Cerca Hotel al miglior prezzo

Viana do Alentejo: visita alla cittą e al suo castello

Il castello di Viana do Alentejo, costruito al tempo del re Don Dinis, fu riedificato dal re Don João II, che vi riunì le corti nel 1482. La costruzione è cintata da mura che agli angoli sono sormontate delle torri cilindriche. Il Castello di Viana do Alentejo, di pianta ottagonale, fu ristrutturato nel XV secolo, epoca in cui furono rafforzate le merlature.

Accanto alle muraglie, la chiesa madre è uno dei santuari in stile manuelino più interessanti del Portogallo. Ne è autore Diogo Arruda, fratello di Francisco de Arruda, l’architetto della Torre de Belém. Sul suo portale si possono osservare i simboli della monarchia del re Don Manuel: la croce di Cristo, i cinque scudi con le armi del Portogallo e le sfere armillari.

Addossata alle mura, l’“Igreja Matriz” è uno dei templi religiosi in stile manuelino più interessanti del Portogallo, opera di Diogo Arruda, fratello di Francisco de Arruda, l’architetto della Torre de Belém. Nel portale si possono osservare i simboli regi di D. Manuel: la croce di Cristo, lo scudo e le sfere armillari. Nell’interno, maestoso, le chiavi di volta delle cupole ripetono le insegne del re.

Nel transetto si possono ancora oggi ammirare due belle vetrate cinquecentesche che raffigurano San Pietro e San Giovanni Battista. L’altare della cappella, pantheon di Vasco Godinho (m. 1525), è rivestito da pregevoli azulejos sivigliani del XVI secolo. All’interno delle mura del castello, una croce rinascimentale mostra due commoventi figure, una pietà e una Vergine del Latte.

Nei suoi maestosi interni, le chiusure delle volte ripetono i simboli regi. Si apprezzano ancora sul transetto due belle vetrate cinquecentesche raffiguranti S. Pietro e S. Giovanni Battista. L’altare della cappella, pantheon di Vasco Godinho (morto nel 1525) è rivestito dalle belle majoliche sivigliane (azulejos) del XVI sec. Nel recinto del castello, una grande croce rinascimentale di pietra mostra due commoventi figure, una Pietà ed una Vergine del Latte.

Fonte: Ufficio turistico del Portogallo
Visita Visitportugal.com
 

  •  
close