Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Narbona

Narbonne (Narbona): cosa vedere tra le cattedrali e il mare

Pagina 1/2

A pochi chilometri dalle rive mediterranee della Francia del Sud sorge la città di Narbona, Narbonne per i suoi abitanti, che staglia contro il cielo un agglomerato di casette, chiese, mura e massicci palazzi degno di un presepe caratteristico o di un complicato castello di sabbia.

Fondata intorno al 118 a.C. e battezzata con il nome di Narbo Martius, l’antica Narbona si trovava lungo il corso della prima via romana della Gallia, la Via Domitia, che collegava la Spagna all’attuale Italia. Fu in occasione della rivolta di Marsiglia verso i romani che Giulio Cesare vi costruì un porto, in cui dispose le sue legioni, conferendo a Narbona un’importanza nuova sulla scena militare e politica del tempo, testimoniata dal fatto che l’intero sud della Gallia venisse chiamato Gallia Narbonensis. La fortuna cittadina non cessò neppure in seguito, quando divenne capitale della provincia visigota di Septimia e dell’emirato di Cordova, nonché culla della prima poesia d’amore dei trovatori.

Oggi Narbona, con i suoi 46.500 abitanti circa, è una bella città della Linguadoca-Rossiglione, nel dipartimento francese dell’Aude, in un paradiso di luce e colori che pare avere dimenticato le nuvole. Per circa 300 giorni all’anno, infatti, il cielo blu della costa mediterranea è pervaso di un vento fresco e frizzante, che sferza un sole abbagliante e soffia lontano la pioggia. Non più di tre o quattro giorni al mese vengono concessi alle precipitazioni, e le temperature della zona sono quelle tipiche del clima mediterraneo: in gennaio non si scende sotto i 4°C e in luglio, il mese più caldo, si va dai 18°C di minima media ai 29°C delle ore più soleggiate.

Tra le perle che Narbona ha da offrire spicca immediatamente la spettacolare Cattedrale di St. Just et St. Pasteur: benché l’edificio risulti incompiuto, lasciato mutilo durante i lavoro di costruzione del XIII secolo, si rimane a bocca aperta di fronte all’unica cattedrale gotica del Mediterraneo, decisamente degna di competere con quelle del nord della Francia. Ancor più sorprendente e affascinante risulta la postazione sopraelevata della splendida chiesa, che la rende visibile sin da lontano e che regala ai fedeli una magnifica vista dell’area circostante, sino alla linea azzurra del mare.
... Pagina 2/2 ...
Venti chilometri a sud di Narbona si snoda infatti il lucente nastro dorato del litorale, dove gli amanti del mare potranno rilassarsi con un salutare nuotata o una passeggiata accarezzata dal vento. Tornando nel centro della città, sul lato settentrionale della piazza dell’Hotel de Ville, si erge il Palazzo dell’Arcivescovo, in impeccabile stile gotico: l’elegante costruzione è oggi sede del municipio e di alcuni interessanti musei cittadini.

Da vedere è poi l’antico granaio di epoca romana, unica testimonianza rimasta di un’età storica tanto importante per la città, riscoperto soltanto nel 1838 durante dei lavori nella zona. Dopo un’esplorazione attenta del centro e un bagno di sole lungo le spiagge dorate della costa, I visitatori che hanno la fortuna di trovarsi a Narbona in agosto potranno ad assistere a un’importante manifestazione locale: alla fine di agosto, infatti, in città si svolge il Festival Charles Trenet. Cantanti affermati, produttori e agenti si incontrano qui per scoprire nuovi talenti della scena musicale francese. Foto, cortesia Sito Ufficiale

Per raggiungere Narbona si può fare affidamento su un’efficiente linea ferroviaria che unisce Bordeaux, Sète e Marsiglia passando per Tolosa. La stazione di Nrbona si trova a ovest della città, lungo il Viale Frédéric Mistral. Narbona non possiede invece un aeroporto, ma i più vicini sono quello di Béziers, di Carcassonne a 30 minuti dalla città, e quelli di Perpignan e di Montpellier.
loading...
close