Cerca Hotel al miglior prezzo

Kostroma, guida alla visita della cittÓ lungo l'Anello d'Oro

Kostroma rientra nelle città facenti parti del famoso Anello d'Oro, nome che raggruppa alcune località che si trovano a circondare Mosca. Ognuna di queste presenta delle particolarità che si distinguono da settore a settore, Kostroma per esempio ha una posizione geografica eccellente, poiché grazie al fiume Volga, rappresenta un ottimo punto di riferimento panoramico, paesaggistico e turistico. Non sono rare infatti le classiche "immagini cartolina" che vengono scattate proprio a Kostroma, probabilmente per via di una predisposizione urbana decisamente deliziosa.

La fondazione di Kostroma, città capoluogo di provincia situata alla confluenza del fiume omonimo nel Volga, risale al XII secolo. L'abitato è concentrato soprattutto sulla riva sinistra, in terrazze dolcemente digradanti verso lo specchio d'acqua. Anticamente la città si sviluppava sulla riva opposta ma dopo che i Tatari l'ebbero distrutta nel 1238, gli abitanti la ricostruirono sulla riva sinistra, in una posizione ritenuta più strategica.

Dopo la liberazione delle terre russe dai Tatari nel XIV secolo, Kostroma come altri piccoli principati delle città dell'Anello d'Oro, entrò nella sfera politica della Moscovia e perdette gradualmente peso politico. Oggi è un importante centro dell'industria della lavorazione del lino. A questo proposito, va ricordato che nel 1905 a Kostroma vi fu un lungo sciopero dell'industria tessile durante il quale venne creato uno dei primi soviet operai: le Centurie Nere, sorta di milizia filozarista, risposero attuando un massacro di operai.

Tra i grandi personaggi cui Kostroma ha dato i natali si annoverano i pittori di affreschi del XVII secolo Sila Savin e Gurij Nikitin, che lavorarono in molte città dell'Anello d'Oro; gli scrittori A.N.Ostrovskij e A.F. Pisemskij; il poeta N.A.Nekrasov; l'attrice E.P.K.Aleksandrovskaja; l'autore e drammaturgo F.G.Volkov e infine il pittore B.M.Kustodiev.

Sul Volga si affaccia P.Revoljucii, la piazza principale da cui si dipartono a raggiera tutte le vie della città. La piazza presenta una notevole uniformità di stile architettonico con edifici risalenti alla fine del XVIII secolo e all'inizio del XIX secolo. Anche il resto del centro storico di Kostroma risale per lo più a quel periodo ed è quindi molto interessante come esempio di stile classicista russo applicato ad un intero nucleo urbano.

Sulla piazza affaccia il Museo d'Arte Cittadino, fondato nel 1885 e comprendente le seguenti sezioni: preistoria, storia, arte russa antica, armi, artigianato e arte moderna. A sud-est della piazza si trova la bella Chiesa dell'Assunzione, del 1250 circa. L'altra grande attrattiva artistica di Kostroma è rappresentata dall'ex monastero Ipat'evskij, posto sulla riva occidentale del fiume Kostroma.

Il monastero Ipat'evskij venne fondato nel XIV secolo, ma gli edifici attuali risalgono ad epoche successive, come il Palazzo dei Romanov, costruito nel 1588 e restaurato dall'architetto Richter, che conserva le volte ad arco, le decorazioni e i mobili dell'inizio del XVII secolo. Fu nel 1613 che in questo monastero Michail Fedorovic Romanov venne proclamato zar della Russia. Un altro importante edificio di Ipat'evskij è la Cattedrale della Trinità, risalente alla metà del XVII secolo.

Accanto all'ex monastero Ipat'evskij è stato allestito un Museo all'aperto di architettura in legno, che raccoglie edifici in materiale ligneo risalenti al XVI-XIX secolo provenienti dalla provincia di Kostroma. In realtà tra le discipline artistiche, all'interno del circuito dell'Anello d'Oro non sono affatto rari esempi legati all'architettura. Anche perché i russi possono vantare di aver creato un vero e proprio stile in questo senso, basti pensare alle famosissime cupole a cipolla. Kostroma, per l'appunto, non ne rimane esente.

Per quanto riguarda la parte commerciale, Kostroma potrebbe sembrare interessata a settori che sono comuni in molte località ma in realtà continua una tradizione che appartenne ai suoi antenati e per questo, indossa una storia più antica. Ecco perché la lavorazione del lino (accennata prima) si unisce ad un grande interesse per i gioielli. Diversi i saloni espositivi in cui si può ammirare l'artigianato locale, concentrati vicino alla zona delle gallerie di Gostinyj Dvor, centro commerciale decisamente popolare.

Molto curioso un binomio a Kostroma: ristorazione e gioco. Non è raro che in moltissimi bar e pub tipici, si possano anche trovare delle aree ludiche. Si possono degustare prelibatezze culinarie tipiche o bevande caratteristiche come per esempio il conosciuto tè caldo con il miele o le frittelle con uovo. Oltre a mangiare, la pausa pranzo o la cena saranno accompagnati da grattacapi divertenti come per esempio la risoluzione del cubo di Rubik per chi è un viaggiatore solitario o perché no, una partita ai famosi scacchi con un perfetto sconosciuto o il proprio compagno di viaggio.

Per gli spettacoli itineranti è da segnalare la zona di Stancija, centro artistico che grazie alla collaborazione con diverse associazioni e cooperative organizza e propone a cadenza periodica delle feste tematiche, collegate a diverse discipline umanistiche che possono richiamare ad uno spettacolo teatrale piuttosto che ad un'esibizione canora e così via. Soprattutto nei mesi estivi, dove il turismo si concentra maggiormente, il calendario degli eventi è particolarmente ricco.

Da Mosca, Kostroma è raggiungibile in tre modi: con l'automobile percorrendo l'autostrada di Jaroslavl, con l'aereo atterrando all'aeroporto di Solkerino oppure in treno, anche se questo è decisamente il modo più lungo in quanto ci vogliono circa 8 ore di viaggio. La stagione estiva è l'ideale per visitare Kostroma, lo splendido fiume Volga si tinge di colori magnifici e sono molti i turisti che approfittano del sole per fare un bel pic nic en plain air.

  •  

 Pubblicato da - 23 Settembre 2015 - ę Riproduzione vietata

close