Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Piodão

Piodão (Piodao), alla scoperta del villaggio nella Serra do Açor

Pagina 1/2

Incastonata nella Serra do Açor (area di paesaggio protetta), dove abbondano panorami meravigliosi, sorgive e pascoli, il villaggio storico di Piodão - per la forma armoniosa delle sue case disposte ad anfiteatro che di notte, con l’illuminazione danno il meglio di sé - sembra uscire da un presepe.

La caratteristica di questo villaggio di montagna dalle stradine strette e sinuose è lo scisto, materiale abbondante nella regione, usato per costruire case e lastricare strade, che forma una macchia di colore uniforme interrotta dall’azzurro vivace delle finestre e delle porte di alcune case.

Questa nota di colore contrastante deve la sua origine a un fattore pratico, giacché si narra che l’unico negozio che riforniva la popolazione aveva solo della vernice azzurra e, a causa dell’isolamento del villaggio, per i suoi abitanti non era facile spostarsi. Sono stati infatti l’isolamento e le difficoltà di spostamento a mantenere intatte le caratteristiche di questo borgo antichissimo.

Nell’agglomerato di case a due piani si staglia l’Igreja Matriz dedicata a Nossa Senhora da Conceição, in calce bianca e dotata di singolari contrafforti cilindrici, eretta dalla popolazione all’inizio del XIX secolo con l’oro e il denaro di tutti. A causa della posizione isolata, nascosta nelle falde della serra, in passato Piodão è stata il rifugio ideale per chi desiderava sfuggire alla giustizia, tanto che si pensa che vi si sia nascosto anche uno degli assassini di D. Inês de Castro, che riuscì a sfuggire la furia di D. Pedro I (XIV secolo).

Villaggio storico non protagonista nella Storia del Portogallo, Piodão si è fatta conoscere in tempi più recenti per la sua posizione scenografica incastonata nella Serra do Açor, motivo più che sufficiente per una visita.

... Pagina 2/2 ... Situata nelle vicinanze di Arganil, l’Area Paesaggistica Protetta della Serra do Açor comprende una zona di grande valore naturale che fa parte della rete europea di riserve biogenetiche, la Mata da Margaraça. La lussureggiante vegetazione di queste montagne di scisto è uno dei rari esempi di manto vegetale primitivo delle regioni montuose del Portogallo centrale, giunto sino ai giorni nostri.

L’aria pura che vi si respira e la frescura dovuta all’abbondanza di acqua, nelle calde giornate estive invitano a lunghe passeggiate (a piedi o in bicicletta). I fiumi che nascono dalla Serra do Açor sono numerosi e ovunque è possibile udire il suono dell’acqua che scorre e imbattersi in piccoli laghetti o spiagge fluviali. Uno dei luoghi più belli è Fragua da Pena, un autentico angolo di paradiso, dove l’acqua, attraverso una serie di cascate, cade da un’altezza di settanta metri, formando una gradevole piscina naturale.

Tra la fauna locale, ricordiamo l’astore, l’uccello rapace che dà il nome alla Serra ed è il simbolo dell’Area Paesaggistica protetta, il quale convive con altri uccelli, come la civetta marezzata e lo sparviero. Nell’area vivono inoltre alcuni mammiferi, quali il cinghiale e la genetta e una grande varietà di invertebrati, tra cui quasi 240 specie di farfalle.

Non dimenticate di fare quindi una sosta al borgo storico di Piodão, perfettamente integrato tra i versanti della montagna, e dove si respirano ancora le atmosfere di un Portogallo che non esiste più.

close