Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Rumsiskes

Rumsiskes (Lituania): la cittą e il museo etnografico

Graziosa cittadina di neanche 2.000 abitanti situata una ventina di chilometri ad est di Kaunas, Rumsiskes ha conosciuto una celebrità inaspettata negli ultimi 40 anni grazie all’inaugurazione del suo museo etnografico. In precedenza, infatti, il villaggio era pressoché sconosciuto anche agli stessi cittadini della metropoli poco distante, benché, soprattutto d’estate, vi si tengano alcuni eventi interessanti. Durante il soggiorno a Rumsiskes, oltre a visitare il museo, potrete passeggiare per il tranquillo centro cittadino costellato da locali che propongono succulente pietanze della gastronomia locale e interessanti botteghe artigianali di intagliatori, tessitori e ceramisti dove acquistare manufatti di valore notevole.

La prima menzione ufficiale di Rumsiskes risale al XIV secolo, quando l’insediamento fu citato su alcuni documenti di proprietà dell’amministrazione di Kaunas. Nei secoli a venire, la città rimase nell’ombra fino all’apertura di un importante campo di concentramento nella vicina località di Pravieniskes, dove, a partire dal 1940, furono imprigionati ebrei provenienti da tutta l’Europa. Nel corso della seconda guerra mondiale più di 700 lituani di origine ebrea furono uccisi a Rumsiskes o nelle sue vicinanze, aprendo una ferita che il tempo non è ancora stato in grado di cancellare. Come già accennato in precedenza, a dare nuovo impulso alla cittadina è stata l’inaugurazione dell’interessante Museo etnografico, una tappa irrinunciabile per molti turisti in visita a Kaunas.

La fondazione del Museo etnografico di Kaunas risale al 1966, ma solo nel 1974 le sue porte furono aperte ai visitatori. L’istituzione museale, costituita nei pressi della sponda sud-orientale del lago artificiale Kaunas (Kauno marios), si estende su una superficie complessiva di oltre 180 ettari sui quali sono state trasportate e riassemblate circa 140 residenze costruite secondo i canoni classici dell’architettura lituana negli ultimi due secoli. Per consentire una visione più facile e esaustiva, il museo è stato suddiviso in quattro zone corrispondenti alle altrettante regioni etnografiche della Lituania, Aukstaitija, Samogizia, Dzūkija e Suvalkija, ognuna delle quali è stata allestita da case e intere fattorie e mulini a vento trasportate qui dalle sedi originarie. In definitiva, non c’è modo migliore di una visita al Museo etnografico di Rumsiskes per avere un quadro completo e particolareggiato dei costumi e delle tradizioni delle diverse regioni di questo vasto paese, senza contare l’opportunità di assistere a pittoresche manifestazioni folcloristiche inscenate soprattutto nei weekend estivi.

Nell’ambito della visita al Museo etnografico di Kaunas si può prendere in considerazione l’ipotesi di estendere il tragitto al più ampio Kaunas Reservoir Regional Park. Istituito nel 1992 col fine di preservare l’ecosistema naturale ed il patrimonio culturale del bacino idrico del lago Kaunas, il parco si estende su una superficie di più di 100 kmq, affermandosi come uno tra i più grandi e importanti tra i 30 parchi regionali della Lituania. Al suo interno, oltre a magnifici scorci naturalistici tipicamente lacustri, si possono vedere alcune belle testimonianze architettoniche risalenti ad epoche diverse tra cui il Monastero Pazaislis, un incantevole edificio barocco del XVII secolo teatro di frequenti manifestazioni di carattere musicale.

Il clima è continentale, sebbene la vicinanza al Mar Baltico lo renda più umido e piovoso rispetto a quello di altre zone più spostate nell’entroterra. Gli inverni non sono rigidi come da altre parti alla stessa latitudine, ma si protraggono dalla fine di ottobre ad aprile inoltrato. Il mese più freddo dell’anno è gennaio, quando le temperature oscillano in media tra -3 e -9 gradi, mentre quello più caldo è luglio, caratterizzato da valori medi pari rispettivamente a 22 e 13 gradi. Le precipitazioni tendono ad attestarsi tra 650 e 700 mm di pioggia all’anno, ma a colpire è soprattutto l’elevato numero di giorni di pioggia che in dicembre arriva a sfiorare i 20 giorni.

Per quanto riguarda i trasporti, raggiungere Rumsiskes è molto comodo e veloce grazie alla vicinanza con Kaunas e con le sue moderne infrastrutture. La metropoli, infatti, è servita dal Kaunas International Airport (KUN), uno degli aeroporti più importanti dell’area baltica, da cui si diramano numerose linee di autobus che consentono di muoversi anche verso Rumsiskes. Molto suggestiva è l’alternativa che prevede la navigazione in battello sulle acque del lago Kaunas, se no si può sempre contare sui treni e sugli autobus di linea.
  •  
loading...
23 Giugno 2017 La Notte Romantica dei Borghi pił belli ...

È finalmente cominciata l'estate e in tutta Italia si moltiplicano ...

NOVITA' close