Cerca Hotel al miglior prezzo

Pittsburgh (Pennsylvania): tour nella Steel City e nei suoi ponti

Pittsburgh, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Pittsburgh è una città di circa 312.000 abitanti situata nel sud-ovest dello stato della Pennsylvania, all’interno della Contea di Allegheny, di cui è capoluogo. Geograficamente il centro si è sviluppato nei dintorni del cosiddetto The Point, “La Punta”, il luogo dove i fiumi Allegheny e Monongahela confluiscono a formare l’Ohio River. Negli ultimi anni la città ha compiuto notevoli passi in avanti sotto diversi aspetti, andando ad incentivare l’economia sviluppando settori paralleli a quello industriale, e riqualificando ampie aree residenziali degradate, tanto che oggi sono numerosi gli attestati di stima per Pittsburgh, ritenuta da alcune delle più importanti testate giornalistiche nazionali una delle città più vivibili d’America. Colloquialmente è nota come The City of Bridges, “La Città dei Ponti”, o The Steel City, “La città d’acciaio”, definizioni strettamente legate tra loro visto che si riferiscono alla presenza di molti ponti in acciaio tutt’intorno al centro.

Nel 1753, prima dell’inizio della cosiddetta guerra franco-indiana, George Washington stabilì nella zona dell’odierna Pittsburgh un caposaldo militare, non andando comunque ad intaccare l’ingerenza francese sul territorio, rimasta salda fino a quando l’esercito transalpino non venne definitivamente cacciato dagli inglesi, che cambiarono il nome di Fort Duquesne in Fort Pitt, in onore del primo ministro William Pitt il Vecchio. Dopo essere stata ribattezzata Pittsburgh, nel XIX secolo la città originatasi dall’antico presidio divenne famosa per la produzione di ferro ed acciaio, un settore che durante la Guerra di Secessione conobbe uno sviluppo davvero impressionante. Andrew Carnegie, un immigrato di origine scozzese, si arricchì notevolmente modernizzando i processi produttivi dell’industria siderurgica, che durante la Grande Depressione fece registrare un crollo verticale, risollevandosi poi negli anni ’30 grazie alla produzione di massa delle automobili. Un imponente progetto di rinnovamento urbano realizzato negli anni ’90 ha trasformato completamente l’aspetto del centro di Pittsburgh, ed oggi, nonostante permangano difficoltà economiche tutt’altro che trascurabili, la città ha assunto un’impronta decisamente “cool”, in grado di attirare ogni anno molte persone importanti in cerca di casa.

La caratteristica che balza all’occhio immediatamente è la particolare configurazione urbana, per forza di cose adattatasi alle sponde dei tre corsi d’acqua che attraversano la città, solcati da sette ponti tutti molto pittoreschi. Il Golden Triangle, il quartiere dal nome mistico delimitato dai fiumi Monongahela e Allegheny, costituisce il centro di Pittsburgh, il downtown, recentemente rinnovato peraltro senza indulgere a particolari slanci creativi. Pochi passi a nord-est si trova la zona chiamata Strip, dove sono ospitati magazzini, negozi specializzati in alimenti etnici e locali notturni. Situato lungo la sponda opposta dell’Allegheny River, il North Side ospita i nuovi impianti sportivi e parecchi musei di notevole interesse, mentre sull’altra sponda del Monongahela River si trova South Side, una zona che si inerpica fino al Mount Washington. Ad est del centro si trova Oakland, la zona universitaria, ed ancora più a est si incontrano Squirrel Hill e Shadyside, due gradevoli quartieri residenziali nei quali si respira un’atmosfera da elegante cittadina di provincia.

I principali siti di interesse sono disseminati in un’area abbastanza vasta, per cui è sconsigliabile pensare di visitare Pittsburgh avvalendosi solo delle proprie gambe. Il cuore turistico della città è comunque come detto il Golden Triangle. Qui si possono visitare: l’Allegheny County Courthouse, un austero edificio in pietra in stile romanico che ospita al suo interno il tribunale della contea; il Point State Park, affollatissimo di passanti specialmente nei mesi estivi, all’interno del quale si trova il Fort Pitt Museum, recentemente restaurato e dedicato alla cosiddetta guerra franco-indiana; il Senator John Heinz Pittsburgh Regional History Center, ospitato all’interno di un magazzino in mattoni sapientemente ricostruito, che offre un’ottima introduzione al passato della regione; ed il Western Pennsylvania Sports Museum, la cui ricca esposizione prende in esame i campioni dello sport originari di Pittsburgh.

Un’altra zona molto bella e caratteristica è quella di North Side, particolarmente affollata quando al PNC Park scende in campo la fortissima squadra di football dei Pittsburgh Steelers. Un ulteriore motivo di interesse della zona sono i molti musei: l’Andy Warhol Museum, dedicato al famoso artista originario di Pittsburgh, ricordato tramite l’esposizione di alcune sue celeberrime opere come le lattine di minestra Campbell ed i ritratti di personaggi famosi; la Mattress Factory, una straordinaria galleria d’arte che espone al suo interno pregevoli installazioni e che ospita rappresentazioni di altissimo livello; il Carnegie Science Center, un museo multimediale dedicato alle scienze di livello superiore alla media, e dotato di supporti interattivi che prendono in esame una grande varietà di argomenti; ed il Pittsburgh Children’s Museum, dove i bambini potranno arrampicarsi su una scultura di grandi dimensioni e visitare le mostre dedicate a Jim Henson ed a Mister Rogers.

Da non perdere anche la Duquesne Incline, la storica funicolare inaugurata nel 1877 e ristrutturata nel 1963 da un gruppo di residenti. Vi condurrà sulla sommità del Mount Washington da cui godere una vista mozzafiato della città. Maggiori info: www.duquesneincline.org

Per praticare attività all’aria aperta i luoghi migliori sono quelli del complesso del Pittsburgh Parks Conservancy, che si estende su una superficie di 680 ettari e comprende: Schenley Park, dotato di una grande piscina pubblica e di un campo da golf; Highland Park, arricchito da una piscina, diversi campi da tennis ed una pista ciclabile; Riverview Park, caratterizzato da diversi sentieri per passeggiate a cavallo; e Frick Park, con sentieri escursionistici, un campo da lawn bowling ed una specie di gioco delle bocce.

Gli eventi più importanti celebrati a Pittsburgh con cadenza annuale sono: l’incredibile Hothouse, una notte di giugno in cui si tengono esibizioni molto eclettiche e coinvolgenti spettacoli d’arte e musica che mettono in risalto il lato creativo di Pittsburgh; il Pittsburgh Three Rivers Regatta, una coloratissima regata fluviale che si tiene nel mese di luglio o in agosto; e lo Step Trek, durante il quale una folla molto numerosa sale la scalinata lunga 7195 metri delle South Side Slopes.

Il clima presenta caratteristiche continentali e sub-tropicali, risultando caldo ed afoso in estate, e moderatamente freddo in inverno. In luglio le temperature tendono ad oscillare tra i 29 ed i 18 gradi, pur raggiungendo picchi di 34/35 e risultando spesso opprimenti a causa dell’elevato tasso di umidità relativa. In gennaio invece si scende fino a raggiungere 3 gradi di media per le massime, e -6 per le minime. Le precipitazioni sono generalmente abbondanti, nell’ordine dei 1000 mm di pioggia all’anno, e se durante l’estate si manifestano spesso sotto forma di violenti temporali solitamente di breve intensità, d’inverno tendono ad essere prevalentemente nevose, con depositi al suolo anche consistenti e perduranti.

Il Pittsburgh International Airport (PIT) è il secondo scalo statale per dimensioni e traffico, ed è situato circa 16 chilometri ad ovest del centro presso Findlay Township. Il trasporto pubblico urbano è gestito dalla Port Authority of Allegheny County, comunemente conosciuta come PAT Transit, che ha predisposto diverse linee percorse ad ogni ora del giorno da numerosi autobus. La città possiede anche una stazione ferroviaria ed una fitta rete stradale, nella quale spicca l’autostrada interstatale I-279.

Foto, cortesia: Sito Ufficiale
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close