Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Lituania

Aukštaitija (Lituania): la regione dei laghi e il suo parco nazionale

La regione dell'Aukštaitija è situata nella zona nord-orientale della Lituania ed è la più grande tra le regioni del paese baltico.
Qui si gettarono le basi, nel lontano XI secolo, per la nascita del Granducato di Lituania, e la storia è effettivamente un elemento presente praticamente ovunque nelle strade e nelle terre locali.
È infatti dall'Aukštaitija che provengono molte delle tradizioni lituane, tanto a livello culturale quanto a livello architettonico o gastronomico: le fattorie ed i villaggi tipici, l'immancabile birra e le canzoni locali sono un vero orgoglio per gli abitanti della regione. Tra le canzoni, in particolare, le sutartinès riscuotono ancora un grande interesse per la particolare poetica che esprimono, mentre le specialità culinarie e l'ottima qualità delle birre consentono all'Aukstaitija di rivendicare la propria appartenenza, come membro, del patrimonio culinario europeo.

È quasi scontato sottolineare come questa regione non debba il proprio fascino solo alla ricca storia e tradizione che la rappresenta, ma anche ad un insieme davvero unico di bellezze naturali che si susseguono nel territorio: tra queste si annovera il Lago Sartai, il più lungo del paese, che conta ben 79 km di litorale, nonché luogo dove si teneva storicamente ogni anno un'incredibile corsa di cavalli sulle sue acque ghiacciate; oggi la corsa, ancora molto sentita dalla popolazione, è stata trasferita nell'adiacente ippodromo per ragioni di sicurezza.
Il Parco Nazionale dell'Aukštaitija ospita addirittura 126 laghi, ed è particolarmente frequentato dal turismo nazionale soprattutto nei mesi estivi; di fatto l'Aukštaitija orientale vanta la più grande concentrazione di laghi dell'intera Lituania, anche se la maggior parte di essi si trovano al di fuori dei confini del Parco Nazionale.

La regione è conosciuta inoltre per alcune sue città, piccole ma interessanti e graziose, come la città letteraria di Anykščiai, dove alcuni dei più grandi scrittori lituani hanno vissuto e prodotto le proprie opere: nelle vicinanze si trova anche la località di Visaginas nota per essere stata per lungo tempo sede di una delle più potenti centrali nucleari sovietiche, che solo di recente (nel 2009, per la precisione), ha cessato l'attività. Una visita alla città, che conta meno di trentamila abitanti, permette di scoprire ed approfondire lo stile di vita degli operai e delle loro famiglie, appartenenti alle più diverse etnie, ed accomunate dalla vita che gravitava attorno alla centrale.
Altre cittadine interessanti sono Kėdainiai – con le sue costruzioni in mattoni – e Biržai, dove sorge un antico castello del XVII secolo.
La città principale della regione è Panevėžys, nella quale vivono 100.000 abitanti, seriamente danneggiata durante la guerra mondiale e priva del fascino delle cittadine minori; resta comunque il posto migliore per lo shopping, soprattutto grazie alla costruzione di alcuni nuovi centri commerciali. Altre città meritevoli di una visita sono Ukmerge, con il suo centro storico ottocentesco, e Rokiškis, dove sorge un'elegante residenza feudale.

Nell'Aukštaitija, come si diceva, non mancano le attrazioni di tipo naturalistico: qui si trova la pietra di Puntukas, la seconda per dimensioni del paese, alla quale sono associate diverse immagini storiche; scientificamente, la pietra – del peso complessivo di 265 tonnellate – sarebbe stata trasportata fino all'attuale posizione dai ghiacciai scandinavi, mentre per la mitologia sarebbe stata trasportata dal Diavolo che voleva distruggere la locale chiesa. Anche l'albero più vecchio della Lituania si trova in Aukštaitija: si tratta della quercia Stelmužė, si stima che abbia almeno 1500 anni ed è uno dei più vecchi alberi d'Europa.

La zona nord-occidentale dell'Aukštaitija è architettonicamente unica: la mancanza di legno nel XIX secolo implicò l'uso di materiali diversi per la costruzione degli edifici; tra i più interessanti si annoverano le chiese in stile gotico di fine Ottocento/inizio Novecento, o l'affascinante chiesa di Rokiškis, ma anche quella di Anykščiai, la più alta della Lituania. La parte settentrionale della regione è invece conosciuta per i numerosi mulini a vento ancora in piedi (alcuni dei quali ristrutturati) e per gli eleganti manieri restaurati, come quelli di Rokiškis e Pakruojis.

Segnaliamo inoltre la presenza, nel distretto di Molétai, a circa 70 km nord di Vilnius, di un osservatorio astronomico (1) realizzato nel 1969; in questo luogo astronomi professionisti studiano l'universo utilizzando tecnologie d'avanguardia, come il più grande telescopio dell'Europa Settentrionale.
La struttura, che sorge sulla collina di Kaldiniai, può vantare una posizione privilegiata lontana da fonti di luce dirette ed indirette, che consente di approfittare dell'oscurità totale necessaria per lo studio del cielo.
L'osservatorio è fruibile e visitabile anche dalle scolaresche e dai turisti e propone ai suoi visitatori anche una ricca esposizione di foto di stelle e galassie, nonché la possibilità di osservare in prima persona l'universo con i propri occhi.
Nelle vicinanze della collina di Kaldiniai sorge inoltre un'altra struttura avveniristica di carattere scientifico e culturale, come il Museo di Etnocosmologia, dove si può approfondire un percorso storico sullo studio dei corpi celesti e visionare la volta celeste attraverso due telescopi amatoriali di tutto rispetto.

A quanti decidessero di trascorrere alcuni giorni nella regione, consigliamo alcune strutture ricettive come lo SPA Hotel Belvilis (2), situato nella cittadina di Belvilis, nel distretto di Molètai. L'hotel è stato riconosciuto come “progetto ricreativo e per il tempo libero dell'anno” nel 2006, e si trova integrato in un contesto naturale unico. I suoi servizi per il benessere rispondono ai più elevati standard internazionali, così come il suo ristorante vanta l'esperienza di alcuni tra i migliori cuochi a livello europeo.
Chi invece desiderasse una soluzione meno impegnativa, potrebbe optare per un soggiorno presso il camping (3) che sorge sull'Isola delle Mele (Apple Island, o Obuolių salos in lituano), sul Lago Grabuostas. Qui si può affittare un bungalow o una piazzola per le tende, nei mesi più caldi, e godersi la natura incontaminata del lago e della foresta che lo circonda, ma è anche possibile intrattenersi nelle strutture sportive del campeggio.

Non si esauriscono ovviamente qui le bellezze della regione: il consiglio è senz'altro quello di organizzare un viaggio in Lituania alla scoperta degli angoli più remoti dell'Aukštaitija, approfittando dei collegamenti diretti dall'Italia per la capitale Vilnius, da dove ci si può poi spostare noleggiando un'auto, oppure in treno e in autobus.

(1) Molėtai Astronomical Observatory e Museo di Etnocosmologia
http://www.muziejai.lt/Moletai/etnokosmologijos_muziejus.en.htm

(2) SPA Hotel Belvilis
www.belvilis.lt

(3) Apple Island camping
http://www.appleisland.lt/en
  •  
close