Cerca Hotel al miglior prezzo

Stonehenge raddoppia! Scoperto un circolo gemello ma fatto di legno

Una antica struttura in legno è stata scoperta nei pressi del celebre sito archeologico di Stonehenge ed è stata salutata dagli esperti come la scoperta più eccitante negli ultimi 50 anni in questo importante e misterioso tempio del sud dell'Inghilterra. Gli scienziati che hanno intrapreso una "scavo virtuale" nella zona intorno a Stonehenge hanno scoperto quella che è stata ribattezzata come "Woodhenge",cioè una struttura circolare simile a Stonehenge ma costruita in legno anziché, con rocce monolitiche. La struttura si troverebbe a meno di un miglio di distanza, a poco meno di 1,5 km dal più celebre circolo di pietre.

La struttura vecchia forse 5000 anni è stata scoperta dopo solo due settimane di lavoro sui dati raccolti in una campagna di studio svolta per circa 3 anni tra i paesaggi nel sud dell'Inghilterra. "Questa scoperta è notevole", ha sottolineato il professor Vince Gaffney, della University of Birmingham ('Istituto di Architettura e Archeologia). "questo ritrovamento cambierà completamente il nostro modo di pensare il paesaggio intorno a Stonehenge". Si tratta di una svolta importante per il celebre sito che si trova a sud-est di Londra, secondo gli archeologici potrebbe essere la scoperta più importante della regione, nell'ultimo mezzo secolo.

Lo stesso significato di Stonehenge, o per lo meno il modo in cui il circolo di pietre si è sviluppato nel paesaggio, potrebbe essere rimesso nuovamente in discussione. Secondo lo studio il nuovo cerchio scoperto avrebbe avuto circa 25 metri di diametro, guarda caso lo stesso di Stonehenge, e sarebbe stato costituito con 24 grandi obelischi di legno.

"Questo è solo l'inizio. D'ora in poi verrà creata un mappa di questo monumento utilizzando una serie di tecnologie che ci permetteranno di vedere questa nuova scoperta, e il paesaggio intorno, in tre dimensioni, "ha così commentato il professor Wolfgang Neubauer, direttore dell'Istituto Ludwig Boltzmann Institute presso l'Università di Vienna, che ha concluso dicendo come questo ritrovamento "segni un nuovo punto di partenza per gli archeologi e su come essi possano indagare il passato."

Fonte: news.com.au
  •  

 Pubblicato da il 23/07/2010 - 2.382 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close