Cerca Hotel al miglior prezzo

Punta del Este (Uruguay): vacanza tra il Rio de la Plata e l'Atlantico

Pagina 1/2

Punta del Este è un importante località turistica uruguaiana, che conta quasi 13.000 abitanti, sorta all’interno di una penisola in corrispondenza dell’ampio estuario del Rio de la Plata, all’estremo sud del paese. Dal punto di vista amministrativo la città si trova all’interno del dipartimento di Maldonado, e dista poco più di 140 chilometri dalla capitale Montevideo.

I primi coloni europei a metter piede nell’odierno territorio di Punta del Este furono gli spagnoli, sbarcati su queste coste all’inizio del XVI secolo, anche se la fondazione vera e propria dell’insediamento è risalente a quasi due secoli dopo, precisamente al 1829, quando Francisco Aguilar fu costretto a costruire un avamposto nel tentativo di controllare l’espansionismo portoghese che cominciava a minacciare il capoluogo Maldonado. Le amministrazioni succedutesi al timone della regione hanno inficiato anche sulla conformazione morfologica del terreno, una volta caratterizzato da distese chilometriche di sabbia e dune, accondiscendendo ai progetti del facoltoso commerciante uruguagio Antonio Lussich, che nel 1896 acquistò 2000 ettari di terreno brullo avviando la creazione di uno sconfinato giardino botanico, impiantando essenze arboree provenienti da tutto il mondo, tra cui eucalipti, acacie, pini e varie specie di arbusti australiani. Nel Novecento Punta del Este ha ospitato importanti vertici latino-americani, come quello del 1967, a cui partecipò anche il presidente degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson, o quello del 1986, che gettò le basi della creazione dell’Organizzazione mondiale del commercio formalizzata ufficialmente nel 1994.

Oggi la città è divenuta una delle più esclusive mete turistiche del Sudamerica, totalmente diversa dal resto del tranquillo Uruguay, caratterizzata da un litorale fantastico con spiagge tranquille e rilassanti attrezzate per rispondere ad ogni esigenza dei turisti, ed un centro propriamente coloniale che merita indubbiamente una visita. Nella “chiacchiera” comune Punta del Este è descritta come una località dal turismo di lusso, una specie di appendice ai quartieri alti di Buenos Aires, voci confermate dal fatto che diversi magnati finanziari e personaggi dello spettacolo, tra i quali la pop star Shakira e la top model Valeria Mazza, hanno acquistato o fatto costruire la residenza per l’estate, dando luogo ad un contesto holliwoodiano con ville faraoniche ed altissimi condomini affacciati direttamente sul mare.

La maggior parte dei turisti si riversa nella molte spiagge che circondano la città, differenziate in due categorie a seconda che si affaccino sull’Oceano Atlantico, ed è il caso delle Mansa, o sul Rio de la Plata, le Brava, comunque tutte morfologicamente basse e sabbiose. Per gli amanti degli sport acquatici il posto giusto è La Barra, un tratto di costa attrezzato per consentire la pratica di attività come il surf, la canoa, lo sci nautico o la pesca sportiva, mentre spiccano per la bellezza dei paesaggi e delle acque Montoya Beach, Bikini Beach, Manantiales Beach e la località di El Tesoro, a pochi minuti di macchina da Punta del Este. Per il resto si possono trascorrere giornate rilassanti giocando a golf, presso uno dei grandi golf club, girovagando per le vie dello shopping, monopolizzato dalle raffinate boutique dei più noti marchi internazionali di abbigliamento, o passeggiando per le vie del centro storico.

Proprio quest’ultimo, magari meno conosciuto, presenta un tessuto molto interessante caratterizzato da edifici ottocenteschi di pregevole fattura, a cui sono state aggiunte con gli anni costruzioni moderne in cemento armato, ottimamente progettate in modo da mantenere inalterato il fascino antico della città. Gli edifici più rappresentativi sono Casa Pueblo, una villa più simile ad una scultura da vivere progettata in cima a Punta Ballena dal pittore e scultore Carlos Pàez Vilarò, con decine di stanze affacciate sul mare piene di oggetti realizzate dallo stesso artista uruguagio, ed il Faro di Punta del Este, terminato nel 1860 col fine di guidare i navigatori dall’Oceano all’imbocco del Rio de la Plata, ed alto la bellezza di 45 metri. Sempre in centro si trovano viale Gorlero, la strada principale con ristoranti, cinema e casinò, e la piazza Artigas, luogo del mercato artigianale che si tiene ogni settimana.
... Pagina 2/2 ...
Per chi volesse visitare anche i dintorni il consiglio è quello di dirigersi all’isola Gorriti, patrimonio naturalistico di inestimabile bellezza, che presenta anche due spiagge balneabili, Garden Port e Honda Beach, ed un porto dove è consentito attraccare anche alle imbarcazioni più piccole.

Alla periferia della città, vicino a Laguna del Sauce, si trova il secondo aeroporto dell’Uruguay, il Capitan Corbeta Curbelo International Airport, inaugurato nel 1996 e servito da voli nazionali ed internazionali. Altri mezzi per raggiungere Punta del Este sono l’autobus, con collegamenti quotidiani dalla capitale Montevideo, o i traghetti che percorrono il Rio de la Plata.

Il clima è temperato, con temperature medie minime e massime che passano dai 8 e 17 gradi di giugno, ai 19 e 29 di gennaio. Le precipitazioni sono uniformemente distribuite nell’interno arco dell’anno, per un totale medio annuo di circa 1000 mm di pioggia, invogliando il turista a prenotare nei mesi estivi, tra dicembre e marzo, quando oltre al clima eccezionale la città si anima coi locali aperti fino al mattino.

loading...
close