Cerca Hotel al miglior prezzo

Thai Airways: la compagnia nazionale Thailandese a rischio crisi

Pagina 1/2

In tempi di crisi, ciò che potrebbe apparire come una risorsa da sostenere da parte del governo è invece ora diventata un onere come la compagnia aerea Thai Airways International (TG) che non è in grado di adattarsi rapidamente alla situazione di questi tempi turbolenti. Un articolo del Bangkok Post ha generato curiosità nel settore del trasporto aereo realtivamente alla Thailandia. In un lungo colloquio, il dottor Prasert Prasarttong-Osoth, CEO di Bangkok Airways, ha espresso la sua preoccupazione sul futuro del vettore aereo nazionale della Thailandia. Il fondatore del vettore aereo regionale di Bangkok Airways ha predetto che la compagnia aerea nazionale potrebbe andare in crisi entro l'anno prossimo se nessuna riforma verrà applicata. Secondo il giornalista veterano Boonsong Kositchotethana, Prasert ha sottolineato che i crescenti problemi finanziari, la burocrazia legata ad una mancanza di leadership, le accuse di ingerenza politica e la corruzione sono stati responsabili per la difficile stagnazione della compagnia aerea.

La corruzione e l'ingerenza politica sono nulla di nuovo in Thailandia, dove esse sono presenti praticamente in ogni impresa gestita da tailandesi, compresa la maggior parte, probabilmente, di Bangkok Airways. Ma per l’intervistatore del Bangkok Post, Boonsong Kositchotethana, la grande differenza tra Bangkok Airways e Thai Airways risiede nel fatto che il vettore nazionale è ancora finanziato con denaro pubblico, cosa che lo rende più responsabile nei confronti dei suoi atti. Thai Airways sta attualmente sperimentando un netto calo del suo traffico, aggravata dalle incertezze politiche interne al Regno. Ma i fattori esterni non sono la sola causa di ciò. In tempi difficili, la collusione di presunte corruzioni, il nepotismo e l’incompetenza del consiglio di amministrazione sono anche loro un pedaggio sul destino di Thai Airways. E voci di dissenso iniziano ad essere udite in seno alla compagnia aerea con alcuni dirigenti che iniziano a pensare che Thai Airways sia in rotta diretta verso un muro.

Per decenni il governo, che detiene il 51 per cento di tutte le parti attraverso il ministero delle Finanze (ma il 70 per cento di tutte le quote sono in mani pubbliche quando si includono gli altri azionisti), ha ritenuto Thai Airways come un proprio giocattolo di prestigio. Tuttavia, ogni decisione è sospesa per la volontà del Consiglio di Amministrazione, con la maggior parte di esso di nomina politica. "Sono scarsamente professionisti del trasporto aereo ma se il nostro amministratore delegato si oppone loro, viene licenziato immediatamente, ha così spiegato un manager di Thai Airways, che ha voluto mantenere l’anonimato.

L’assenza di competenza si è tradotta negli ultimi anni in strane decisioni, come il trasferimento di voli nazionali per la maggior parte delle città di provincia dal nuovissimo scalo di Suvarnabhumi per l'aeroporto di Don Muang, tagliando ai clienti la possibilità di connettersi alla rete internazionale Thai. Un altro manager esecutivo, a cui era stata domandata la sua opinione circa la pertinenza e la professionalità di una tale decisione da parte del consiglio di amministrazione, aveva risposto con un prudente "no comment".

La compagnia continua a battere le rotte non redditizie con un prodotto sempre più vecchio. Poco è stato fatto finora per guardare attraverso il network. "Un esame delle rotte con un ridimensionamento della compagnia aerea, come è accaduto pochi anni fa alla compagnia indonesiana Garuda o alle Malaysia Airlines è inconcepibile per Thai Airways", ha ammesso l'anonimo dirigente. Di fatto, la Thai Airways è solo l'adeguamento delle frequenze per la domanda di questo inverno, Thailandia alto della stagione con capacità da appena il 2 per cento.

Il gruppo Thai non è stato anche in grado di utilizzare correttamente la propria “figlia” a basso costo, Nok Air (39 per cento di tutte le quote), come un complemento alla propria attività. Entrambe le compagnie aeree restano oggi in contrasto su una comune strategia di sviluppo con Nok Air che sta cercando di risolvere i propri problemi finanziari.
Un numero di personale eccessivo(20.000 dipendenti per il momento), pessime risorse umane che ottengono un lavoro per i loro legami politici piuttosto che per le loro reali competenze, sono solo alcuni dei problemi che la compagnia aerea non è in grado di correggere.

... Pagina 2/2 ...Lo stesso si può dire circa l'incapacità della Thai Airways (TG) di investire in tempo per una nuova flotta. Le decisioni circa l'evoluzione della flotta sono state molte volte in ritardo nel corso degli ultimi anni a causa di cambiamenti di governo. L’età media della flotta di Thai Airways supera gli 11 anni, rispetto ai 6,6 anni per Singapore Airlines.
La presenza di 17 Airbus A300 e 18 Boeing 747-400 incidono pesantemente sul conto carburante della compagnia aerea. Questo anno, il conto del combustibile dovrebbe salire fino a 200 milioni di dollari, pari al 35 per cento del totale dei costi della compagnia aerea.

Alcuni dirigenti TG denunciano inoltre che la lenta reazione TG nell’abbassare il suo supplemento carburante dopo la discesa del prezzo del petrolio, rende la compagnia aerea molto poco competitiva in molti mercati. "Sul traffico di lungo raggio che rappresenta la maggior parte del nostro business, il supplemento carburante è diminuito del 5 al 10 per cento da inizio di ottobre mentre il prezzo del petrolio si era già ridotto in media del 40 per cento. Questo è troppo poco. Mantenere un supplemento carburante così alto per tanto tempo, solo per fare più soldi, è la strategia sbagliata, dal momento che i nostri concorrenti hanno abbassato notevolmente i loro supplementi. Molti dei nostri potenziali passeggeri sono già passati alla concorrenza a causa della nostra lentezza di reazione ", ha così aggiunto il dirigente Thai intervistato.

Thai Airways ha annunciato questa settimana un ulteriore riduzione dei supplementi, questa volta del 30 per cento sulla maggior parte delle rotte intercontinentali, ma potrebbe essere già troppo tardi per recuperare un po’ di mercato. Secondo Krittaphon Chantalitanon, il direttore regionale per la Thailandia, Myanmar e Indocina di Thai Airways, la recente consegna di Airbus A340-600, nonché la fornitura di otto Airbus A330 darà il prossimo anno qualche sollievo alla compagnia aerea. Controlli di costo sono stati eseguiti anche sui pesi dei bagagli al check-in, come pure sul cibo e l’acqua a bordo dei voli in modo da ridurre il peso e i costi relativi.

Thai Airways dovrebbe vedere la sua perdita annuale superare questo anno i 9,5 miliardi di baht (270 milioni di dollari). Nella intervista al Bangkok Post, il dottor Prasert ha paragonato la Thai ad un paziente in fase terminale di cancro, con poche prospettive di recupero nel breve termine. Egli vede il salvataggio del vettore nazionale possibile attraverso una piena e corretta privatizzazione, per evitare il collasso. "Esso però non potrà mai accadere dal momento che molti interessi politici sono in gioco", ha amaramente soggiunto il manager del gruppo Thai Airways.

Cosa riserva il futuro? Il governo thailandese continuerà a mantenere la compagnia aerea per una questione di prestigio in quanto sarebbe un grave perdita per tutta la Thailandia che il suo vettore nazionale cada in mano a privati. Ma questo prestigio diventerà sempre più caro nel tempo e senza una strategia definita si traduce in una stagnazione della compagnie aerea. L'unica amara consolazione dell’intervista del dottor Prasert al Bangkok Post è che la Thai Airways non è l'unica figura ad essere criticata da lui. Egli giudica l'Autorità dei Aeroporti di Thailandia (AOT) come un ente corrotto ed inefficiente, proprio come il vettore nazionale.

Fonte: EturboNews

 Pubblicato da il 08/11/2008 - 5.607 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close