Cerca Hotel al miglior prezzo

Montpellier, cosa vedere nella cittą delle fontane

Pagina 1/2

Montpellier (Montpelhièr), capitale della regione Linguadoca e del dipartimento dell'Hérault nella Francia del Sud, ha antichissime origini, addirittura preistoriche. Si sono poi susseguiti Fenici, Liguri, Celti, Romani...Quindi da allora e a tutt'oggi, questa multiculturalità ne ha fatto il luogo ideale per respirare un'atmosfera di fermento, cultura e storia tipica di questa città. Infatti, grazie alla sua fama di apertura ed accoglienza, da sempre ha attratto pensatori e studiosi di tutti i campi, in particolare la medicina. Non a caso, proprio qui, nel 1181, ebbe origine la più antica scuola di medicina e chirurgia del mondo occidentale. Situata sulla strada di Lourdes, è una delle tappe del Cammino di Santiago de Compostela o Strada di Arles, la GR 653.

Montpellier è facilmente accessibile con tutti i mezzi di comunicazione. Esistono diverse compagnie aeree che volano su questa città, all'Aeroporto Internazionale Montpellier Mediterranean: Air France, Air Algérie, Ryanair, Sterling, British Airways, Iberia e Royal Air Maroc. Col treno, potete utilizzare le linee regionali Espresse TER o la linea veloce TGV Mediterranea. In auto potete raggiungerla con la A9 “Languedocien”. Inoltre, anche diverse linee bus nazionali ed internazionali fanno tappa qui: alcune sono la Herault Transport, TAM ed Eurolines.

Un modo originale ed assolutamente piacevolissimo di visitare Montpellier è a piedi o in bicicletta. Infatti, ci sono ben 150 km di piste ciclabili, sia attraverso la città che nei vigneti circostanti e fino al mare. Per i più pigri, esistono due linee di tram e 30 linee di bus. Camminare rimane comunque il modo migliore per scoprire tutte le ricchezze storiche, architettoniche e naturali di questa città piena di sorprese. Le camminate nell'Ecusson vi catapulteranno nel suo passato medievale, mentre le sue numerose e belle piazze vi faranno rivivere l'epoca dell'Illuminismo. Non mancano poi i parchi e i giardini, castelli e sontuose dimore private, che vi faranno rivivere lo splendore e i fasti delle epoche passate.

La città un tempo vantava 100 fontane, tra cui tre monumentali nelle piazze principali. Tra queste, la più bella è il Peyrou, la piazza reale, con la sua vista panoramica, la statua di Luigi XIV, l'Arco di Trionfo del XVII sec e, appunto, la monumentale fontana e gli antichi archi di un acquedotto romano. Ancora, merita attenzione anche la piazza centrale, la Place de la Comédie, conosciuta anche come “L'Oeuf” (L'Uovo) per la sua forma, una tra le più grandi aree pedonali d'Europa. Costruita nel XVIII sec, è bordata da costruzioni eleganti e dalle Opéra Comédie (ben due!); al centro c'è la fontana delle Tre Grazie. Qui, e nell'Esplanade Charles de Gaulle che ne prolunga l'area pedonale, si tengono numerose manifestazioni culturali. Praticamente tutte le piazze più belle sono ornate da fontane ed ognuna è a suo modo caratteristica e diversa dalle altre, o per i bar e locali, o per l'atmosfera più tranquilla e “verdeggiante”.

... Pagina 2/2 ...Altri punti di interesse sono la Cattedrale Saint Pierre, il mikve medievale, un bagno Ebreo cerimoniale del XIII secolo, e i numerosi castelli e case costruiti a partire dal XVIII secolo a testimonianza della ricchezza dei nobili e ricchi borghesi che li avevano fatti costruire. Le dimore private, ben un centinaio, sono lussuosi edifici che sorgono nel centro, con enormi cancellate di ingresso, con grandi e lussuosi appartamenti e luminosi cortili interni. Tra i castelli (“Folies”) i principali sono il Castello de Flaugergues e il Castello de la Mogère, simboli della ricchezza e prosperità del XVIII secolo ed ispirati alle ville italiane veneziane; ancora, il Castello d'Ô o de la Mosson.

Montpellier offre anche musei interessanti e degni di nota. Il primo fra tutti è il musée Fabre, con le sue grandi esposizioni temporanee, poi il Museo della storia di Montpellier, con reperti a partire dall'epoca romana, e della vecchia Montpellier (dal MedioEvo in poi), il Museo Languedocien, con reperti a partire dall'epoca preistorica ed appartenenti a tutti i diversi popoli che l'hanno mano a mano abitata, e il Museo Fougau, sull'arte e la tradizione popolare nella vita di tutti i giorni della Montpellier del passato.

Anche i parchi e giardini, ben 48 in questa città, costituiscono un patrimonio notevole grazie alla loro varietà e alle loro origini spesso antiche, soprattutto tra il XVII e ilo XIX secolo. Tra i più belli, vi è sicuramente la Promenade royale du Peyrou; il parco zoologico de Lunaret vasto 80 ettari, con la sua serra amazzone ed acquario; il bellissimo Giardino botanico, il più antico d'Europa (1593), oasi di pace e verde. Ancora, i Giardini de l'Esplanade, da Piazza de la Comédie, abbelliti da piscine, fontane, aree da gioco e riposo, il Parco Tastavin e il Giardino archeologico Medievale des Potiers.

Infine, vicino al centro sorge Odysseum, un complesso innovativo, un nuovo mondo di piacere con i suoi 50 ettari occupati dalla multisala cinematografica Gaumont multiplex, dalla pista per pattinaggio su ghiaccio Végapolis, dal Planetario Galilée e dai numerosi ristoranti a tema. Inoltre, vi è un acquario con ben 30000 animali di 300 diverse specie, un bowling, un karting e un mini parcogiochi per bambini.
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close