, a Ortona, è sempre un vero piacere, grazie al clima mite e gradevole della zona, con temperature sempre dolci e tanto sole in ogni periodo dell’anno. Infatti i valori medi di gennaio, il mese più freddo, vanno da un minimo di 2°C a un massimo di 11°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 17°C ai 29°C.
Le precipitazioni si concentrano specialmente tra ottobre e dicembre, quando cadono mediamente 74-77 mm di pioggia al mese.

Come arrivare

Per arrivare a Ortona si possono valutare diverse opzioni. Chi sceglie di viaggiare in auto deve percorrere l’A14 Bologna-Taranto; l'uscita di Ortona si trova lungo il percorso dell'autostrada.
Per chi preferisce il treno la stazione di Ortona è in centro città, in Via della Marina, mentre l'aeroporto più vicino è quello di Pescara, a 24 km.
loading...
close