Cerca Hotel al miglior prezzo

Santa Cruz del Cile: in viaggio lungo la Ruta del Vino

Santa Cruz, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Santa Cruz del Cile è una località turistica emergente del Sudamerica, ed è facilmente raggiungibile dalla capitale Santiago, dato che si trova a poco meno di 180 km di distanza, in direzione sud. Una delle sue celebrità è quella di trovarsi lungo la Ruta del Vino, un percorso privilegiato per chi vuole conoscere e gustare l'eccellenza vinicola cilena, e che attraversa da ovest ad est tutta la Valle de Colchagua.

Si tratta di un territorio da sempre vocato alla produzione vinicola, anche se in origine era abitato dalle tribù dei Chiquillanes, che erano conosciuti come i più feroci guerrieri della nazione mapuche, che vestivano di pelli di guanaco in inverno e rimanevano in tenuta adamitica durante le caldi estati del Cile centrale. Queste tribù furono conquistate dagli Incas nel XV secolo, stabilendo in questa valle, il confine meridionale del loro vasto impero. Gli Incas furono i primi ad introdurre l'agricoltura e gli impianti di irrigazione, iniziando in pratica la storia agricola della Valle Colchagua.

Ma è la conquista spagnola, che avvenne a metà del XVI secolo, a trasformare in modo definitivo questo territorio: insieme agli spagnoli arrivarono i missionari gesuiti, con il compito di evangelizzare i popoli indigeni. Questi missionari introdussero la coltivazione della vite, che serviva per la produzione di vino per celebrare la Messa, ma di fatto diedero il via a tutta l'epopea del vino di Colchagua e della zona di Santa Cruz del Cile. Nel 2005 la regione ha ottenuto l'ambito riconoscimento di essere eletta come migliore regione vinicola del mondo, grazie alle sue superbe produzioni di vino di origine francese come Cabernet Sauvignon, Merlot, Malbec e Carmenere. Purtroppo nel 2010 anche Santa Cruz ha risentito del forte terremoto che ha sconvolto le valli centrali del Cile.

Cosa vedere a Santa Cruz: Santa Cruz offre ai visitatori la sua ben conservata architettura coloniale, che risale al 19° secolo, cosa che fa di questa città, una delle mete turistiche più apprezzate della regione. Le attrazioni più importanti della città sono intorno alla sua piazza principale, Plaza de Santa Cruz, alberata dall'estensione di circa 1 ettaro, con la chiesa e il museo Colchagua, mentre il noto museo di El Huique si trova nella zona a nord-est del centro.

La casa Museo "San José del Carmen de El Huique" è stato dichiarato un monumento storico nazionale nel 1961. In questo particolare luogo potrete vedere i costumi tipici della campagna e delle fattorie di metà Ottocento e primo Novecento. E' allestito in una grande casa, con un fronte di 250 metri, e che all'interno presenta mobili in stile impero, una grande collezione di opale, belle lampade, e delle fotografie storiche, come "L'abbraccio sullo Stretto", in cui compare Federico Errázuriz Echaurren Presidente del Cile, insieme al preseidente dell'Argentina Julio Roca, ripresi nell'atto di rappacificare i duei paesi, a bordo della nave da guerra O'Higgins nel 1899. La casa contiene una preziosa collezione di dipinti, tra i quali opere degli artisti Melchor Pérez de Holguin, José Gil de Castro, Alfredo Valenzuela Puelma, Luis Carlos Strozzi e di Gioia. Il museo è visitabile dal Mercoledì alla Domenica su prenotazione per telefono, al numero (72) 933083, e tutti i tour sono guidati da personale locale.

Da segnalare poi anche il Museo Colchagua, in posizione più centrale, nei pressi della chiesa, che è stato creato nel 1995 e viene gestito dalla fondazione Cardoen: presenta degli aspetti interessanti della paleontologia locale, e poi spazia sull'arte pre-colombiana, elementi del folklore, e di storia del Cile, ed altre interessanti curiosità. Di questo angolo di Cile

La Ruta del Vino
Uno degli uffici della Ruta del Vino si trova proprio a Santa Cruz, in Plaza de Armas (www.rutadelvino.cl), ed il percorso attualmente si svolge toccando 14 cantine che si trovano lungo la famosa Valle de Colchagua, di cui Sant Cruz ne rappresenta il centro geometrico. Alcuni dei produttori di vino più prestigiosi del Cile hanno qui le loro produzioni, questo perchè la zona risulta particolarmente vocata pre la produzione di vini rossi, ed in particolare il celebre Carmenere.
Chi volesse aderire a dei tour organizzati, sappia che di solito un tour prevede la visita a due o tre cantine, ed include il pranzo. Oltre che le visite alle cantine, con degustazioni, si uniscono all'esperienza ad alcuni luoghi simbolo di Santa Cruz, come il Museo de Colchagua e la Casa de Huique, a nord della città. Inoltre per chi vuole gustare la gastronomia locale è consigliabile seguire la cosiddetta “Carretera del Vino", che si estende ad est di Santa Cruz, in direzione di San Fernando, dove si trovano degli ottimi ristoranti che accompagnano i cibi con i vini pregiati della zona. Esiste anche il Tren del Vino, un treno turistico a tema vino che collega Santa Cruz con la vicina San Fernando.

Per arrivare a Santa Cruz si può utilizzare l'autobus, che potrebbe essere la soluzione più semplice oltre che economica. La stazione degli autobus della capitale (Terminal de Buses Santiago) si trova in Alameda 3750 e qui si possono acquistare corse con le compagnie Nilahue ed Andimar, che consentono di raggiungere Santa Cruz in circa tre ore di percorrenza. Il capolinea si trova a circa quattro isolati a sud ovest di Plaza de Armas. Chi invece vuole utilizzare il treno può prendere uno con destinazione San Fernando e da qui optare per un bus locale che consenta di coprire gli ultimi 37 chilometri che separano da Santa Cruz. Se invece avete noleggiato un auto, il vostro percorso obbligato è utilizzare la Strada N° 5 che si muove da Santiago in direzione sud. Superate Rancagua e San Fernando, si piega a destra sulla I-50 che conduce direttamente a Santa Cruz.

Il periodo migliore per visitare questo angolo del Cile è ovviamente l'estate, che corrisponde anche alla stagione più secca dell'anno. Le massime da dicembre a febbraio si mantengono su valori intorno ai 28-30 °C, mentre le minime si posizionano tra i 13-14 °C. Piove poco con valori inferiori ai 10 mm mensili. In inverno le precipitazioni possono essere copiose, ed è il mese di giugno a detenere il record pluviometrico, con una climatologia media pari a 210 mm/mese. In ogni caso i mesi che vanno da maggio ad agosto vedono sempre superare i 100 mm mensili. Giugno e luglio sono inoltre i mesi più freddi, con temperature massime di 13-14 °C e minime che mediamente toccano i 5°C. Le nevicate sono un fenomeno piuttosto raro in città, mentre le montagne intorno alla città, specie quelle a nord-est, si presentano spesso imbiancate da una spruzzata di neve.
  •  

 Pubblicato da - 17 Gennaio 2013 - Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close