Cerca Hotel al miglior prezzo

Oranjestad (Aruba): cosa vedere nella cittą dei Caraibi

Oranjestad, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La bella Oranjestad rappresenta la significativa capitale di Aruba, isola stato che a nord del Venezuela nel Mar dei Caraibi mantiene un collegamento diretto con il Vecchio Continente essendo assoggettata al Regno dei Paesi Bassi. Da non confondere con l’omonima città posta nell’isola di Sint Eustatius, Oranjestad conta ca. 30.000 abitanti accumulati nell’arco di appena due secoli, dal 1796 a oggi.

Dato che è di recente fondazione, questo contesto urbano fonde diverse concezioni architettoniche, in particolare il gusto per il passato e lo slancio verso la modernità in un mix di avveniristica effervescenza metropolitana. Il suo carattere coniuga le caratteristiche tipiche della cittadina affacciata sul mare con la complessità di un centro massicciamente articolato, nel quale pullulano negozi lussuosi, boutique e gioiellerie incastonati entro una rete in cui trovano per fortuna posto anche vestigia storiche, doverosamente restaurate e abbellite in ottica turistica.

La visita del centro di Oranjestad

Calcando dunque le vie della città, prima o poi si giunge alla prima grande attrattiva, una palazzina conosciuta con il nome di Stadhuis, niente meno che la sede comunale, gettonata per quanto concerne la celebrazione di matrimoni civili, molti ogni anno. Non è comunque questo il vero fiore all’occhiello di Oranjestad, rappresentato invece dal Fort Zoutman, una roccaforte progettata ed edificata per contrastare nel 1798 le incursioni dei pirati dall’oceano e quindi difendere l’isola, fortemente esposta ad attacchi e saccheggi di qualunque tipo.

Quasi un secolo dopo è sorta la Willem III Tower, una costruzione che all’epoca della sua realizzazione, il 1868, riscopriva il doppio ruolo di faro e torre dell’orologio. Proprio nel punto mediano fra queste due meraviglie è ubicato il Museo Storico, che con le sue esibizioni (di cui una permanente) racconta di fatto il viatico esistenziale dell’isola di Aruba, narrata in minima parte anche dal Bon Bini Festival, evento che propone ballerini in costume tradizionale, tanta musica locale, arte e cucina tipica. Il grosso degli artisti si esibisce al teatro nazionale, il Cas di Cultura.

Altro interessante luogo epicentro della cultura autoctona è costituito dal Museo Archeologico di Aruba, alla cui base dell’indagine ci sono gli Amerindi, antenati degli attuali abitanti dell’isola. Il museo è il frutto della conversione della vecchia casa appartenuta alla famiglia Ecury.

Prima di passare a un successivo impegno culturale, è bene passare in rassegna molteplici monumenti dedicati a leader politici che si sono avvicendati alla guida di Aruba, da Jan Hendrik Albert Eman a Cornelis Albert Eman fino a Betico Croes.

Separata da questo filone è la statua eretta in onore della Regina Wilhelmina d’Olanda, poco distante dalla quale sorge la statua dell’eroe della Seconda Guerra Mondiale Boy Ecury. Poco fuori dei confini della città si può ancora visitare il Museo e fabbrica dell’Aloe, che dal 1890 pone al centro delle sue elucubrazioni la pianta di aloe, come facilmente evincibile dal nome.

Le spiagge di Oranjestad

Tutti questi patrimoni locali sono agilmente accessibili grazie a una sviluppata rete viaria di cui fa parte un tram di ultima generazione messo in funzione nel 2012, un mezzo che attraversa lungo un percorso di 6 fermate la Main Street e un’area pedonale ch’è il centro dello shopping.

Lo svago è offerto da tutto ciò che si può trovare nell’isola, spiagge sabbiose con splendide dune in cui accamparsi per godere di un panorama fantastico e bagnarsi nelle acque oceaniche caraibiche, percorsi avventura a piedi o a bordo di jeep, scooter e persino Harley Davidson, resort fra Palm Beach e Eagle Beach dove divertirsi e magari gustare un Coecoei o un Balashi, cocktail che qui i barman preparano all’ordine del giorno.

Come arrivare

Non ci sono voli diretti, bisogna quindi fare scalo ad Amsterdam e da qui prendere il volo per Oranjestad organizzato dalla Martin Air. L’aeroporto di Queen Betrix si trova a soli 6 km dalla cittadina e ci pensano regolari navette bus a portare i turisti alla località.

  •  

 Pubblicato da - 11 Settembre 2017 - © Riproduzione vietata

News più lette